Acque - acque pubbliche - derivazioni e utilizzazioni (utenze) - canoni - sovracanoni - Corte di Cassazione, Sez. U, Sentenza n. 2504 del 04/02/2020 (Rv. 656949 - 02)

Print Friendly, PDF & Email

Art_ 2, comma 1, della l.r. Abruzzo n. 38 del 2013 - Maggiorazione del 10% del canone per i “beni demaniali” - Applicabilità - Limiti.

In tema di concessioni di derivazione di acque pubbliche a scopo idroelettrico, la maggiorazione del 10% del canone prevista dall'art_ 2, comma 1, della l.r. Abruzzo n. 38 del 2013 - nella formulazione, "ratione temporis" applicabile alla fattispecie, anteriore alla l.r. Abruzzo n. 36 del 2015 - per l'utilizzo dei "beni demaniali", ai sensi dell'art_ 25, primo comma, del r.d. n. 1775 del 1933, non è dovuta per lo sfruttamento di beni in proprietà del concessionario e destinati a diventare di proprietà dello Stato soltanto alla scadenza della concessione.

Corte di Cassazione, Sez. U, Sentenza n. 2504 del 04/02/2020 (Rv. 656949 - 02)

ACQUE

ACQUE PUBBLICHE

DERIVAZIONI E UTILIZZAZIONI

 

Accedi

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

Menu Offcanvas Mobile