famiglia - matrimonio - scioglimento - divorzio - in genere – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 4291 del 01/03/2005

Print Friendly, PDF & Email

Assegnazione della casa familiare - Revoca - Presupposti - Fatti posteriori alla sentenza divorzile modificativi della situazione da questa considerata - Necessità - Fattispecie. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 4291 del 01/03/2005

In tema di divorzio, il provvedimento di assegnazione della casa familiare è revocabile solo in presenza di circostanze fattuali sopravvenute alla sentenza divorzile, e modificatrici della situazione da questa considerata, le quali costituiscono il "proprium" del giudizio di revisione di cui all'art. 9 della legge n. 898 del 1970, come sostituito dall'art. 13 della legge n. 74 del 1987. (In applicazione del principio di cui alla massima, la S.C. ha cassato la decisione della corte di appello confermativa del decreto del tribunale che aveva motivato la disposta revoca del provvedimento di assegnazione della casa coniugale non già in ragione della verificazione di un evento posteriore alla sentenza di divorzio, tale da giustificare la revisione di detto provvedimento, ma alla stregua della insussistenza, nella specie, del presupposto dell'assegnazione stessa, individuato nella necessità di assicurare la continuità dell'abitazione ai figli conviventi minori o maggiorenni non autosufficienti economicamente , in quanto mancavano figli conviventi con l'ex coniuge assegnatario).

Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 4291 del 01/03/2005

Accedi

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

Menu Offcanvas Mobile