1382. Effetti della clausola penale

Codice Civile Libro Quarto: DELLE OBBLIGAZIONI Titolo II: DEI CONTRATTI IN GENERALE Capo V: DEGLI EFFETTI DEL CONTRATTO Sezione I: DISPOSIZIONI GENERALI Sezione II: DELLA CLAUSOLA PENALE E DELLA CAPARRA Art.1382. Effetti della clausola penale.

Art. 1382. Effetti della clausola penale.

1. La clausola, con cui si conviene che, in caso d'inadempimento o di ritardo nell'adempimento , uno dei contraenti è tenuto a una determinata prestazione, ha l'effetto di limitare il risarcimento alla prestazione promessa, se non è stata convenuta la risarcibilità del danno ulteriore.

2. La penale è dovuta indipendentemente dalla prova del danno.

________________________________________________________

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - obbligazioni pecuniarie - interessi – Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 26286 del 17/10/2019 (Rv. 655639 - 02)
Rapporti bancari - Interessi convenzionali di mora - Interessi corrispettivi - Normativa antiusura - Tasso soglia - art. 2 della l. n. 108 del 1996 - Usura oggettiva - Nullità della clausola - Istruzioni Banca d'Italia - Mancata previsione degli interessi di mora nella rilevazione del T.E.G.M. - Criteri - Valutazione unitaria del saggio d'interessi - Usura oggettiva - Sommatoria del tasso soglia di mora con il tasso soglia ordinario - Fondamento. Nei rapporti bancari, gli interessi...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - obbligazioni pecuniarie - interessi – Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 26286 del 17/10/2019 (Rv. 655639 - 01)
Interessi corrispettivi e moratori - Divieto di cumulo - Previsione contrattuale di tasso per interessi corrispettivi - Individuazione del tasso di interessi moratori effettivamente applicati - Riferimento ai soli punti percentuali - Esclusione - Riferimento al valore complessivo - Necessità. Nei rapporti bancari, gli interessi corrispettivi e quelli moratori contrattualmente previsti vengono percepiti ricorrendo presupposti diversi ed antitetici, giacchè i primi costituiscono la...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Clausola penale – Cass. 13956/2019
Configurabilità - Condizioni - Fattispecie. Connotato essenziale della clausola penale è la sua connessione con l'inadempimento colpevole di una delle parti e, pertanto, essa non è configurabile allorché la relativa pattuizione sia collegata all'avverarsi di un fatto fortuito o, comunque, non imputabile all'obbligato, costituendo, in tale ultima ipotesi, una condizione o clausola atipica che può essere introdotta dall'autonomia contrattuale delle parti, ma resta inidonea a produrre gli...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Appalto (contratto di) - progetto - variazioni -  Richiesta di variazioni "notevoli" delle opere - Sostituzione consensuale del regolamento contrattuale – Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 9152 del 02/04/2019 (Rv. 653307 - 01)
Termine di consegna e penale per il ritardo originariamente pattuiti - Conseguenze - Onere della prova - Fattispecie. In tema di appalto, la richiesta di notevoli e importanti variazioni delle opere, avanzata in corso di esecuzione dei lavori dal committente, comporta la sostituzione consensuale del regolamento contrattuale in essere e il venir meno del termine di consegna e della penale per il ritardo originariamente pattuiti. L'efficacia della penale è tuttavia conservata soltanto se le...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Richiesta di adempimento o di risoluzione del contratto - Conseguenze - Restituzione della caparra - Fondamento - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 8571 del 27/03/2019
Contratti in genere - caparra – confirmatoria - Richiesta di adempimento o di risoluzione del contratto - Conseguenze - Restituzione della caparra - Fondamento - Diritto al risarcimento del danno - Sussistenza - Limiti. Qualora, anziché recedere dal contratto, la parte non inadempiente si avvalga dei rimedi ordinari della richiesta di adempimento ovvero di risoluzione del negozio, la restituzione della caparra è ricollegabile agli effetti restitutori propri della risoluzione negoziale, come...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Pattuizione di un termine per la consegna e di una penale per il ritardo - Mutamento dell'originario piano dei lavori - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 8405 del 26/03/2019
Appalto (contratto di) - consegna dell'opera - Pattuizione di un termine per la consegna e di una penale per il ritardo - Mutamento dell'originario piano dei lavori - Efficacia del termine e della penale originariamente apposti - Esclusione - Fissazione di un nuovo termine per esigere la penale - Necessità - Ritardo nella consegna dell'opera - Richiesta di risarcimento del danno - Onere probatorio a carico del committente. Quando, nel corso dell'esecuzione del contratto d'appalto, sia stato...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Penale pattuita per il ritardo
Contratti in genere - clausola penale - divieto di cumulo - portata - risoluzione del contratto - penale pattuita per il ritardo - cumulabilità con il risarcimento del danno da inadempimento - sussistenza - limiti. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 27994 del 31/10/2018 >>> L'art. 1383 c.c. vieta il cumulo tra la domanda della prestazione principale e quella diretta ad ottenere la penale per l'inadempimento, ma non esclude che si possa chiedere tale prestazione insieme con la...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Contratti in genere - clausola penale - in genere - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 18338 del 12/07/2018
Entità della clausola penale - Valutazione della sua eventuale irrisorietà, in deroga al disposto dell'art. 1229 cod. civ. – Rilevanza - Fattispecie. La irrisorietà del danno pattuito preventivamente sotto forma di clausola penale costituisce elemento sintomatico dell'aggiramento del divieto di limitazione di responsabilità stabilito dall'art. 1229, comma 1, c.c. Ne consegue che deve ritenersi illegittima una clausola penale, inserita in un contratto di vigilanza di un esercizio commerciale,...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Tributi erariali diretti - imposta sul reddito delle persone fisiche (i.r.p.e.f.) (tributi posteriori alla riforma del 1972) - redditi di impresa - determinazione del reddito - Corte di Cassazione Sez. 5, Ordinanza n. 16561 del 05/07/2017
Penalità contrattuali per ritardata consegna - Natura - Patto accessorio del contratto - Assenza di finalità sanzionatorie o punitive - Inerenza all'attività aziendale - Conseguenze - Deducibilità dal reddito d'impresa - Ammissibilità - Ragioni. In tema di imposte dei redditi, sono deducibili dal reddito d'impresa le penalità contrattuali per ritardata consegna alla clientela, stabilite in base all'art. 1382 c.c., in quanto, per la natura di patto accessorio del contratto, inidoneo ad...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Contratti in genere - contratto preliminare (compromesso) - in genere (nozione, caratteri, distinzione) – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 7064 del 11/04/2016
Successione di contratti con obbligo di forma scritta "ad substantiam" - Contratto definitivo - Disciplina di quest'ultimo difforme da quella prevista nel preliminare - Ammissibilità - Consenso formatosi fuori dell'atto scritto - Irrilevanza - Fattispecie. In caso di costituzione progressiva di un rapporto giuridico attraverso la stipulazione di una pluralità di atti successivi (nella specie, relativa ad una compravendita di un terreno edificabile, un preliminare e una successiva transazione...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Contratti in genere - contratto preliminare (compromesso) - in genere (nozione, caratteri, distinzione) – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 7064 del 11/04/2016
Successione di contratti con obbligo di forma scritta "ad substantiam" - Contratto definitivo - Disciplina di quest'ultimo difforme da quella prevista nel preliminare - Ammissibilità - Consenso formatosi fuori dell'atto scritto - Irrilevanza - Fattispecie. In caso di costituzione progressiva di un rapporto giuridico attraverso la stipulazione di una pluralità di atti successivi (nella specie, relativa ad una compravendita di un terreno edificabile, un preliminare e una successiva transazione...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Tributi erariali diretti - imposta sul reddito delle persone fisiche (i.r.p.e.f.) (tributi posteriori alla riforma del 1972) - redditi di impresa - determinazione del reddito – Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 19702 del 27/09/2011
Penalità contrattuali per ritardata consegna - Natura - Patto accessorio del contratto - Assenza di finalità sanzionatorie o punitive - Inerenza all'attività aziendale - Conseguenze - Deducibilità dal reddito d'impresa - Ammissibilità - Ragioni. In tema di imposte dei redditi, sono deducibili dal reddito d'impresa le penalità contrattuali per ritardata consegna alla clientela, stabilite in base all'art. 1382 cod. civ., in quanto, per la natura di patto accessorio del contratto, inidoneo ad...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - obbligazioni pecuniarie - interessi - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 1151 del 15/02/1980
Decorrenza - dal giorno della disponibilita del capitale fruttifero - interessi maturati a scadenze successive - onere probatorio del creditore - oggetto - inosservanza dell'onere - conseguenze.* Poiche gli interessi costituiscono frutti civili del denaro, la loro decorrenza non puo iniziare se non dal giorno della disponibilita del capitale che ha l'idoneita a produrli. Pertanto, colui che invoca gli interessi maturati a scadenze successive ha l'Onere di fornire la prova delle date delle...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Lavoro - lavoro subordinato - retribuzione - determinazione – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1489 del 07/06/1966
Alternativa in una percentuale sugli utili o in una somma fissa - pagamento di quest'ultima sotto condizione della risoluzione del contratto per inadempienza del lavoratore - validita - limiti - interpretazione della clausola - eventuale funzione sanzionatoria della condizione - violazione dei minimi salariali - deducibilita e rilevabilita di ufficio per la prima volta in cassazione - esclusione - condizioni. In un contratto di lavoro subordinato e lecita la clausola con cui, prevista...

________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

Foroeuropeo - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Foroeuropeo - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati