foroeuropeo.it

2752. Crediti per tributi diretti dello Stato per l'imposta sul valore aggiunto e per i tributi degli enti locali.

Print Friendly, PDF & Email

Codice Civile Libro Sesto: DELLA TUTELA DEI DIRITTI Titolo III: DELLA RESPONSABILITA' PATRIMONIALE, DELLE CAUSE DI PRELAZIONE E DELLA CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE Capo II: DEI PRIVILEGI Sezione I: DISPOSIZIONI GENERALI Sezione II: DEI PRIVILEGI SUI MOBILI § 1 - Dei privilegi generali sui mobili Art.2752. Crediti per tributi diretti dello Stato per l'imposta sul valore aggiunto e per i tributi degli enti locali.

Art. 2752. Crediti per tributi diretti dello Stato per l'imposta sul valore aggiunto e per i tributi degli enti locali.

1. Hanno privilegio generale sui mobili del debitore i crediti dello Stato per le imposte e le sanzioni dovute secondo le norme in materia di imposta sul reddito delle persone fisiche, imposta sul reddito delle persone giuridiche, imposta sul reddito delle società, imposta regionale sulle attività produttive ed imposta locale sui redditi. (1) (2)

(...) (3)

2. Hanno altresì privilegio generale sui mobili del debitore i crediti dello Stato per le imposte, le pene pecuniarie e le soprattasse dovute secondo le norme relative all'imposta sul valore aggiunto.

3. Hanno lo stesso privilegio, subordinatamente a quello dello Stato, i crediti per le imposte, tasse e tributi dei comuni e delle province previsti dalla legge per la finanza locale e dalle norme relative all'imposta comunale sulla pubblicità e ai diritti sulle pubbliche affissioni. (4)

(1) Comma sostituito dall’art. 33, D.Lgs. 26 febbraio 1999, n. 46 e così da ultimo modificato dal Decreto Legislativo 1 ottobre 2007, n. 159.
(2) Le parole: "per l'imposta sul reddito delle persone fisiche, per l'imposta sul reddito delle persone giuridiche, per l'imposta regionale sulle attività produttive e per l'imposta locale sui redditi, diversi da quelli indicati nel primo comma dell'art. 2771, iscritti nei ruoli resi esecutivi nell'anno in cui il concessionario del servizio di riscossione procede o interviene nell'esecuzione e nell'anno precedente" sono state così sostituite dal D.L. 6 luglio 2011, n. 98.
(3) Il comma: "Se si tratta di ruoli suppletivi, e si procede per imposte relative a periodi d'imposta anteriori agli ultimi due, il privilegio non può esercitarsi per un importo superiore a quello degli ultimi due anni, qualunque sia il periodo cui le imposte si riferiscono." è stato soppresso dall'art. 33, D.Lgs. 26 febbraio 1999, n. 46, entrato in vigore il 1° luglio 1999.
(4) Articolo così sostituito dalla L. 29 luglio 1975, n. 426, che modifica il codice civile in materia di privilegi.

________________________________________________________

Documenti collegati:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo i primo cento documenti di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI  per continuare la visualizzazione di altri documenti).

La visualizzazione dei documenti può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile anche attivare la ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca" il sistema visualizzerà solo i documenti con la parola chiave inserita.

Domanda ex art. 103 l.fall – Cass. n. 23477/2020Domanda ex art. 103 l.fall – Cass. n. 23477/2020
Fallimento ed altre procedure concorsuali - liquidazione coatta amministrativa - amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi - Domanda ex art. 103 l.fall.- Avente ad oggetto somme di denaro - Ammissibilità - Esclusione - Fondamento - Fattispecie relativa all'azione intrapresa dell'ente impositore di tributi nei confronti del concessionario per la riscossione. In caso di insolvenza del concessionario della riscossione di tributi e della conseguente ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria, l’ente impositore non può esperire l'azione di rivendica e...
Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passivita' fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 2454 del 04/02/2020 (Rv. 657225 - 01)Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passivita' fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 2454 del 04/02/2020 (Rv. 657225 - 01)
Spedizioniere doganale - Ricezione dall'importatore di somme per il pagamento dei tributi doganali - Dilazione - Successivo inadempimento - Escussione delle garanzie da parte dell'Agenzia delle dogane e surroga dei garanti nei confronti dell'importatore - Credito di quest'ultimo nei confronti dello spedizioniere dichiarato fallito - Ammissione al passivo in via chirografaria - Necessità - Fondamento. Tributi erariali diretti - in genere (tributi anteriori alla riforma del 1972) - tributi doganali (diritti di confine - dazi all'importazione ed alla esportazione - diritti doganali). In tema...
Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passività' fallimentari (accertamento del passivo) – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 24836 del 04/10/2019 (Rv. 655816 - 01)Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passività' fallimentari (accertamento del passivo) – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 24836 del 04/10/2019 (Rv. 655816 - 01)
Opposizione allo stato passivo - Credito della Regione per la tassa automobilistica - Privilegio ex art. 2752, comma 4, c.c. - Sussistenza - Fondamento. Responsabilita' patrimoniale - cause di prelazione - privilegi - generale sui mobili - crediti per tributi - degli enti locali. In sede di ammissione allo stato passivo fallimentare, deve riconoscersi alla Regione il privilegio in relazione al credito tributario vantato per la tassa automobilistica, perché il privilegio generale mobiliare per i crediti tributari degli enti locali è volto ad assicurare agli enti medesimi la provvista dei...
Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passivita' fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo - domanda – Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 24588 del 02/10/2019 (Rv. 655558 - 01)Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passivita' fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo - domanda – Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 24588 del 02/10/2019 (Rv. 655558 - 01)
Aggio del concessionario - Ammissione al passivo del credito - Inerenza al tributo riscosso ai fini del privilegio - Esclusione - Fondamento. L'aggio costituisce il compenso spettante al concessionario esattore per l'attività svolta su incarico e mandato dell'ente impositore ed il relativo credito non muta la sua natura di corrispettivo per un servizio reso in base al soggetto (contribuente, ente impositore o entrambi "pro quota") a carico del quale, a seconda delle circostanze, è posto il pagamento: pertanto, in sede di accertamento al passivo dei crediti insinuati dal concessionario, il...
Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passività' fallimentari (accertamento del passivo) – Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 24587 del 02/10/2019 (Rv. 655619 - 01)Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passività' fallimentari (accertamento del passivo) – Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 24587 del 02/10/2019 (Rv. 655619 - 01)
Privilegio generale ex art. 2752, comma 1, c.c. come novellato dall'art. 23, comma 37, d.l. n. 98 del 2011 - Applicazione anche ai crediti sorti in epoca anteriore alla modifica - Accertamento del passivo non ancora definitivo - Ammissibilità - Condizioni - Fattispecie. Il privilegio generale sui mobili per i crediti erariali deve essere riconosciuto anche per il periodo antecedente alla novella dell'art. 2752, comma 1, c.c., introdotta dall'art. 23, comma 37, del d.l. n. 98 del 2011, conv. con modif. dalla l. n. 111 del 2011, purché sia ancora in corso il procedimento di accertamento del...
Privilegio generale mobiliare - tassa cd. di sbarco e di imbarcoPrivilegio generale mobiliare - tassa cd. di sbarco e di imbarco
Responsabilità patrimoniale - cause di prelazione - privilegi - generale sui mobili - crediti per tributi - dello stato - tassa cd. di sbarco e di imbarco - disciplina ex art. 28 l. n. 84 del 1994 - privilegio ex art. 2752 c.c. - sussiste – natura di tributo erariale - fondamento. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 24738 del 08/10/2018 >>> Il privilegio generale mobiliare previsto dall'art. 2752 c.c. dev'essere riconosciuto in via estensiva alla tassa portuale(cd. di sbarco e di imbarco su merci trasportate per via marittima) di cui all'art. 33 della l. n. 82 del 1963, come...
Privilegio generale mobiliarePrivilegio generale mobiliare
Responsabilità patrimoniale - cause di prelazione - privilegi - generale sui mobili - crediti per tributi - dello stato - tassa cd. di sbarco e di imbarco - disciplina ex art. 28 l. n. 84 del 1994 - privilegio ex art. 2752 c.c. - sussiste – natura di tributo erariale - fondamento. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 24738 del 08/10/2018 >>> Il privilegio generale mobiliare previsto dall'art. 2752 c.c. dev'essere riconosciuto in via estensiva alla tassa portuale(cd. di sbarco e di imbarco su merci trasportate per via marittima) di cui all'art. 33 della l. n. 82 del 1963, come...
Dichiarazione di fallimento del contribuenteDichiarazione di fallimento del contribuente
Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passività fallimentari (accertamento del passivo) - in genere - dichiarazione di fallimento del contribuente - credito per sanzione tributaria sorto in epoca precedente al fallimento – inesigibilità durante la procedura concorsuale e fino al ritorno “in bonis” del contribuente - esclusione - fondamento. Corte di Cassazione Sez. 1, Ordinanza n. 23322 del 27/09/2018 >>> Le sanzioni pecuniarie per la violazione di leggi tributarie commesse in data antecedente al fallimento del contribuente,costituiscono un credito che soggiace...
Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passivita' fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo - in genere - Corte di Cassazione, Sez. 1 - , Ordinanza n. 21459 del 15/09/2017Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passivita' fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo - in genere - Corte di Cassazione, Sez. 1 - , Ordinanza n. 21459 del 15/09/2017
Ammissione al passivo del credito in via privilegiata - Interessi sul credito - Diritto di prelazione - Estensione agli accessori - Specifica domanda - Necessità - Fondamento - Fattispecie. In tema di ammissione al passivo del credito per interessi, l’estensione a tale credito del diritto di prelazione accordato dalla legge a quello per capitale, ex art. 54, comma 3, l.fall., non comporta la sottrazione degli accessori alla necessità di una specifica domanda, ai fini della quale occorre l’indicazione di tutti gli elementi necessari per il calcolo degli interessi, e quindi almeno la data di...
Tributi locali (comunali, provinciali, regionali) - imposta comunale sulla pubblicita' e diritti sulle pubbliche affissioni (tributi locali posteriori alla riforma tributaria del 1972) - accertamenti e riscossioni - forme di gestione del servizio - concesTributi locali (comunali, provinciali, regionali) - imposta comunale sulla pubblicita' e diritti sulle pubbliche affissioni (tributi locali posteriori alla riforma tributaria del 1972) - accertamenti e riscossioni - forme di gestione del servizio - conces
Mancato incasso delle imposte - Debenza - Sussistenza. In tema di riscossione, l'aggio, che costituisce il compenso spettante al concessionario esattore, può essere richiesto autonomamente al contribuente, a prescindere dall'avvenuto pagamento del tributo, che non deve necessariamente precederlo. Sez. 5 - , Sentenza n. 24020 del 24/11/2016 Bis  ...
Fallimento ed altre procedure concorsuali - concordato preventivo - ammissione - domanda – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 18561 del 22/09/2016Fallimento ed altre procedure concorsuali - concordato preventivo - ammissione - domanda – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 18561 del 22/09/2016
Concordato preventivo con transazione fiscale - Considerazione nella transazione di crediti IVA - Infalcidiabilità - Fondamento. L'imprenditore che propone una domanda di concordato preventivo e, contestualmente, faccia ricorso alla transazione di cui all'art. 182 ter l.fall. ricomprendendovi anche i crediti IVA, non può offrire il pagamento di tali crediti in misura falcidiata, ancorché debbano essere integralmente degradati a chirografo per mancanza assoluta dei beni su cui possano essere soddisfatti, ostandovi il disposto del comma 1 della norma, che, con previsione già ritenuta...
Responsabilità patrimoniale - cause di prelazione - privilegi - generale sui mobili - crediti per tributi - dello stato – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 17087 del 12/08/2016Responsabilità patrimoniale - cause di prelazione - privilegi - generale sui mobili - crediti per tributi - dello stato – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 17087 del 12/08/2016
Privilegio ex art. 2752, comma 1, c.c., come modificato dall'art. 39 del d.l. n. 159 del 2007 - Applicazione anche ai crediti IRAP sorti in epoca anteriore alla modifica - Fondamento. Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passività fallimentari (accertamento del passivo) - in genere Il privilegio generale sui mobili previsto dall'art. 2752, comma 1, c.c., va riconosciuto ai crediti per IRAP, ai quali è espressamente esteso dall'art. 39 del d.l. n. 159 del 2007, conv., con modif., dalla l. n. 222 del 2007, anche per il periodo antecedente a tale modifica, alla stregua di...
fallimento - passività fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo - domanda - in genere - Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 7868 del 03/04/2014fallimento - passività fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo - domanda - in genere - Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 7868 del 03/04/2014
Aggio del concessionario - Ammissione al passivo del credito - Inerenza al tributo riscosso ai fini del privilegio - Esclusione - Fondamento. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 7868 del 03/04/2014 L'aggio costituisce il compenso spettante al concessionario esattore per l'attività svolta su incarico e mandato dell'ente impositore ed il relativo credito non muta la sua natura di corrispettivo per un servizio reso in base al soggetto (contribuente, ente impositore o entrambi "pro quota") a carico del quale, a seconda delle circostanze, è posto il pagamento. Ne deriva che, in sede di...

________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

 

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

amministrativo

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile