1282. Interessi nelle obbligazioni pecuniarie

Codice Civile Libro Quarto: DELLE OBBLIGAZIONI Titolo I: DELLE OBBLIGAZIONI IN GENERALE Capo VII: DI ALCUNE SPECIE DI OBBLIGAZIONI Sezione I: DELLE OBBLIGAZIONI PECUNIARIE Art.1282. Interessi nelle obbligazioni pecuniarie.

Art. 1282. Interessi nelle obbligazioni pecuniarie.

1. I crediti liquidi ed esigibili di somme di danaro producono interessi di pieno diritto, salvo che la legge o il titolo stabiliscano diversamente.

2. Salvo patto contrario, i crediti per fitti e pigioni non producono interessi se non dalla costituzione in mora.

3. Se il credito ha per oggetto rimborso di spese fatte per cose da restituire, non decorrono interessi per il periodo di tempo in cui chi ha fatto le spese abbia goduto della cosa senza corrispettivo e senza essere tenuto a render conto del godimento.

________________________________________________________

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Espropriazione per pubblico interesse (o utilità) - procedimento - liquidazione dell'indennità - interessi - Corte Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 17797 del 03/07/2019 (Rv. 654537 - 01)
Indennità di espropriazione e di occupazione - Interessi - Natura - Decorrenza. L'indennità di occupazione è il corrispettivo del mancato godimento del bene occupato fino all'espropriazione, in relazione all'anticipata privazione del proprietario del suo diritto reale, ed è ragguagliata al tasso legale degli interessi sull'indennità di espropriazione. Ne consegue che, gli interessi legali dovuti al proprietario per la ritardata corresponsione delle somme spettanti a titolo di indennità di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Ripetizione dell'indebito oggettivo – Cass. Sent 15895/2019
Obbligazioni in genere ripetizione di indebito oggettivo - Interessi - Decorrenza - Dal giorno della "domanda" - Riferimento alla domanda giudiziale ed anche agli atti stragiudiziali di costituzione in mora - Sussistenza. In tema di ripetizione dell'indebito oggettivo, ai fini del decorso degli interessi sulla somma oggetto di restituzione, l'espressione dal giorno della "domanda", contenuta nell'art. 2033 c.c., non va intesa come riferita esclusivamente alla domanda giudiziale, ma comprende...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Opposizione a decreto d'ingiunzione - Cass. 13530/2019
Ricorso monitorio per capitale ed interessi - Revoca del decreto in sede di opposizione - Interessi sulla minor somma oggetto di condanna - Necessità di specifica contestazione - Esclusione - Fondamento. In tema di procedimento per ingiunzione, ove, con il ricorso monitorio, siano stati richiesti gli interessi sulla sorte capitale, la sentenza che, all'esito della successiva opposizione ex art. 645 c.p.c., revochi il decreto ingiuntivo, condannando l’opponente al pagamento di una somma minore...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni nascenti dalla legge - ripetizione di indebito – oggettivo – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2993 del 31/01/2019
Obbligazioni in genere - nascenti dalla legge - ripetizione di indebito – oggettivo – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2993 del 31/01/2019 Declaratoria di nullità del contratto - Obblighi restitutori - Decorrenza degli interessi - Distinzione fra "accipiens" in buona ed in mala fede. Nell'ipotesi di nullità di un contratto, la disciplina degli obblighi restitutori tra le parti è mutuata da quella dell'indebito oggettivo, poiché viene a mancare la causa giustificativa delle rispettive...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Corrispettivo - interessi - interessi per ritardato pagamento "ex" artt. 35 e 36 cap. gen. oo.pp. (approvato con d.p.r. n. 1063 del 1962)
Appalto (contratto di) - corrispettivo - interessi - interessi per ritardato pagamento "ex" artt. 35 e 36 cap. gen. oo.pp. (approvato con d.p.r. n. 1063 del 1962) - mora nel pagamento di detti interessi - disciplina ex art. 1224, secondo comma, cod. civ. - applicabilità - esclusione - disciplina dell'anatocismo - applicabilità – sussistenza - Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 31468 del 05/12/2018 A tutte le obbligazioni aventi ad oggetto originario il pagamento di una somma di denaro...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Tributi erariali indiretti (riforma tributaria del 1972) - imposta di registro - applicazione dell'imposta - atti relativi ad operazioni soggette ad I.V.A. - Corte di Cassazione Sez. 5, Ordinanza n. 17276 del 13/07/2017
Sentenza di condanna al pagamento di somme dovute ad un istituto di credito per un finanziamento - Interessi - Natura - Accertamento - Corrispettivo del mutuo - IVA - Soggezione - Registrazione a tassa fissa - Interessi moratori - Regime - Diversità. In tema di imposta di registro, la sentenza di condanna che un istituto di credito ottenga per il recupero delle somme dovutegli per un finanziamento, alla luce del principio di alternatività con l'IVA consacrato nell'art. 40 del d.P.R. n. 131...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredita' - collazione ed imputazione - resa dei conti - collazione d'immobili - imputazione - Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 16701 del 06/07/2017
Collazione per imputazione - Pagamento degli interessi sulle somme pari al valore degli immobili oggetto di collazione - Domanda proposta per la prima volta in appello - Ammissibilità - Fondamento. La domanda diretta a conseguire gli interessi sulle somme pari al valore degli immobili oggetto di collazione per imputazione può essere proposta per la prima volta in appello, in ragione della necessaria operatività dell’istituto della collazione nel giudizio di divisione ereditaria e dell’...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - obbligazioni pecuniarie - interessi - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 18292 del 19/09/2016
Attribuzione - Espressa domanda di parte - Necessità. In tema di obbligazioni pecuniarie, gli interessi, contrariamente a quanto avviene nell'ipotesi di somma di danaro dovuta a titolo di risarcimento del danno di cui essi integrano una componente necessaria, hanno fondamento autonomo rispetto al debito al quale accedono, sicché gli stessi - siano corrispettivi, compensativi o moratori - possono essere attribuiti, in applicazione degli artt. 99 e 112 c.p.c., soltanto su espressa domanda della...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Previdenza (assicurazioni sociali) - contributi assicurativi - in genere – Corte di Cassazione Sez. 6 - L, Ordinanza n. 8653 del 03/05/2016
Benefici previdenziali per esposizione all'amianto - Incrementi pensionistici corrisposti in ritardo - Rivalutazione ed interessi - Decorrenza. In tema di benefici previdenziali in favore dei lavoratori esposti all'amianto, essendo necessaria la previa presentazione della domanda amministrativa, il diritto alla rivalutazione monetaria ed agli interessi legali, sugli incrementi pensionistici tardivamente corrisposti, decorre dal centoventesimo giorno dalla presentazione della stessa, all'esito...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - adempimento - pagamento - imputazione - del pagamento agli interessi – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 10941 del 26/05/2016
Conto corrente bancario - Art. 1194 c.c. - Applicabilità - Esclusione - Fondamento - Limiti. Il principio di cui all'art. 1194 c.c., secondo cui ogni pagamento deve essere imputato prima agli interessi e poi al capitale salvo un diverso accordo con il creditore, postula che il credito sia liquido ed esigibile, atteso che solo questo, per sua natura, produce interessi ex art. 1282 c.c., sicché è inapplicabile al rapporto di conto corrente bancario, nella cui struttura unitaria le operazioni di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - adempimento - pagamento - imputazione - del pagamento agli interessi – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 10941 del 26/05/2016
Conto corrente bancario - Art. 1194 c.c. - Applicabilità - Esclusione - Fondamento - Limiti. Il principio di cui all'art. 1194 c.c., secondo cui ogni pagamento deve essere imputato prima agli interessi e poi al capitale salvo un diverso accordo con il creditore, postula che il credito sia liquido ed esigibile, atteso che solo questo, per sua natura, produce interessi ex art. 1282 c.c., sicché è inapplicabile al rapporto di conto corrente bancario, nella cui struttura unitaria le operazioni di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - adempimento - pagamento - imputazione - del pagamento agli interessi – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 10941 del 26/05/2016
Conto corrente bancario - Art. 1194 c.c. - Applicabilità - Esclusione - Fondamento - Limiti. Il principio di cui all'art. 1194 c.c., secondo cui ogni pagamento deve essere imputato prima agli interessi e poi al capitale salvo un diverso accordo con il creditore, postula che il credito sia liquido ed esigibile, atteso che solo questo, per sua natura, produce interessi ex art. 1282 c.c., sicché è inapplicabile al rapporto di conto corrente bancario, nella cui struttura unitaria le operazioni di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10obbligazioni in genere - adempimento - pagamento - imputazione - del pagamento agli interessi – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 10941 del 26/05/2016
Conto corrente bancario - Art. 1194 c.c. - Applicabilità - Esclusione - Fondamento - Limiti. Il principio di cui all'art. 1194 c.c., secondo cui ogni pagamento deve essere imputato prima agli interessi e poi al capitale salvo un diverso accordo con il creditore, postula che il credito sia liquido ed esigibile, atteso che solo questo, per sua natura, produce interessi ex art. 1282 c.c., sicché è inapplicabile al rapporto di conto corrente bancario, nella cui struttura unitaria le operazioni di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Espropriazione per pubblico interesse (o utilità) - procedimento - liquidazione dell'indennità - interessi – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 9329 del 09/05/2016
Indennità di occupazione - Interessi - Natura - Decorrenza - Fondamento. Gli interessi dovuti sull'indennità di occupazione legittima, in quanto diretti a compensare il proprietario della mancata disponibilità dei frutti che avrebbe percepito periodicamente, decorrono dalla scadenza di ciascuna annualità, a partire dal giorno in cui è emesso il decreto di occupazione, che segna l'immediata ed automatica compressione del diritto dominicale, quale momento di maturazione del relativo diritto,...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Previdenza (assicurazioni sociali) - contributi assicurativi - Corte di Cassazione Sez. 6 - L, Ordinanza n. 8653 del 03/05/2016
Benefici previdenziali per esposizione all'amianto - Incrementi pensionistici corrisposti in ritardo - Rivalutazione ed interessi - Decorrenza. In tema di benefici previdenziali in favore dei lavoratori esposti all'amianto, essendo necessaria la previa presentazione della domanda amministrativa, il diritto alla rivalutazione monetaria ed agli interessi legali, sugli incrementi pensionistici tardivamente corrisposti, decorre dal centoventesimo giorno dalla presentazione della stessa, all'esito...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Previdenza (assicurazioni sociali) - contributi assicurativi - Corte di Cassazione Sez. 6 - L, Ordinanza n. 8653 del 03/05/2016
Benefici previdenziali per esposizione all'amianto - Incrementi pensionistici corrisposti in ritardo - Rivalutazione ed interessi - Decorrenza. In tema di benefici previdenziali in favore dei lavoratori esposti all'amianto, essendo necessaria la previa presentazione della domanda amministrativa, il diritto alla rivalutazione monetaria ed agli interessi legali, sugli incrementi pensionistici tardivamente corrisposti, decorre dal centoventesimo giorno dalla presentazione della stessa, all'esito...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Riscossione delle imposte - riscossione delle imposte sui redditi (disciplina posteriore alla riforma tributaria del 1972) - modalità di riscossione - versamento diretto - rimborsi - Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 8540 del 29/04/2016
Sospensione per fermo amministrativo legittimamente disposto, poi venuto meno - Ritardo nel rimborso - Non addebitabilità alla P.A. - Interessi di mora - Decorrenza - Nuova istanza di rimborso - Necessità. In materia di IVA, qualora la richiesta di rimborso sia stata legittimamente sospesa con provvedimento di fermo amministrativo, poi venuto meno ma comunque ritenuto legittimo, il ritardo nel rimborso non è imputabile all'amministrazione, sicché non decorrono gli interessi di mora, che...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Riscossione delle imposte - riscossione delle imposte sui redditi (disciplina posteriore alla riforma tributaria del 1972) - modalità di riscossione - versamento diretto - rimborsi - Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 8540 del 29/04/2016
Sospensione per fermo amministrativo legittimamente disposto, poi venuto meno - Ritardo nel rimborso - Non addebitabilità alla P.A. - Interessi di mora - Decorrenza - Nuova istanza di rimborso - Necessità. In materia di IVA, qualora la richiesta di rimborso sia stata legittimamente sospesa con provvedimento di fermo amministrativo, poi venuto meno ma comunque ritenuto legittimo, il ritardo nel rimborso non è imputabile all'amministrazione, sicché non decorrono gli interessi di mora, che...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Riscossione delle imposte - riscossione delle imposte sui redditi (disciplina posteriore alla riforma tributaria del 1972) - modalità di riscossione - versamento diretto - rimborsi - in genere – Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 8540 del 29/04/2016
Sospensione per fermo amministrativo legittimamente disposto, poi venuto meno - Ritardo nel rimborso - Non addebitabilità alla P.A. - Interessi di mora - Decorrenza - Nuova istanza di rimborso - Necessità. In materia di IVA, qualora la richiesta di rimborso sia stata legittimamente sospesa con provvedimento di fermo amministrativo, poi venuto meno ma comunque ritenuto legittimo, il ritardo nel rimborso non è imputabile all'amministrazione, sicché non decorrono gli interessi di mora, che...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Locazione - obbligazioni del conduttore - corrispettivo (canone) - morosità – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 19222 del 29/09/2015
Obbligazione relativa al pagamento del canone - Debito di valuta - Rivalutazione monetaria - Oggetto - Danno da ritardo non coperto dagli interessi - Esclusività. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 19222 del 29/09/2015 L'obbligazione di pagamento dei canoni di locazione costituisce un debito di valuta, sicché, ai sensi dell'art. 1224 c.c., la rivalutazione è dovuta solo per la parte eccedente il danno da ritardo coperto dagli interessi. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 19222...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Appalto (contratto di) - corrispettivo - onerosità e difficoltà di esecuzione - equo compenso – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 17782 del 08/09/2015
Appalto di opere pubbliche - Difficoltà di esecuzione dovuta a sorpresa geologica - Equo compenso - Debito di valuta - Criteri di liquidazione - Interessi - Decorrenza. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 17782 del 08/09/2015 In tema di appalto di opere pubbliche, l'equo compenso dovuto all'appaltatore, ai sensi dell'art. 1664, comma 2, c.c., per i maggiori oneri derivanti da difficoltà di esecuzione conseguenti a cause geologiche (cd. sorpresa geologica), rappresenta una forma...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10responsabilità patrimoniale - cause di prelazione - ipoteca - ordine delle ipoteche - estensioni degli effetti - Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 17044 del 28/07/2014
Crediti per capitale assistiti da ipoteca - Collocazione degli interessi nello stesso grado del capitale ex art. 2855, terzo comma, cod. civ. - Riferibilità agli interessi compensativi e moratori - Sussistenza - Fondamento. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 17044 del 28/07/2014 Ai sensi del terzo comma dell'art. 2855 cod. civ., sono assistiti dal privilegio ipotecario anche gli interessi, al tasso legale via via vigente, che siano maturati successivamente all'annata in corso al momento...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - passività fallimentari (accertamento del passivo) - ammissione al passivo - Corte di Cassazione, Sez. U, Sentenza n. 6060 del 26/03/2015
Ammissione tempestiva del credito al capitale - Effetti - Domanda tardiva del credito agli interessi - Preclusione - Esclusione - Fondamento - Limiti - Fattispecie in tema di compenso per prestazioni professionali. La proposizione tardiva della domanda di ammissione al passivo fallimentare del credito accessorio agli interessi moratori, in quanto fondata sul ritardo nell'adempimento, non è preclusa, stante la diversità della rispettiva "causa petendi", dalla definitiva ammissione in via...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10risarcimento del danno - valutazione e liquidazione - in genere - Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 21396 del 10/10/2014
Illecito extracontrattuale - Danno da ritardato adempimento dell'obbligazione risarcitoria - Liquidazione equitativa - Monetizzazione sotto forma di interessi - Criteri - Decorrenza - Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 21396 del 10/10/2014 In materia di fatto illecito extracontrattuale, il danno da ritardato adempimento dell'obbligazione risarcitoria va liquidato applicando un saggio di interessi scelto in via equitativa dal giudice o sulla semisomma (e cioè la media) tra il credito...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10locazione - obbligazioni del conduttore - in genere – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 25853 del 09/12/2014
Crediti per fitti e pigioni - Decorrenza degli interessi - Preventiva costituzione in mora - Necessità - Esclusione - Condizioni. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 25853 del 09/12/2014 Anche per i crediti derivanti da fitti e pigioni non è necessaria - ai fini della decorrenza degli interessi - la costituzione in mora quando il termine per pagare è scaduto e la prestazione deve essere effettuata nel domicilio del creditore. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 25853 del 09/12/2014...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Locazione - obbligazioni del conduttore - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 25853 del 09/12/2014
Crediti per fitti e pigioni - Decorrenza degli interessi - Preventiva costituzione in mora - Necessità - Esclusione - Condizioni. Anche per i crediti derivanti da fitti e pigioni non è necessaria - ai fini della decorrenza degli interessi - la costituzione in mora quando il termine per pagare è scaduto e la prestazione deve essere effettuata nel domicilio del creditore. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 25853 del 09/12/2014  ...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Responsabilità patrimoniale - cause di prelazione - ipoteca - ordine delle ipoteche - estensioni degli effetti – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 17044 del 28/07/2014
Crediti per capitale assistiti da ipoteca - Collocazione degli interessi nello stesso grado del capitale ex art. 2855, terzo comma, cod. civ. - Riferibilità agli interessi compensativi e moratori - Sussistenza - Fondamento. Ai sensi del terzo comma dell'art. 2855 cod. civ., sono assistiti dal privilegio ipotecario anche gli interessi, al tasso legale via via vigente, che siano maturati successivamente all'annata in corso al momento del pignoramento, ovvero al momento dell'intervento in...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Provvedimenti del giudice civile - sentenza - secondo equità – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 2966 del 07/02/2013
Limiti alla giurisdizione equitativa del giudice di pace - Rilevanza ai fini della proponibilità dell'appello (ante riforma del 2006) - Valore della causa - Criteri di determinazione. Ai fini della determinazione della regola di giudizio - di diritto o equitativa - da seguirsi dal giudice di pace ex art. 113, secondo comma, cod. proc. civ., il valore della causa deve essere determinato ai sensi dell'art. 10, secondo comma, cod. proc. civ., sommando, pertanto, al capitale unicamente gli...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - obbligazioni pecuniarie - interessi - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 23195 del 17/11/2010
Interessi compensativi sul residuo prezzo di vendita di immobile - Domanda proposta per la prima volta in appello - Novità - Sussistenza - Conseguenze. La domanda di corresponsione degli interessi compensativi sul residuo prezzo dovuto per una vendita di immobile, se proposta per la prima volta nel giudizio di appello, è da considerare nuova, come tale inammissibile ai sensi dell'art. 345 cod. proc. civ., potendo tali interessi, in quanto dotati di un fondamento autonomo rispetto a quello...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10DIVISIONE - DIVISIONE EREDITARIA - OPERAZIONI DIVISIONALI - FORMAZIONE DELLO STATO ATTIVO DELL'EREDITÀ - IMMOBILI NON DIVISIBILI - NON COMODA DIVISIBILITÀ – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10624 del 03/05/2010
Assegnazione ad uno dei condividenti - Stima e conguaglio in danaro - Natura di debito di valore - Rivalutazione anche d'ufficio - Ammissibilità - Condizioni - Onere di allegazione a carico della parte - Sussistenza - Fondamento. In tema di divisione giudiziale immobiliare, il debito da conguaglio che grava sul condividente assegnatario di un immobile non facilmente divisibile ha natura di debito di valore, da rivalutarsi, anche d'ufficio, se e nei limiti in cui l'eventuale svalutazione si...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Possesso - effetti - diritti e obblighi del possessore - acquisto dei frutti - obbligo di restituzione - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 5776 del 15/03/2006
Frutti naturali - Obbligo di restituzione - Natura - Debito di valore - Configurabilità - Sussistenza - Obbligo relativo ai frutti civili - Debito di valuta - Conseguenze. In tema di possesso, l'obbligo di restituzione dei frutti della cosa da parte del possessore in favore del proprietario - indipendentemente dalla buona fede o meno del primo - ha carattere di debito di valore relativamente ai frutti naturali, mentre dà luogo ad un debito di valuta, soggetto al principio nominalistico, in...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Pubblica amministrazione - obbligazioni - Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 11016 del 25/05/2005
Liquidità del credito pecuniario - Verifica del suo ammontare da parte della P.A. debitrice - Necessità - Conseguenze - Maturazione degli interessi prima della verifica - Esclusione. Nei confronti della P.A. inadempiente, il contenuto pecuniario dell'obbligazione non può considerarsi liquido, cioè precisamente determinato nel suo ammontare, prima che tale esso venga a risultare per effetto dell'attività di verifica compiuta dall'amministrazione stessa in ordine alla documentazione trasmessa...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Divisione - divisione erria - operazioni divisionali - stima - conguagli in denaro – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2159 del 27/02/1998
Interessi legali sulle somme - Decorrenza - Dalla domanda di divisione. Gli interessi legali sulla somma dovuta da un condividente all'altro a titolo di conguaglio (art. 728 cod. civ.) decorrono dalla data della domanda giudiziale di divisione, ancorché a tale momento il credito non è ancora ne' liquido ne' esigibile. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2159 del 27/02/1998  ...

________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

eBook - manuali

Foroeuropeo - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Foroeuropeo - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati