0048. Curatore dello scomparso

Print Friendly, PDF & Email

Codice Civile Libro Primo: delle persone e della famiglia titolo IV: dell'assenza e della dichiarazione di morte presunta capo I: dell'assenza Art.48. Curatore dello scomparso.

Art. 48. Curatore dello scomparso.

1. Quando una persona non è più comparsa nel luogo del suo ultimo domicilio o dell'ultima sua residenza e non se ne hanno più notizie, il tribunale dell'ultimo domicilio o dell'ultima residenza, su istanza degli interessati o dei presunti successori legittimi o del pubblico ministero, può nominare un curatore che rappresenti, la persona in giudizio o nella formazione degli inventari e dei conti e nelle liquidazioni o divisioni in cui sia interessata, e può dare gli altri provvedimenti necessari alla conservazione del patrimonio dello scomparso.

2. Se vi è un legale rappresentante, non si fa luogo alla nomina del curatore. Se vi è un procuratore, il tribunale provvede soltanto per gli atti che il medesimo non può fare.

________________________________________________

Documenti collegati:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo i primo cento documenti di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI  per continuare la visualizzazione di altri documenti).

La visualizzazione dei documenti può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile anche attivare la ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca" il sistema visualizzerà solo i documenti con la parola chiave inserita.

Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - acquiescenza - tacita - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 7041 del 12/03/2020 (Rv. 657284 - 02)Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - acquiescenza - tacita - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 7041 del 12/03/2020 (Rv. 657284 - 02)
Sentenza di appello declaratoria di nullità della notificazione della citazione di primo grado - Riassunzione della causa dinanzi al giudice indicato nella sentenza remittente - Incompatibilità con l'esercizio del potere di impugnazione - Esclusione - Fondamento - Ricorso incidentale tardivo - Esperibilità - Proposizione di ricorso per cassazione avverso la sentenza di appello - Omessa sospensione del giudizio riassunto - Conseguenze. In presenza di una sentenza di appello che dichiari la nullità della notificazione della citazione introduttiva del giudizio di primo grado e rimetta le parti al primo giudice ai sensi dell'art. 354 c.p.c., la riassunzione della causa davanti al giudice di primo grado quando siano ancora aperti i termini per l'impugnazione di detta statuizione non può essere considerata acquiescenza tacita, trattandosi di iniziativa riconducibile ad esigenze cautelative e, comunque, non incompatibile con la volontà di avvalersi di tale mezzo di impugnazione, e non preclude, alla medesima parte che abbia riassunto la causa davanti al giudice di primo grado, l'esperimento di ricorso incidentale tardivo, ai sensi dell'art. 334 c.p.c., avverso qualsiasi capo della sentenza medesima. Ove la sentenza di appello che abbia ordinato la rimessione della causa al primo giudice sia stata oggetto di ricorso per cassazione, la prevista interruzione del termine di riassunzione, disposta dall'art. 353, comma 3, c.p.c., non rende irrituale la riassunzione avvenuta prima della proposizione del ricorso per cassazione, ma comporta soltanto che il giudizio riassunto debba intanto essere sospeso, in applicazione dell'art. 48 c.p.c. e, in mancanza di tale sospensione, la nullità degli atti processuali compiuti, dalle parti e dal giudice, ivi comprese le sentenze eventualmente pronunciate. Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 7041 del 12/03/2020 (Rv. 657284 - 02) Riferimenti normativi: Cod_Proc_Civ_art_353, Cod_Proc_Civ_art_354, Cod_Proc_Civ_art_334, Cod_Proc_Civ_art_329, Cod_Civ_art_0048...
Lavoro - lavoro autonomo - contratto d'opera - professioni intellettuali - compenso (onorario) - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014Lavoro - lavoro autonomo - contratto d'opera - professioni intellettuali - compenso (onorario) - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014
Liquidazione giudiziale equitativa - Parere dell'associazione professionale - Acquisizione - Necessità - Fondamento – Fattispecie - assenza e dichiarazione di morte presunta - assenza , curatore dello scomparso - in genere. In tema di contratto d'opera intellettuale, ai sensi dell'art. 2233, primo comma, cod. civ., per la liquidazione del compenso del professionista (nella specie, curatore allo scomparso), ove il compenso stesso non sia stato pattuito tra le parti, né sia determinabile in base a tariffe o usi, il giudice deve acquisire il parere dell'associazione professionale di appartenenza. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014  ...
Assenza e dichiarazione di morte presunta - assenza , curatore dello scomparso - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014Assenza e dichiarazione di morte presunta - assenza , curatore dello scomparso - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014
"Conservazione del patrimonio" ex art. 48 cod. civ. - Nozione - Gestione delle società dello scomparso - Inclusione - Condizioni. La "conservazione del patrimonio dello scomparso", ai sensi dell'art. 48 cod. civ., pur non configurandosi come intrinsecamente dinamica, può implicare la gestione di attività economiche complesse, affinché non subiscano pregiudizio per la momentanea assenza del titolare, sicché il giudice può autorizzare il curatore dell'imprenditore scomparso a gestire le società a lui facenti capo. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014  ...
Lavoro - lavoro autonomo - contratto d'opera - professioni intellettuali - compenso (onorario) - Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014Lavoro - lavoro autonomo - contratto d'opera - professioni intellettuali - compenso (onorario) - Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014
Liquidazione giudiziale equitativa - Parere dell'associazione professionale - Acquisizione - Necessità - Fondamento - Fattispecie. In tema di contratto d'opera intellettuale, ai sensi dell'art. 2233, primo comma, cod. civ., per la liquidazione del compenso del professionista (nella specie, curatore allo scomparso), ove il compenso stesso non sia stato pattuito tra le parti, né sia determinabile in base a tariffe o usi, il giudice deve acquisire il parere dell'associazione professionale di appartenenza. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4081 del 20/02/2014  ...
Previdenza (assicurazioni sociali) - assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali - indennità e rendita - in genere – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 1253 del 21/01/2005Previdenza (assicurazioni sociali) - assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali - indennità e rendita - in genere – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 1253 del 21/01/2005
Rendita vitalizia - Scomparsa del beneficiario - Dichiarazione ai sensi dell'art. 48 cod. civ. - Conseguenze - Obbligo dell'INAIL di pagamento della rendita - Sospensione - Esclusione. L'obbligo dell'INAIL di pagamento della rendita vitalizia non rimane sospeso in caso di scomparsa del beneficiario atteso che la dichiarazione di scomparsa, ai sensi degli artt. 48 e ss. cod. civ., determina solo la quiescenza dei rapporti giuridici facenti capo allo scomparso, e la necessità di conservazione del suo patrimonio, a cui provvede il curatore all'uopo nominato; non vi è immissione, neppure temporanea, degli eredi nel possesso dei beni, come si prevede per il caso di assenza, né liberazione o sospensione delle obbligazioni, anche strettamente personali, assunte da terzi verso lo scomparso, né assume alcun rilievo la questione della trasmissibilità del diritto agli eredi. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 1253 del 21/01/2005  ...
Procedimento civile - interruzione del processo - morte della parte - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1250 del 04/02/2000Procedimento civile - interruzione del processo - morte della parte - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1250 del 04/02/2000
Morte del convenuto contumace - Conoscenza dell'evento acquisita in modo non processualmente valido - Interruzione del processo - Esclusione - Incostituzionalità della normativa - Manifesta infondatezza della questione - Richiamo ai principi affermati nella sentenza della Corte Costituzionale n. 220/86 - Inapplicabilità. È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 300 cod. proc. civ., in riferimento all'art. 24 Cost., per la parte in cui non prevede l'interruzione del processo come effetto della conoscenza comunque acquisita (e quindi non risultante in modo processualmente valido)della morte della parte contumace, non essendo applicabili al caso i principi affermati dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 220 del 1986, che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale parziale degli artt. 75 e 300 cod. proc. civ. in riferimento alla diversa fattispecie della scomparsa nel corso del processo del convenuto. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1250 del 04/02/2000  ...
Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - termini - decorrenza - Persone scomparse – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 11943 del 23/10/1999Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - termini - decorrenza - Persone scomparse – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 11943 del 23/10/1999
Revocazione per dolo della parte - Giorno della conoscenza del dolo da parte del curatore nominato ex art. 48 cod. civ. - Rilevanza per la domanda di revocazione proposta direttamente dalla parte - Esclusione. In caso di nomina di un curatore alla persona scomparsa, a norma dell'art. 48 cod. civ., il termine per impugnare una sentenza per revocazione ai sensi dell'art. 395 n. 1 cod. proc. civ. prende corso dal giorno della conoscenza del dolo da parte del curatore soltanto ai fini della proposizione della domanda di revocazione da parte dello stesso, mentre ai fini della proposizione dell'impugnazione da parte dell'interessato personalmente il termine decorre solo dal giorno in cui egli ne abbia avuto conoscenza diretta. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 11943 del 23/10/1999  ...
Assenza e dichiarazione di morte presunta - Assenza, curatore dello scomparso - In genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 7364 del 04/07/1991Assenza e dichiarazione di morte presunta - Assenza, curatore dello scomparso - In genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 7364 del 04/07/1991
Debitore - Offerta della prestazione al curatore - Necessità - Esclusione. La scomparsa del creditore, con la nomina di un curatore speciale (art. 48 cod. civ.), non implica di per sè che il debitore debba eseguire od offrire la prestazione a detto curatore, tenendo conto che tale evento non incide sulla capacità o sullo "status" del soggetto (a differenza di quanto si verifica nei casi di dichiarazione di assenza o di morte presunta), e che è onere del curatore medesimo di dare notizia della sua nomina, indicando luogo, tempo e modalità dell'adempimento. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 7364 del 04/07/1991  ...
Assenza e dichiarazione di morte presunta - ragioni eventuali della persona scomparsa - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 4338 del 24/10/1989Assenza e dichiarazione di morte presunta - ragioni eventuali della persona scomparsa - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 4338 del 24/10/1989
In genere - curatore dello scomparso - poteri - diritto al trattamento di pensione di vecchiaia precedentemente acquisito dallo scomparso - legittimazione alla riscossione dei ratei pensionistici - inclusione - durata - mancanza della prova dell'esistenza in vita del pensionato ex art. 69 cod. Civ. - irrilevanza.* Il curatore dello scomparso, in quanto abilitato, ai sensi dello art. 48 cod. civ., alla conservazione del patrimonio della persona scomparsa, nel quale rientra anche il diritto, precedentemente acquisito dalla stessa, al trattamento di pensione di vecchiaia, è legittimato a riscuotere, non iure proprio ma in nome e per conto dello scomparso, i ratei pensionistici a questo spettanti, senza che a tale legittimazione - la quale, in Mancanza di limiti temporali imposti dal provvedimento di nomina, permane per tutto il periodo della scomparsa, fino alla promozione del procedimento per la dichiarazione di assenza (art. 49 cod. civ.) - sia di ostacolo la mancata prova dell'esistenza in vita del pensionato ai sensi dello art. 69 cod. civ. (secondo cui "nessuno è ammesso a reclamare un diritto in nome della persona di cui si ignora l'esistenza, se non prova che la persona esisteva quando il diritto è NATO"), essendo tale norma inapplicabile alla specie per l'indubitabile anteriorità dell'insorgenza del diritto alla pensione rispetto alla scomparsa del suo titolare. ( V 5988/88, mass n 460418; ( V 299/83, mass n 425112).* Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 4338 del 24/10/1989  ...
Previdenza (assicurazioni sociali) - inps - pensioni invalidità, vecchiaia e superstiti – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 5988 del 05/11/1988Previdenza (assicurazioni sociali) - inps - pensioni invalidità, vecchiaia e superstiti – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 5988 del 05/11/1988
Ai superstiti (in particolare) - reversibilità - coniuge - moglie dell'assente titolare di pensione - diritto durante l'assenza ad esigere i ratei della pensione, a titolo di anticipata e provvisoria liquidazione della pensione e nei limiti della quota riservatale - sacrificio degli interessi dell'istituto previdenziale - configurabilità in caso di ritorno dell'assente - esclusione.* Fra i diritti dipendenti dalla morte dell'assente, dei quali è ammissibile l'Esercizio temporaneo ai sensi dell'art. 50, terzo comma, cod. civ., rientrano non solo i diritti che incidono sul patrimonio dell'assente ma - attesa la diversità di formulazione di detta norma rispetto all'art. 26 del vecchio codice civile - anche quelli che debbono esser fatti valere verso terzi. Pertanto, la moglie dell'assente titolare di pensione a carico dell'a.G.o., che, in caso di morte del marito, acquisirebbe iure proprio il diritto alla pensione di reversibilità, ha diritto - durante l'assenza del coniuge pensionato - ad esigere i ratei della pensione, a titolo di anticipata e provvisoria liquidazione della pensione di reversibilità e nei limiti della quota a lei autonomamente riservata, senza che per ciò sia configurabile alcun eventuale sacrificio degli interessi dell'istituto previdenziale, il quale, in caso di ritorno dell'assente, deve corrispondergli solo la differenza fra l'importo a lui spettante e le somme corrisposte alla moglie, non potendo il pensionato far valere a carico dell'ente alcuna Azione o pretesa ulteriore. ( contra 299/83, mass n 425112).* Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 5988 del 05/11/1988  ...
Previdenza (assicurazioni sociali) - inps - pensioni invalidità, vecchiaia e superstiti – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 5988 del 05/11/1988Previdenza (assicurazioni sociali) - inps - pensioni invalidità, vecchiaia e superstiti – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 5988 del 05/11/1988
Ai superstiti (in particolare) - reversibilità - coniuge - moglie dell'assente titolare di pensione - diritto durante l'assenza ad esigere i ratei della pensione, a titolo di anticipata e provvisoria liquidazione della pensione e nei limiti della quota riservatale - sacrificio degli interessi dell'istituto previdenziale - configurabilità in caso di ritorno dell'assente - esclusione.* Fra i diritti dipendenti dalla morte dell'assente, dei quali è ammissibile l'Esercizio temporaneo ai sensi dell'art. 50, terzo comma, cod. civ., rientrano non solo i diritti che incidono sul patrimonio dell'assente ma - attesa la diversità di formulazione di detta norma rispetto all'art. 26 del vecchio codice civile - anche quelli che debbono esser fatti valere verso terzi. Pertanto, la moglie dell'assente titolare di pensione a carico dell'a.G.o., che, in caso di morte del marito, acquisirebbe iure proprio il diritto alla pensione di reversibilità, ha diritto - durante l'assenza del coniuge pensionato - ad esigere i ratei della pensione, a titolo di anticipata e provvisoria liquidazione della pensione di reversibilità e nei limiti della quota a lei autonomamente riservata, senza che per ciò sia configurabile alcun eventuale sacrificio degli interessi dell'istituto previdenziale, il quale, in caso di ritorno dell'assente, deve corrispondergli solo la differenza fra l'importo a lui spettante e le somme corrisposte alla moglie, non potendo il pensionato far valere a carico dell'ente alcuna Azione o pretesa ulteriore. ( contra 299/83, mass n 425112).* Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 5988 del 05/11/1988  ...
Procedimento civile - capacità processuale - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2672 del 19/04/1983Procedimento civile - capacità processuale - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2672 del 19/04/1983
Legittimazione - ad processum - passiva - scomparsa di una delle parti - effetti sulla sua legittimazione passiva o sulla capacità processuale - irrilevanza.* Scomparsa della persona - assenza, curatore dello scomparso - effetti - in genere.* 133171 427556* 133173 427556* Nel nostro ordinamento la semplice scomparsa, definita dall'art. 48 cod. civ. come l'allontanarsi della persona dall'ultimo domicilio e dall'ultima residenza senza che vi faccia ritorno o dia proprie notizie, consente di nominare un curatore che rappresenti lo scomparso in giudizio ovvero in determinati negozi od operazioni e di impartire altri provvedimenti necessari alla conservazione del suo patrimonio, ma, a differenza di quanto si verifica in conseguenza della dichiarazione di assenza o di morte presunta, non incide sulla capacità o sugli status del soggetto, e neppure sulla generalità dei rapporti che a lui fanno capo, unitariamente considerati; essa, pertanto, non produce, di per sè, conseguenze sulla legittimazione passiva del soggetto ovvero sulla sua capacità processuale, con la conseguenza che, anche quando sia stato nominato un curatore allo scomparso, se tale nomina non sia stata formalmente comunicata a colui che agisce, legittimamente la domanda viene proposta nei confronti dello scomparso, essendo Onere del curatore rendere noto il potere di rappresentanza e costituirsi al suo posto.* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2672 del 19/04/1983  ...
Scomparsa della persona - assenza – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1906 del 24/06/1974Scomparsa della persona - assenza – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1906 del 24/06/1974
Curatore dello scomparso - in genere - nomina del curatore - effetti - promovimento d'un giudizio nei confronti dello scomparso - ammissibilita.* La mancanza assoluta di notizie in ordine ad un soggetto allontanatosi dal luogo del suo ultimo domicilio (an et ubi sit) determina una paralisi di attivita per chi vanta diritti o abbia aspettative nei confronti dello scomparso, privo di un rappresentante legale o di un procuratore. A tale situazione e possibile ovviare soltanto attraverso l'emanazione del provvedimento di nomina del curatore speciale, a norma del combinato disposto degli artt 48 comma primo cod civ e 721 cod proc civ, nei cui confronti e consentito instaurare un regolare rapporto processuale.* Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1906 del 24/06/1974  ...
Scomparsa della persona - assenza - curatore dello scomparso - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2247 del 06/07/1972Scomparsa della persona - assenza - curatore dello scomparso - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2247 del 06/07/1972
Legittimazione per la tutela degli interessi dello scomparso - limiti - dichiarazione di assenza - soggetti legittimati alla tutela degli interessi dell'assente.* Il curatore, nominato dal tribunale per la rappresentanza in giudizio di una persona scomparsa, e legittimato a tutelarne gli interessi anche quando siano decorsi due anni dall'ultima notizia e non sia stato promosso il procedimento per la dichiarazione di assenza: dopo tale dichiarazione la rappresentanza spetta ai presunti successori mortis causa dell'assente che vengono immessi nel possesso temporaneo dei beni.* Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2247 del 06/07/1972  ...
Scomparsa della persona - assenza - curatela – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 390 del 16/02/1971Scomparsa della persona - assenza - curatela – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 390 del 16/02/1971
Decreto di nomina del curatore e di autorizzazione dello stesso a vendere un bene dello scomparso - rivendicazione del bene da parte dell'acquirente nei confronti di un terzo - contestazione da parte del terzo della legittimita del decreto di nomina e di quello di autorizzazione - inammissibilita.* Poiche le norme concernenti l'integrazione della capacita di determinati soggetti sono poste a tutela di questi ultimi (che pertanto sono i soli legittimati ad impugnare i provvedimenti in proposito emessi), la legittimita del decreto che nomina il curatore dello scomparso e di quello che autorizza detto curatore a vendere un bene del medesimo non puo essere contestata, nei confronti dell'acquirente del bene, nel corso del giudizio di revindica da chi in detto giudizio e convenuto, indipendentemente dalla buona o mala fede dell'acquirente stesso.* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 390 del 16/02/1971  ...
Scomparsa della persona - assenza - curatela - decreto di nomina del curatore e di autorizzazione dello stesso a vendere un bene dello scomparso – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 390 del 16/02/1971Scomparsa della persona - assenza - curatela - decreto di nomina del curatore e di autorizzazione dello stesso a vendere un bene dello scomparso – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 390 del 16/02/1971
Rivendicazione del bene da parte dell'acquirente nei confronti di un terzo - contestazione da parte del terzo della legittimita del decreto di nomina e di quello di autorizzazione - inammissibilita.* Poiche le norme concernenti l'integrazione della capacita di determinati soggetti sono poste a tutela di questi ultimi (che pertanto sono i soli legittimati ad impugnare i provvedimenti in proposito emessi), la legittimita del decreto che nomina il curatore dello scomparso e di quello che autorizza detto curatore a vendere un bene del medesimo non puo essere contestata, nei confronti dell'acquirente del bene, nel corso del giudizio di revindica da chi in detto giudizio e convenuto, indipendentemente dalla buona o mala fede dell'acquirente stesso.* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 390 del 16/02/1971  ...

________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Codice civile

c.c.

cc

48

curatore scomparso

Accedi

Online ora

378 visitatori e 3 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile