39. Comitati - Foroeuropeo logo 39. Comitati - Foroeuropeo foro_rivista

311 visitatori e un utente online

39. Comitati

Codice Civile Libro Primo: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA Titolo II: DELLE PERSONE GIURIDICHE Capo III: DELLE ASSOCIAZIONI NON RICONOSCIUTE E DEI COMITATI Art.39. Comitati.

Art. 39. Comitati.

1. I comitati di soccorso o di beneficenza e i comitati promotori di opere pubbliche, monumenti, esposizioni, mostre, festeggiamenti e simili sono regolati dalle disposizioni seguenti, salvo quanto è stabilito nelle leggi speciali.

________________________________________________

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Associazioni e fondazioni - comitati - in genere – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 19114 del 10/09/2014
Associazione o comitato non riconosciuti - Incorporazione in associazione o comitato riconosciuti - Natura - Effetti. L'incorporazione di un'associazione o comitato non riconosciuti in un'associazione o comitato riconosciuti determina la successione dell'incorporante nei rapporti giuridici dell'incorporato, che si estingue. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 19114 del 10/09/2014  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Associazioni e fondazioni - comitati - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 13338 del 29/11/1999
Costituiti da un ente pubblico, non economico, e privi di personalità giuridica pubblica - Disciplina di cui agli articoli 39 e segg. cod. civ. - Applicabilità - Conseguenze - Titolarità, degli obblighi assunti per il perseguimento dello scopo - Mancanza di autonomia nella raccolta dei fondi necessari - Irrilevanza. Un comitato, ancorché costituito da un ente pubblico non economico, ove manchi del riconoscimento della personalità giuridica di diritto pubblico, configura una struttura privatistica la quale opera nell'ambito del diritto privato con piena autonomia di gestione, ne' si rende preclusiva di una tale qualifica la circostanza che l'ente in questione si rilevi privo di autonomia nell'attività di raccolta dei fondi da impiegare per il raggiungimento dello scopo, posto che ciò che caratterizza un tal tipo di ente è il fatto del suo costituirsi per uno dei fini indicati dall'art. 39 cod. civ. E la esistenza di un fondo con cui perseguire detto fine, e non certo l'attività di raccolta dei fondi stessi. Conseguentemente, anche in tal caso, esso ha - pur privo di personalità giuridica - la titolarità piena e diretta dei rapporti patrimoniali relativi sia a beni mobili che immobili, e quindi risponde delle obbligazioni assunte dai suoi rappresentanti. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 13338 del 29/11/1999  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Associazioni e fondazioni - comitati - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 14453 del 22/06/2006
Costituiti da un ente pubblico, non economico, e privi di personalità giuridica pubblica - Disciplina di cui agli articoli 39 e segg. cod. civ. - Applicabilità - Conseguenze - Mancanza di autonomia nella raccolta dei fondi necessari - Irrilevanza. Un comitato può essere costituito da un ente pubblico non economico, ancorché manchi di autonomia nell'attività di raccolta dei fondi da impiegare per il raggiungimento dello scopo, posto che ciò che caratterizza un tal tipo di ente sono il fatto del suo costituirsi per uno dei fini indicati dall'art. 39 cod. civ. e la esistenza di un fondo con cui perseguire detto fine, e non certo l'attività di raccolta dei fondi stessi. Conseguentemente, anche in tal caso, esso ha - pur privo di personalità giuridica - la titolarità piena e diretta dei rapporti patrimoniali relativi sia a beni mobili che immobili, e quindi risponde delle obbligazioni assunte dai suoi rappresentanti. (Nella specie la S.C. ha confermato la sentenza di merito che, in applicazione del principio soprariportato, aveva ravvisato la sussistenza dei requisiti minimi per la costituzione di un comitato, negli articoli dello statuto che indicavano la finalità dell'ente, consistente nel promuovere manifestazioni drammatiche e culturali e che individuavano i fondi nei contributi annui degli associati ed in particolare del Comune). Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 14453 del 22/06/2006  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Associazioni e fondazioni - comitati - responsabilità - dei componenti – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 14453 del 22/06/2006
Enti pubblici - Responsabilità - Limiti - Sentenza di mero accertamento - Ammissibilità - Esclusione La responsabilità degli enti pubblici componenti di un comitato non è pari a quella di tutti gli altri componenti, ma, specie nel caso di enti territoriali, è limitata agli impegni finanziari assunti con rituali deliberazioni debitamente autorizzate, con la conseguenza che la responsabilità di detto ente non può essere affermata neanche con sentenza di mero d'accertamento dell'obbligo. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 14453 del 22/06/2006  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Associazioni e fondazioni - comitati - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 6985 del 08/05/2003
Comitato non riconosciuto - Incorporazione in comitato riconosciuto - Conseguenze - Liquidazione del primo - Esclusione - Successione con trasferimento dei rapporti - Configurabilità. I comitati non riconosciuti, come le associazioni non riconosciute, pur non essendo persone giuridiche, sono autonomi centri di imputazione di situazioni giuridiche soggettive, potendo ad essi attribuirsi la titolarità di diritti sia obbligatori che reali; pertanto, l'incorporazione di un comitato non riconosciuto in un comitato riconosciuto non crea una situazione di liquidazione del primo ma una ipotesi di successione a questi del nuovo comitato, con la conseguenza che nei rapporti giuridici del comitato incorporato subentra il comitato incorporante, mentre il comitato inglobato si estingue. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 6985 del 08/05/2003  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Procedimento civile - notificazione - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2288 del 19/03/1996
Ad enti sforniti di personalità giuridica - Luogo di notificazione - Identificazione - Criteri.  ≡≡≡≡≡≡≡ Le notificazioni agli enti sforniti di personalità giuridica (società di persone, associazioni di fatto, comitati), sono validamente eseguite nel luogo in cui tali enti effettivamente operano in via continuativa, alla stregua del disposto dell'art. 145, comma secondo, cod. proc. civ., il quale richiama l'art. 19, comma secondo, che a detto luogo, fa riferimento ai fini della competenza territoriale. La concreta identificazione di detto luogo è desumibile dalla relazione di notificazione redatta dall'ufficiale giudiziario o, nelle notificazioni a mezzo del servizio postale, dalle attestazioni dell'agente che provvede al recapito, contenute nell'avviso di ricevimento, dovendo la relazione o l'avviso essere considerati idonei a far fede fino a prova contraria in ordine alla indicazione di un determinato luogo come sede del notificando. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2288 del 19/03/1996  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Competenza civile - litispendenza - Presupposti – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 10857 del 18/10/1995
Procedimento in corso e procedimento definito con sentenza non ancora impugnata - Litispendenza - Configurabilità - Esclusione. La litispendenza presuppone la simultanea pendenza della stessa controversia dinanzi a giudici diversi, ancorché non nel medesimo grado. Pertanto, non è ravvisabile litispendenza fra un procedimento in corso ed altro procedimento già definito con sentenza, benché suscettibile d'impugnazione, perché nel secondo processo, almeno finché l'impugnazione non sia proposta, non vi è un giudice investito della lite. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 10857 del 18/10/1995  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Associazioni e fondazioni - Comitati - In genere - Titolarità diretta di rapporti patrimoniali relativi a beni mobili e immobili – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 6032 del 23/06/1994
Sussistenza - Attribuzione di beni immobili - Disciplina della trascrizione e mancata previsione dell'autorizzazione ex art. 17 cod. civ. - Ininfluenza. Le associazioni ed i comitati privi di riconoscimento, pur non essendo persone giuridiche, sono figure soggettive alle quali può essere attribuita la titolarità diretta dei rapporti a contenuto patrimoniale relativi sia a beni mobili che immobili, non ostando a quest'ultima attribuzione ne' la disciplina della pubblicità immobiliare - in quanto l'art. 2659 cod. civ. (nel testo modificato con la legge n. 52 del 1985) (secondo cui la nota di trascrizione degli atti tra vivi deve contenere denominazione o ragione sociale, sede e numero di codice fiscale delle associazioni non riconosciute) deve ritenersi applicabile anche ai comitati che non abbiano conseguito il riconoscimento, stante l'identità di situazioni giuridiche - ne' la mancata previsione dell'autorizzazione governativa agli acquisti, richiesta, invece, per le persone giuridiche, dall'art. 17 cod. civ., in quanto tale mancanza va coordinata col disposto dell'art. 37, stesso codice, che non distingue tra mobili e immobili, a proposito dei beni con i cui acquisti si incrementa il patrimonio degli enti di fatto, e si giustifica col rilievo che la responsabilità personale e solidale di coloro che agiscono per tali enti fa venir meno quelle ragioni di tutela del credito che giustificano la regola dell'autorizzazione per la persona giuridica riconosciuta, la cui responsabilità è limitata al patrimonio sociale. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 6032 del 23/06/1994  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Associazioni e fondazioni - Comitati - In genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 6032 del 23/06/1994
Mutamento dell'originaria componente soggettiva dell'organizzazione - Compatibilità con la nozione di comitato. La nozione di comitato recepita dall'art. 39 cod. civ. non è incompatibile con il mutamento dell'originaria componente soggettiva dell'organizzazione, poiché la configurazione di questa come una struttura chiusa, se è aderente all'ipotesi di strumenti operativi posti in essere per realizzare finalità che si esauriscono in un periodo di tempo determinabile in anticipo (come nei casi di comitati per festeggiamenti o per recare soccorso nelle pubbliche calamità), non lo è con riguardo ad organismi istituiti per conseguire obiettivi che si proiettano in un lungo arco di tempo, come nei casi delle mostre o delle esposizioni permanenti ovvero del perseguimento di scopi assistenziali perduranti, con riferimento ai quali è configurabile una persistenza dell'organizzazione pur di fronte al mutamento suddetto. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 6032 del 23/06/1994  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Lavoro - Lavoro subordinato - Orario di lavoro - Lavoro notturno - Divieto per le donne – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 4802 del 24/04/1993
Rimozione contrattuale ex art. 5 legge n. 903 del 1977 - Carattere vincolante per le sole iscritte ai sindacati stipulanti - Dissenso di quest'ultima - Inefficacia - Limiti. Il contratto collettivo (nazionale, provinciale o aziendale), cui l'art. 5, secondo comma, della legge 9 dicembre 1977 n. 903 (sulla parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro) riserva in via esclusiva la possibilità di diversa disciplina o di rimozione del divieto (stabilito dal precedente primo comma in relazione alle aziende manifatturiere, anche artigianali) di adibire le donne (eccettuate quelle che svolgono mansioni direttive e le addette ai servizi sanitari aziendali) al lavoro notturno (dalle ore 24 alle ore 6), è vincolante solo per i soggetti iscritti alla parte sindacale stipulante; ed in tale ambito - una volta esauriti, secondo la dialettica interna propria dell'organismo collettivo, i processi interni di formazione delle scelte negoziali del sindacato - il dissenso dei singoli iscritti, espresso in costanza d'iscrizione al sindacato, è improduttivo di effetti (indipendentemente dalla circostanza che esso sia o no portato a conoscenza della parte datoriale direttamente interessata) sul contratto collettivo, la cui legittimità, in relazione all'esigenza (presupposta dalla norma) di un'organizzazione del lavoro tale da rendere compatibile il lavoro notturno con la tutela della salute e della sicurezza della donna, deve essere di volta in volta verificata dal giudice con apposita indagine di merito. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 4802 del 24/04/1993  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Persona giuridica - associazioni non riconosciute - scioglimento - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 4650 del 19/07/1986
Devoluzione dei beni costituenti il fondo comune - applicazione delle clausole dello statuto.* Nel vigore del codice civile del 1865, il quale non contempla le associazioni ed i comitati, la devoluzione dei beni costituenti il fondo comune di un ente morale di fatto, ivi inclusi gli immobili, a seguito dell'Estinzione dell'ente medesimo, resta regolata dalle clausole dello statuto, quale espressione della volontà negoziale degli associati o promotori, dovendosi escludere,in contrasto con dette clausole, un diritto dei partecipanti alla ripartizione dei beni stessi, indipendentemente dal fatto che siano stati acquistati con loro denaro, ovvero con somme raccolte mediante pubblica sottoscrizione.* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 4650 del 19/07/1986  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Persona giuridica - comitati - responsabilità - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 3898 del 12/06/1986
Titolarità di patrimonio autonomo - acquisto di bene immobile - trascrizione.* I comitati, di cui agli artt. 39 e segg. cod. civ., pur mancando della personalità giuridica, configurano autonomi centri di imputazione di situazioni giuridiche soggettive e sono titolari di un proprio patrimonio, insensibile rispetto alle eventuali obbligazioni personali degli organizzatori, del quale fanno parte i fondi raccolti da detti organizzatori ed i beni acquistati con tali fondi, dato che gli Atti da loro posti in essere sono direttamente riferibili ai comitati medesimi, in forza del rapporto di rappresentanza organica. Il suddetto principio trova applicazione anche nel caso d'acquisto di bene immobile, mentre il particolare regime di pubblicità immobiliare, comportando la necessità della sua intestazione alla persona fisica dell'organizzatore, implica che questi assume fiduciariamente l'Obbligo di conservare il bene stesso al patrimonio del comitato e di non trasferirlo a terzi. ( V 4902/77, mass n 388503).* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 3898 del 12/06/1986  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Persona giuridica - comitati - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 3898 del 12/06/1986
Trasformazione in fondazione - precedente acquisto di bene immobile con fondi del comitato - obblighi dell'organizzatore.* Qualora un comitato si trasformi in un ente munito di personalità giuridica, quale la Fondazione, in forza di una vicenda evolutiva che deve ritenersi consentita in presenza di una volontà in tal senso manifestata all'atto della sua Costituzione, l'organizzatore, il quale abbia in precedenza acquistato a proprio nome un bene immobile con fondi del comitato, è tenuto a fare quanto necessario, anche per quanto riguarda il regime di pubblicità immobiliare, a che il bene stesso, a suo tempo comprato in qualità di organo del comitato, risulti intestato alla Fondazione ad esso subentrata. Tale Obbligo, discendendo fiduciariamente dalla qualità di organizzatore-organo, non richiede l'atto scritto, e, in caso di inosservanza, comporta che il nuovo ente può conseguire il mutamento d'intestazione del bene mediante una pronuncia a norma dell'art. 2932 cod. civ., mentre non è in proposito di ostacolo che la Fondazione non abbia ancora ottenuto l'autorizzazione governativa per l'acquisto, prescritta dall'art. 17 cod. civ., trattandosi di circostanza rilevante solo nel senso di condizionare l'efficacia di detta pronuncia al conseguimento dell'autorizzazione stessa. ( V 3773/81, mass n 414408; ( V 4252/76, mass n 382943).* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 3898 del 12/06/1986  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Persona giuridica - comitati - in genere – Corte di Cassazione, Sez. U, Sentenza n. 5138 del 18/10/1985
Comitato costituito da enti pubblici non economici - mancato riconoscimento della personalità giuridica di diritto pubblico - struttura privatistica - prestazioni lavorative effettuate presso il comitato - controversie relative  Domanda di accertamento di un rapporto di lavoro con un comune componente del comitato - giurisdizione del giudice amministrativo - domanda di accertamento di un rapporto di lavoro con il comitato - giurisdizione del giudice ordinario.* Un comitato costituito da enti pubblici, ancorché non economici, quale il comitato promotore delle manifestazioni espositive di Firenze e prato, ove manchi del riconoscimento della personalità giuridica di diritto pubblico, configura una struttura privatistica, secondo la previsione degli artt. 39 e segg. cod. civ.. pertanto, qualora, in relazione a prestazioni lavorative effettuate presso detto comitato, venga richiesto, in via principale, l'accertamento di un rapporto di lavoro subordinato direttamente con il comune, componente di quel comitato, sotto il profilo della qualificazione del comitato stesso come parte integrante dell'ente territoriale, nonché sotto il profilo dell'inosservanza da parte di quest'ultimo del divieto di intermediazione ed interposizione di cui all'art. 1 della legge 23 ottobre 1960 n. 1369, ed inoltre, in via subordinata, venga richiesto il riconoscimento della Costituzione del medesimo rapporto con il comitato (e la conseguente affermazione della responsabilità solidale degli enti che lo costituiscono, a norma dell'art. 41 cod. civ.), deve dichiararsi la giurisdizione del giudice amministrativo sulla domanda principale, in quanto fondata sulla deduzione di un rapporto di pubblico impiego, a seguito dello inserimento del dipendente nell'ambito dell'organizzazione pubblicistica di un ente pubblico non economico, mentre deve essere dichiarata la giurisdizione del giudice ordinario sulla domanda subordinata, in considerazione del suddetto carattere privatistico del preteso datore di lavoro e della sua attività. ( V 5754/82, mass n 423484).* Corte di Cassazione, Sez. U, Sentenza n. 5138 del 18/10/1985  ...
39. Comitati - Foroeuropeo freccia_27_10Persona giuridica - comitati - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 4902 del 12/11/1977
Evoluzione di un comitato, svolgente concreta attività di attuazione di uno scopo duraturo attraverso l'utilizzazione di beni ad esso vincolati, in associazione riconosciuta o fondazione, con lo stesso scopo e gli stessi beni rapporti giuridici posti in essere dai componenti del comitato - persistenza ed acquisizione da parte dell'ente fornito di personalità giuridica - responsabilità personale e solidale dei predetti componenti - persistenza.* Qualora un comitato, che abbia svolto non opera meramente promozionale, ma concreta attività di attuazione di uno scopo programmato e duraturo, attraverso l'utilizzazione di beni e a tal fine destinati e vincolati, venga successivamente ad evolversi in un ente munito di personalità giuridica, nelle forme dell'associazione riconosciuta o della Fondazione, il quale mantenga immutato quello scopo ed i beni caratterizzati da inerenza alla sua realizzazione, i rapporti giuridici posti in essere dai componenti del comitato, medesimo, in stretta connessione con il perseguimento delle sue finalità, non si estinguono per effetto dell'indicata vicenda evolutiva, ma si conservano e vengono acquisiti dall'ente dotato di personalità giuridica, ferma restando la responsabilità personale e solidale dei predetti componenti.* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 4902 del 12/11/1977  ...

________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati