324. (Cosa giudicata formale)

Codice di procedura civile Libro secondo: DEL PROCESSO DI COGNIZIONE Titolo III: DELLE IMPUGNAZIONI Capo I: DELLE IMPUGNAZIONI IN GENERALE 324. (Cosa giudicata formale)

Art. 324. (Cosa giudicata formale)

Si intende passata in giudicato la sentenza che non è più soggetta né a regolamento di competenza, né ad appello, ne' a ricorso per cassazione, né a revocazione per i motivi di cui ai numeri 4 e 5 dell'articolo 395.

______________________________________________________________
Giurisprudenza:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Decisione sulla sola competenza - Giudicato formale - Corte Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 19472 del 18/07/2019 (Rv. 654769 - 01)
Cosa giudicata civile - giudicato sulla competenza Decisione sulla sola competenza - Giudicato formale - Esame di questioni preliminari di merito - Incidenza sul successivo giudizio di merito davanti al giudice competente - Esclusione - Fondamento - Fattispecie. La sentenza del giudice che statuisca unicamente sulla competenza non contiene alcuna pronuncia di merito, né esplicita né implicita, idonea a passare in giudicato, anche nell'ipotesi che abbia esaminato e deciso questioni...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Declaratoria di inammissibilità della domanda nel giudizio di divorzio – Cass. Sent. 17102/2019
Famiglia -assegno divorzile - Declaratoria di inammissibilità della domanda nel giudizio di divorzio - Riproponibilità della domanda successivamente allo scioglimento del matrimonio - Configurabilità - Fondamento. La declaratoria di inammissibilità della domanda volta al riconoscimento dell'assegno di divorzio, proposta tardivamente nel giudizio relativo allo scioglimento del vincolo matrimoniale, non ne limita la proponibilità in separato giudizio, ai sensi dell'art. 9 della l. n. 898 del...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Eccezione di giudicato - Giudicato esterno – Cass. 14883/2019
Grado di appello - Formazione del giudicato dopo la scadenza del termine per le memorie di replica - Deduzione in sede di legittimità - Ammissibilità - Fondamento. Nel giudizio di legittimità è opponibile il giudicato esterno solo con riferimento alla decisione divenuta definitiva dopo la scadenza del termine ultimo per ogni allegazione difensiva in grado d'appello e, pertanto, successivamente alla scadenza dei termini per il deposito delle memorie di replica, momento in cui il quadro...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Assicurazioni sociali - assicurazione per l'invalidità, vecchiaia e superstiti - pensione di anzianità – Cass. 14423/2019
Dipendenti del Banco di Napoli - Personale in pensione alla data del 31 dicembre 1990 - Giudicato - Norma di interpretazione autentica - Conseguenze - Conservazione del sistema di perequazione automatica delle pensioni integrative - Fondamento. In tema di regime perequativo dei trattamenti pensionistici dei dipendenti del Banco di Napoli in pensione alla data del 31 dicembre 1990, la norma di interpretazione autentica introdotta con l'art. 1, comma 55, della l. n. 243 del 2004, che ha...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni in generale - effetti della riforma o della cassazione – Cass. 14253/2019
Somme versate in esecuzione di sentenza di primo grado - Domanda di restituzione proposta in sede di gravame - Statuizione al riguardo del giudice di appello come giudice di primo grado - Fondamento - Omessa pronuncia sul punto da parte del giudice dell'impugnazione - Individuazione - Esercizio di separata domanda per l'ottenimento della restituzione - Ammissibilità - Preclusione del giudicato - Esclusione. In relazione alla domanda - proposta nella fase di gravame - di restituzione delle...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Eccezione di giudicato – Cass. 13987/2019
Giudicato esterno - Decisione di appello difforme dal giudicato - Rimedi esperibili - Fondamento. In tema di impugnazioni, avverso la sentenza d'appello che non tenga conto del giudicato formale intervenuto prima del suo deposito, a differenza di quanto avviene nell'ipotesi di giudicato sopravvenuto rispetto a tale momento, deve essere proposta revocazione ex art. 395 n. 5 c.p.c., e non ricorso per cassazione, in quanto l'esaurimento della fase di merito si ha solo con il deposito della...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Giudicato implicito – Cass. 13750/2019
Giurisdizione - Giudicato implicito - Portata - Fattispecie. Il giudicato interno sulla giurisdizione si forma tutte le volte in cui il giudice di primo grado abbia pronunciato nel merito, affermando anche implicitamente la propria giurisdizione, e le parti abbiano prestato acquiescenza a tale statuizione, non impugnando la sentenza sotto questo profilo, sicché non può validamente prospettarsi l'insorgenza sopravvenuta di una questione di giurisdizione all'esito del giudizio di secondo grado...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Effetti del giudicato (preclusioni) – Cass. 13152/2019
Processo tributario - Giudicato esterno - Rilevabilità - Effetto preclusivo - Sussistenza - Fattispecie. Tributi (in generale) - "solve et repete" - contenzioso tributario (disciplina posteriore alla riforma tributaria del 1972) - procedimento -disposizioni comuni ai vari gradi del procedimento - rinvio alle norme del codice di procedura civile . Nel processo tributario, qualora due giudizi tra le stesse parti abbiano ad oggetto un medesimo rapporto giuridico ed uno di essi sia stato...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Appello - poteri del collegio – Cass. 12875/2019
Diversa qualificazione del contratto da parte del giudice d'appello - Ammissibilità - Provvedimenti del giudice civile - "ius superveniens" - ultra ed extra petita -  In genere. Il giudice d'appello può qualificare il rapporto dedotto in giudizio in modo diverso rispetto a quanto prospettato dalle parti o ritenuto dal giudice di primo grado, purché non introduca nel tema controverso nuovi elementi di fatto, lasci inalterati il "petitum" e la "causa petendi" ed eserciti tale potere-dovere...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Ricorso per Cassazione - motivi del ricorso – Cass. 12259/2019
Omessa proposizione in appello di eccezione di nullità contrattuale - Vizio di omessa pronuncia - Esclusione - Censurabilità in cassazione per violazione di legge della omessa rilevazione d'ufficio della nullità - Fondamento. In caso di omessa proposizione in appello di un'eccezione di nullità contrattuale, il mancato rilievo da parte del giudice non integra il vizio di omessa pronuncia, ma è denunciabile in cassazione ai sensi dell'art. 360, comma 1, n. 3, c.p.c. per violazione delle norme...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Provvedimenti del giudice civile - sentenza - contenuto - motivazione - pluralità di argomentazioni - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 10815 del 18/04/2019 (Rv. 653585 - 01)
Decisione fondata su una prima ragione - Enunciazione di altra ragione per il caso di infondatezza della prima - Contraddittorietà della motivazione - Esclusione - Qualificazione di "obiter dictum" della seconda ragione - Esclusione - Distinte "rationes decidendi" - Sussistenza - Conseguenze - Impugnazione di entrambe - Necessità. La sentenza del giudice di merito, la quale, dopo aver aderito ad una prima ragione di decisione, esamini ed accolga anche una seconda ragione, al fine di sostenere...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato sulla giurisdizione - Giudicato sulla giurisdizione - Corte di Cassazione, Sez. U, Sentenza n. 9680 del 05/04/2019 (Rv. 653785 - 03)
Giudicato sulla giurisdizione Nel caso di questione di giurisdizione prospettata sotto il profilo del c.d. eccesso di potere giurisdizionale, la possibile formazione, e la conseguente rilevazione da parte della Corte di cassazione, di un giudicato interno sulla giurisdizione per effetto della sentenza di primo grado, è configurabile solo quando l'eccesso sia stato commesso dal giudice speciale di primo grado, la sentenza non sia stata impugnata in appello sul punto ed il giudice speciale di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Limiti del giudicato - soggettivi (limiti rispetto a terzi) - Terzi rimasti estranei al giudizio - Efficacia riflessa del giudicato -
Cosa giudicata civile - limiti del giudicato - soggettivi (limiti rispetto a terzi) - Terzi rimasti estranei al giudizio - Efficacia riflessa del giudicato - Condizioni - Fattispecie. Il giudicato, oltre ad avere una sua efficacia diretta nei confronti delle parti, loro eredi e aventi causa, è dotato anche di un'efficacia riflessa, nel senso che la sentenza, come affermazione oggettiva di verità, produce conseguenze giuridiche nei confronti di soggetti rimasti estranei al processo in cui è...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Giudicato implicito - Decisione della causa nel merito - Legittimazione ad agire - Corte di Cassazione, Sez. U, Sentenza n. 7925 del 20/03/2019
Cosa giudicata civile - giudicato implicito - Decisione della causa nel merito - Legittimazione ad agire - Giudicato implicito sulla stessa - Configurabilità - Esclusione - Fondamento. La decisione della causa nel merito non comporta la formazione del giudicato implicito sulla legittimazione ad agire ove tale "quaestio iuris", pur avendo costituito la premessa logica della statuizione di merito, non sia stata sollevata dalle parti, posto che una questione può ritenersi decisa dal giudice di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Interpretazione del giudicato - giudicato interno - Giudizio di legittimità - Poteri della Corte di cassazione - Corte di Cassazione, Sez. 1 - , Ordinanza n. 7499 del 15/03/2019
Cosa giudicata civile - interpretazione del giudicato - giudicato interno - Giudizio di legittimità - Poteri della Corte di cassazione - Interpretazione della sentenza di merito e degli atti del procedimento - Ammissibilità - Principio di autosufficienza - Rilevanza - Fattispecie in tema di mancato esame di un motivo di appello proposto. In tema di giudicato interno, ai fini della verifica dell'avvenuta impugnazione, o meno, di una statuizione contenuta nella sentenza di primo grado, la S.C....
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Revocazione (giudizio di) - Sentenza d'appello - Domanda di revocazione per errore di fatto - Rigetto - Ricorso per cassazione - Corte di Cassazione, Sez. L - , Sentenza n. 6266 del 04/03/2019
Impugnazioni civili - revocazione (giudizio di) - Sentenza d'appello - Domanda di revocazione per errore di fatto - Rigetto - Ricorso per cassazione - Ammissibilità - Condizioni - Fattispecie. Il ricorso per cassazione avverso la sentenza d'appello che rigetta la domanda di revocazione per errore di fatto è ammissibile, pur dopo il passaggio in giudicato della pronunzia del giudice di legittimità sul merito, stante la completa autonomia dei due giudizi, sempre che la questione non sia già...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Effetti del giudicato (preclusioni) - Giudicato interno formatosi in primo grado - Rilevabilità d'ufficio in sede di legittimità - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 5133 del 21/02/2019
Cosa giudicata civile - effetti del giudicato (preclusioni) - Giudicato interno formatosi in primo grado - Rilevabilità d'ufficio in sede di legittimità - Configurabilità - Limiti - Fondamento. Il giudicato interno eventualmente formatosi a seguito della sentenza di primo grado può essere rilevato anche d'ufficio in sede di legittimità, a meno che il giudice di secondo grado non abbia deciso, pur se implicitamente, sulla portata dell'atto di appello e, quindi, sull'esistenza o meno del...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Limiti del giudicato - Giudicato sostanziale - Oggetto - Accertamento di fatti costituenti il fondamento logico e giuridico della decisione -Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 5138 del 21/02/2019
Cosa giudicata civile - limiti del giudicato - Giudicato sostanziale - Oggetto - Accertamento di fatti costituenti il fondamento logico e giuridico della decisione - Inclusione - Effetti - Preclusione del riesame in un giudizio successivo - Condizioni. Il giudicato sostanziale (art. 2909 c.c.) che, quale riflesso di quello formale (art. 324 c.p.c.), fa stato ad ogni effetto tra le parti per l'accertamento di merito positivo o negativo del diritto controverso, si forma su tutto ciò che ha...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Limiti del giudicato - soggettivi (limiti rispetto a terzi) giudicato tributario - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Sentenza n. 3105 del 01/02/2019
cosa giudicata civile - limiti del giudicato - soggettivi (limiti rispetto a terzi) giudicato tributario - effetto espansivo in favore del coobbligato solidale adempiente dopo la notifica della cartella - operatività - fondamento – fattispecie - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Sentenza n. 3105 del 01/02/2019 L'effetto espansivo del giudicato tributario (nella specie, di annullamento dell'atto impositivo) opera in favore anche del coobbligato solidale che abbia adempiuto dopo la notifica della...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cumulo alternativo soggettivo
Cosa giudicata civile - effetti del giudicato (preclusioni) - cumulo alternativo soggettivo - accoglimento della domanda nei confronti di un convenuto - appello del soccombente - parte vittoriosa - domanda non accolta - onere di riproposizione ex art. 346 cod. proc. civ. - sussistenza - fattispecie. Corte di Cassazione Sez. 1, Ordinanza n. 28792 del 09/11/2018 >>> Nel caso di domanda proposta, alternativamente, nei confronti di due convenuti, che sia stata accolta nei confronti di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Illecito civile ascrivibile allo stato
Responsabilità civile - amministrazione pubblica - in genere - omessa modifica della legge nazionale contraria al diritto comunitario - illecito civile ascrivibile allo stato - azione risarcitoria - decisione del giudice di ultimo grado - efficacia preclusiva del giudicato - esclusione. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 27690 del 30/10/2018 >>> Nei giudizi di risarcimento del danno derivante dall'illecito ascrivibile allo Stato legislatore, anche quando la lesione dei diritti...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Diversità di finalità dei giudizi interessati
Cosa giudicata civile - limiti del giudicato - in genere - giudicato esterno - presupposti - conseguenze - diversità di finalità dei giudizi interessati - irrilevanza - fattispecie. Corte di Cassazione Sez. 1, Ordinanza n. 27304 del 26/10/2018 >>> Qualora due giudizi tra le stesse parti facciano riferimento al medesimo rapporto giuridico ed uno di essi sia stato definito con sentenza passata in giudicato, l'accertamento così compiuto in ordine alla situazione giuridica ovvero alla...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Finalità d'interesse pubblico
Cosa giudicata civile - eccezione di giudicato - interpretazione del giudicato esterno - limiti di cui all'art. 345 c.p.c. per le prove nuove in appello - esclusione - finalità d'interesse pubblico - rilievo e valutazione anche d'ufficio, in ogni stato e grado del processo – fattispecie. Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 27161 del 25/10/2018 >>> Il giudicato esterno, al pari di quello interno, risponde alla finalità d'interesse pubblico di eliminare l'incertezza delle...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Pubblico impiego contrattualizzato - efficacia panprocessuale
Cosa giudicata civile - giudicato sulla giurisdizione - pubblico impiego contrattualizzato - efficacia panprocessuale del giudicato - fattispecie. Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 26595 del 22/10/2018 >>> Le sentenze sulla giurisdizione rese in sede di regolamento o di ricorso ordinario dalla S.C. – cui, per la funzione istituzionale di organo regolatore della giurisdizione e della competenza, spetta il potere di adottare decisioni dotate di efficacia esterna(cd. efficacia...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Giudicato interno - configurabilità
Cosa giudicata civile - interpretazione del giudicato - giudicato interno - configurabilità - condizioni - passaggio motivazionale - esclusione – fattispecie. Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 24358 del 04/10/2018 >>> Il giudicato interno può formarsi solo su capi di sentenza autonomi, che cioè risolvano una questione controversa avente una propria individualità ed autonomia, così da integrare astrattamente una decisione del tutto indipendente; sono privi del carattere dell'...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - effetti della riforma o della cassazione - Corte di Cassazione Sez. 3, Ordinanza n. 18062 del 10/07/2018
Sentenza di appello di riforma di quella di primo grado - Conseguenti obblighi restitutori - Espressa statuizione di condanna alla restituzione - Necessità - Formulazione di tale domanda in appello o in separato giudizio - Ammissibilità - Eccezione di giudicato esterno - Opponibilità - Esclusione - Fondamento. La sentenza d'appello che, in riforma quella di primo grado, faccia sorgere il diritto alla restituzione degli importi pagati in esecuzione di questa, non costituisce, in mancanza di un...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - eccezione di giudicato - Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 16847 del 26/06/2018
Giudicato esterno - Rilevabilità d'ufficio in ogni stato e grado del procedimento - Sussistenza - Fondamento - Fattispecie. L'esistenza del giudicato esterno è, a prescindere dalla posizione assunta in giudizio dalle parti, rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del processo anche nell'ipotesi in cui il giudicato si sia formato successivamente alla pronuncia della sentenza impugnata, trattandosi di un elemento che può essere assimilato agli elementi normativi astratti, essendo destinato a...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - effetti del giudicato (preclusioni) - Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 16688 del 25/06/2018
Requisiti - Identità di parti, di "petitum" e di "causa petendi" - Fattispecie. Affinché il giudicato sostanziale formatosi in un giudizio operi all'interno di altro instaurato successivamente, è necessario che tra la precedente causa e quella in atto vi sia, oltre che identità di parti e di "petitum", anche di "causa petendi", ai fini della cui individuazione rilevano non tanto le ragioni giuridiche enunciate dalla parte a fondamento della pretesa avanzata in giudizio, bensì l'insieme delle...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10giudicato civile - interpretazione del giudicato - giudicato esterno - Corte di Cassazione, Sez. 5, Ordinanza n. 12752 del 23/05/2018
Portata - Delimitazione da parte del giudice - Modalità - Ricorso alla domanda di parte in via interpretativa - Limiti e condizioni. La portata del giudicato esterno va definita dal giudice del merito sulla base di quanto stabilito nel dispositivo della sentenza ed, eventualmente, nella motivazione che la sorregge, potendosi far riferimento, in funzione interpretativa, alla domanda della parte solo in via residuale qualora, all'esito dell'esame degli elementi dispositivi ed argomentativi di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - motivi del ricorso - Corte di Cassazione, Sez. 5, Ordinanza n. 11493 del 11/05/2018 - 2
Decisione di merito - Pluralità di ragioni singolarmente idonee a sorreggerla - Ricorso fondato su più censure - Rigetto delle censure relative ad una delle "rationes decidendi" - Conseguenze - Inammissibilità delle altre - Sussistenza - Fondamento. Qualora la decisione di merito si fondi su di una pluralità di ragioni, tra loro distinte e autonome, singolarmente idonee a sorreggerla sul piano logico e giuridico, la ritenuta infondatezza delle censure mosse ad una delle "rationes decidendi"...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - motivi del ricorso - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Ordinanza n. 11493 del 11/05/2018
Decisione di merito - Pluralità di ragioni singolarmente idonee a sorreggerla - Ricorso fondato su più censure - Rigetto delle censure relative ad una delle "rationes decidendi" - Conseguenze - Inammissibilità delle altre - Sussistenza - Fondamento. Qualora la decisione di merito si fondi su di una pluralità di ragioni, tra loro distinte e autonome, singolarmente idonee a sorreggerla sul piano logico e giuridico, la ritenuta infondatezza delle censure mosse ad una delle "rationes decidendi"...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato sulla giurisdizione - Corte di Cassazione, Sez. U - , Ordinanza n. 4997 del 02/03/2018
Regolamento di giurisdizione – Giudicato esterno – Rilevanza – Limiti – Fattispecie. Le sentenze di merito che statuiscono sulla giurisdizione sono suscettibili di acquistare autorità di giudicato esterno, sì da spiegare i propri effetti anche al di fuori del processo nel quale siano state rese, solo in quanto in esse la pronuncia sulla giurisdizione, sia pure implicita, si coniughi con una di merito, fermo restando che tale efficacia presuppone il passaggio in giudicato formale delle...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10cosa giudicata civile - giudicato sulla giurisdizione Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 2605 del 02/02/2018
Pronuncia di merito di primo grado che riconosce implicitamente la giurisdizione - Appello incidentale anche della parte vittoriosa - Necessità - Omissione - Ricorso per cassazione sul punto - Ammissibilità - Esclusione - Formazione del giudicato implicito sulla giurisdizione. Allorché il giudice di primo grado abbia pronunciato nel merito, affermando, anche implicitamente, la propria giurisdizione, la parte che intende contestare tale riconoscimento è tenuta a proporre appello sul punto,...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - interpretazione del giudicato - giudicato interno - Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 21566 del 18/09/2017
Specificità dei motivi di appello – Capo autonomo di sentenza – Nozione – Mere argomentazioni che non integrano una decisione del tutto indipendente – Esclusione In tema di appello, la mancata impugnazione di una o più affermazioni contenute nella sentenza può dar luogo alla formazione del giudicato interno soltanto se le stesse siano configurabili come capi completamente autonomi, avendo risolto questioni controverse che, in quanto dotate di propria individualità ed autonomia, integrino una...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - motivi del ricorso - Corte di Cassazione Sez. L , Sentenza n. 16341 del 03/07/2017
Regime sanzionatorio delle omissioni contributive non dedotto nel giudizio di merito - Deducibilità per la prima volta in Cassazione - Esclusione - Rilevanza come "quaestio iuris" esaminabile dal giudice d'appello d'ufficio - Esclusione - Condizioni. In tema di sanzioni civili per omissioni contributive, la deduzione del regime sanzionatorio introdotto con l. n. 388 del 2000 e, ancor prima, con l. n. 662 del 1996, che non abbia formato oggetto del giudizio di merito, non può essere proposta...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - effetti del giudicato (preclusioni) "solve et repete" - Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 15690 del 23/06/2017
Giudicato esterno - Imposta unica frazionata in più anni - Decisione separata relativa ad una annualità - Opponibilità nei giudizi concernenti le altre annualità - Limiti. In tema di opponibilità del giudicato esterno in materia tributaria, se un'unica imposta viene frazionata in più anni, il giudicato relativo ad una annualità coinvolge anche le altre, perché la questione è identica in tutti i suoi aspetti, divergendo solo le modalità temporali d'imputazione; laddove, invece, da un'unica...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - eccezione di giudicato - Giudicato esterno – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15737 del 23/06/2017
Rilevabilità in sede di legittimità - Condizioni - Contenuto del ricorso - Osservanza del principio di autosufficienza - Necessità. Nel giudizio di legittimità, il principio della rilevabilità del giudicato esterno va coordinato con l'onere di autosufficienza del ricorso; pertanto, la parte ricorrente che deduca l'esistenza del giudicato deve, a pena d'inammissibilità del ricorso, riprodurre in quest'ultimo il testo integrale della sentenza che si assume essere passata in giudicato, non...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Contratti in genere - scioglimento del contratto - risoluzione del contratto - per inadempimento - rapporto tra domanda di adempimento e domanda di risoluzione - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 15641 del 23/06/2017
Imputabilita' dell'inadempimento, colpa o dolo - effetti della risoluzione - Domanda di risoluzione per inadempimento e di risarcimento del danno - Rigetto della sola domanda risarcitoria per asserita inesistenza di inadempimento imputabile - Erroneità - Appello - Conseguenze. In materia di risoluzione del contratto per inadempimento, in caso di accoglimento della sola domanda di risoluzione, con rigetto di quella risarcitoria sul presupposto - errato in diritto - della non imputabilità dell’...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - impugnazioni in generale – acquiescenza - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 13780 del 31/05/2017
Sentenza di condanna al pagamento di un debito pecuniario con interessi e rivalutazione - Appello del soccombente - Formulazione di specifici motivi solo sulla sussistenza del debito - Conseguenze - Riesame delle statuizioni accessorie relative agli interessi ed alla rivalutazione - Inammissibilità - Fondamento. Nel caso di sentenza di condanna al pagamento di un debito pecuniario, oltre interessi e rivalutazione, qualora l'appello del soccombente, pur investendo la pronuncia nella sua...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - impugnazioni in generale – acquiescenza - Corte di Cassazione Sez. 5, Ordinanza n. 13047 del 24/05/2017
Acquiescenza ex art. 329, comma 2, c.p.c. - Presupposti - Parti non impugnate autonome e non dipendenti da quella oggetto di impugnazione - Necessità - Fattispecie relativa a sentenza della commissione tributaria regionale avente ad oggetto distinti periodi d'imposta aventi elementi o presupposti di fatto comuni. Nel processo tributario, l’effetto di acquiescenza, ex art. 329, comma 2, c.p.c., alle parti della sentenza non impugnate - la cui produzione ne presuppone l'autonomia e la non...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - appello - domande - Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 12843 del 22/05/2017
Mutamento di qualificazione della domanda nei riguardi di una delle parti - Assenza di gravame sul punto - Giudicato interno - Violazione - Sussistenza - Fattispecie. In sede di gravame, il giudice non può procedere d’ufficio ad una qualificazione della domanda diversa da quella compiuta dal primo giudice e non impugnata, stante la preclusione del giudicato perfezionatosi sul punto. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata per aver violato il giudicato...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - effetti del giudicato (preclusioni) - Corte di Cassazione Sez. 3 - , Ordinanza n. 9954 del 20/04/2017
Oggetto - Individuazione - Estensione agli accertamenti di fatto inerenti questioni pregiudiziali in senso logico-giuridico rispetto al "decisum" - Sussistenza - Fattispecie. Il giudicato sostanziale di cui all'art. 2909 c.c., il quale, come riflesso di quello formale previsto dall'art. 324 c.p.c., fa stato ad ogni effetto tra le parti quanto all'accertamento di merito, positivo o negativo, del diritto controverso, si forma soltanto su ciò che ha costituito oggetto della decisione,...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato formale - Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 9746 del 18/04/2017
Giudicato esterno - Eccezione - Onere probatorio dell'eccipiente - Oggetto. La parte che eccepisce il giudicato esterno ha l'onere di provare il passaggio in giudicato della sentenza resa in altro giudizio, non soltanto producendola, ma anche corredandola della idonea certificazione ex art. 124 disp. att. c.p.c., dalla quale risulti che la pronuncia non è soggetta ad impugnazione, non potendosi ritenere che la mancata contestazione di controparte sull'affermato passaggio in giudicato...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - motivi del ricorso - Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 9752 del 18/04/2017
Sentenza fondata su una pluralità di ragioni autonome - Impugnazione contro tutte le "rationes decidendi" - Necessità - Omessa impugnazione di una di esse - Conseguenze - Inammissibilità del ricorso – Fondamento – Fattispecie. Ove la sentenza sia sorretta da una pluralità di ragioni, distinte ed autonome, ciascuna delle quali giuridicamente e logicamente sufficiente a giustificare la decisione adottata, l'omessa impugnazione di una di esse rende inammissibile, per difetto di interesse, la...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Procedimento civile - domanda giudiziale – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 8674 del 04/04/2017
Alternativa In genere. Allorché la parte abbia proposto, nello stesso giudizio, due o più domande alternative, ma tra loro compatibili, ovvero legate da rapporto di subordinazione, l’accoglimento della principale o della domanda alternativa compatibile non obbliga l’attore, che voglia insistere su quella non accolta, a proporre appello incidentale, essendone sufficiente la riproposizione ai sensi dell’art. 346 c.p.c.; diversamente, qualora si tratti di domande incompatibili, ovvero sia stata...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - eccezione di giudicato – Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 8607 del 03/04/2017
Giudicato esterno - Rilevabilità d'ufficio in ogni stato e grado del procedimento - Sussistenza – Fattispecie. Il giudicato esterno, al pari di quello interno, risponde alla finalità d'interesse pubblico di eliminare l’incertezza delle situazioni giuridiche e di rendere stabili le decisioni, sicchè il suo accertamento non costituisce patrimonio esclusivo delle parti; pertanto il giudice al quale ne risulti l’esistenza non è vincolato dalla posizione assunta da queste ultime in giudizio,...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - eccezione di giudicato - Corte di Cassazione, Sez. U - , Sentenza n. 2735 del 02/02/2017
Giudicato esterno - Formazione in epoca successiva alla pronuncia della sentenza impugnata - Efficacia nel giudizio di legittimità - Inopponibilità del divieto di cui all’art. 372 c.p.c. - Limiti - Fattispecie. In tema di giudizio di cassazione, il principio secondo cui l’esistenza del giudicato esterno è, al pari di quello interno, rilevabile d’ufficio, non solo quando emerga da atti prodotti nel giudizio di merito, ma anche nell’ipotesi in cui si sia formato successivamente alla pronuncia...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - eccezione di giudicato – Corte di Cassazione, Sez. 5, Sentenza n. 21170 del 19/10/2016
Giudicato esterno - Rilevabilità in sede di legittimità - Limiti. Nel giudizio di cassazione, l'esistenza del giudicato esterno intervenuto nelle more del giudizio di merito, senza tempestiva deduzione in quella sede, non è rilevabile d'ufficio. Corte di Cassazione, Sez. 5, Sentenza n. 21170 del 19/10/2016  ...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - sentenze - di condanna generica - Condanna generica al risarcimento del danno - Giudicato esterno - Portata – Limiti - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Sentenza n. 20444 del 11/10/2016
Risarcimento del danno - condanna generica - in genere. La sentenza di condanna generica postula, quale presupposto necessario e sufficiente a legittimarne l'adozione, solo l'accertamento di un fatto ritenuto, alla stregua di un giudizio di probabilità, potenzialmente produttivo di danni, mentre il riscontro dell'esistenza, in concreto, di questi ultimi, benché già ivi possibile, può anche essere differito alla fase della loro effettiva liquidazione, ed in tal caso, se una siffatta pronuncia...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato implicito – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 18693 del 23/09/2016
Azione ex art. 2041 c.c. avanzata dall'opposto nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo - Decisione nel merito - Giudicato implicito sulla proponibilità della domanda - Configurabilità - Fondamento. In caso di rigetto della domanda di arricchimento senza causa, proposta per la prima volta dal creditore opposto nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, emesso con riguardo alla sua domanda di adempimento, senza che la relativa statuizione sia stata impugnata con ricorso...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Competenza civile - regolamento di competenza - in genere - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 18530 del 21/09/2016
Cessazione della materia del contendere - Declaratoria - Natura - Regolamento di competenza - Inammissibilità. La declaratoria di cessazione della materia del contendere è una pronuncia processuale di sopravvenuta carenza di interesse, idonea ad acquisire efficacia di giudicato limitatamente a tale aspetto, ma non a formare il giudicato sostanziale, sicché avverso la stessa è inammissibile l'istanza di regolamento di competenza, essendo priva di rilevanza ogni questione inerente alla...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Assistenza e beneficenza pubblica - prestazioni assistenziali - in genere – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 18401 del 20/09/2016
Assegno "una tantum" ex art. 2, comma 3, della l. n. 210 del 1992 - Indennizzo ex art. 1 della stessa legge - Identità del fatto costitutivo - Conseguenze in tema di giudicato. Cosa giudicata civile - limiti del giudicato - soggettivi (limiti rispetto a terzi) - In genere. L'assegno "una tantum", previsto dall'art. 2, comma 3, della l. n. 210 del 1992 in favore dei superstiti qualora a causa delle vaccinazioni o delle patologie indicate dalla legge sia derivata la morte del soggetto...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - limiti del giudicato - oggettivi - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 6 - L, Ordinanza n. 17895 del 09/09/2016
Contratto di fornitura di lavoro temporaneo - Declaratoria di illegittimità e di risarcimento del danno - Impugnazione in appello solo della prima questione - Conferma della statuizione - Preclusione sul "quantum" - "Ius superveniens" di cui all'art. 32 della l. n. 183 del 2010 - Inapplicabilità. In tema di contratto di fornitura di lavoro temporaneo, ove la sentenza di primo grado, che abbia dichiarato la illegittimità del contratto ed il conseguente diritto al risarcimento, sia stata...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato sulla giurisdizione – Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 14321 del 13/07/2016
Effetti - Preclusione del riesame della questione di giurisdizione - Configurabilità - Preclusione dell'esame di censure attinenti alla regolarità del rapporto processuale concernente opposizione a decreto ingiuntivo - Esclusione - Fondamento - Conseguenze. Quando il giudice di merito dichiari il difetto di giurisdizione dell'autorità giudiziaria ordinaria e la statuizione sul punto non formi oggetto di specifica impugnazione, la pronuncia sulla giurisdizione deve ritenersi assistita dall'...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Procedimento civile - cessazione della materia del contendere – Sez. 6 - L, Ordinanza n. 14341 del 13/07/2016
Declaratoria di cessazione della materia del contendere - Impugnazione - Onere di preliminare censura su ogni questione di merito - Necessità. Qualora il giudice di primo grado abbia dichiarato cessata la materia del contendere, è onere della parte che in appello contesti la decisione per questioni di merito, impugnare preliminarmente la declaratoria di cessazione della materia del contendere per mancanza di presupposti, restando altrimenti precluso, per difetto di interesse, ogni altro...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Provvedimenti del giudice civile - sentenza - omessa pronuncia – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 14190 del 12/07/2016
Assorbimento cd. improprio di una domanda - Nozione - Conseguenze in materia di impugnazione - Fattispecie. Nel caso di assorbimento cd. improprio, ricorrente nel caso di rigetto di una domanda in base alla soluzione di una questione di carattere esaustivo che rende vano esaminare le altre, sul soccombente non grava l'onere di formulare sulla questione assorbita alcun motivo di impugnazione, ma è sufficiente, per evitare il giudicato interno, che censuri o la sola decisione sulla questione...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 10139 del 18/05/2016
Utilizzazione di un mezzo inammissibile - Mancato rilievo da parte dal giudice e contestuale rigetto del mezzo - Deduzione della omessa declaratoria di inammissibilità come motivo di impugnazione ad opera della parte che vi abbia dato causa - Esclusione - Ragioni. In materia di impugnazione, la parte che utilizzi un mezzo inammissibile, senza che sul punto il giudice nulla rilevi, limitandosi invece a rigettarlo, non può successivamente dolersi di tale circostanza, difettando, sullo specifico...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - in genere – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 10139 del 18/05/2016
Utilizzazione di un mezzo inammissibile - Mancato rilievo da parte dal giudice e contestuale rigetto del mezzo - Deduzione della omessa declaratoria di inammissibilità come motivo di impugnazione ad opera della parte che vi abbia dato causa - Esclusione - Ragioni. In materia di impugnazione, la parte che utilizzi un mezzo inammissibile, senza che sul punto il giudice nulla rilevi, limitandosi invece a rigettarlo, non può successivamente dolersi di tale circostanza, difettando, sullo specifico...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Previdenza (assicurazioni sociali) - contributi assicurativi - sgravi (benefici, esenzioni, agevolazioni) – Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 7981 del 20/04/2016
Contributi dovuti per periodi diversi - Configurabilità di un unico rapporto assicurativo - Esclusione - Conseguenze - Giudicato su precedenti annualità - Preclusione sui periodi successivi - Esclusione - Fattispecie. In tema di obbligazioni contributive, la diversità dei periodi di debenza, pur nella identità dei termini di riferimento e di connotazione del rapporto, basta a far configurare quali diversi i rapporti contributivi ad essi afferenti, sicché il giudice non può stabilire, con...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Previdenza (assicurazioni sociali) - contributi assicurativi - sgravi (benefici, esenzioni, agevolazioni) – Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 7981 del 20/04/2016
Contributi dovuti per periodi diversi - Configurabilità di un unico rapporto assicurativo - Esclusione - Conseguenze - Giudicato su precedenti annualità - Preclusione sui periodi successivi - Esclusione - Fattispecie. Cosa giudicata civile - effetti del giudicato (preclusioni) – In genere. In tema di obbligazioni contributive, la diversità dei periodi di debenza, pur nella identità dei termini di riferimento e di connotazione del rapporto, basta a far configurare quali diversi i rapporti...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Procedimento civile - legittimazione - ad causam – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 21176 del 20/10/2015
Difetto - Rilevabilità d'ufficio - Principio di non contestazione - Operatività - Esclusione - Fattispecie. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 21176 del 20/10/2015 Il principio di non contestazione mira a selezionare i fatti pacifici e a separarli da quelli controversi, per i quali soltanto si pone l'esigenza dell'istruzione probatoria, operando in un ambito soggettivamente ed oggettivamente dominato dalla disponibilità delle parti, al quale resta estranea la "legitimatio ad causam", che...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Fallimento ed altre procedure concorsuali - liquidazione coatta amministrativa - amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi - in genere – Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 19960 del 06/10/2015
Opposizione allo stato passivo - Disciplina successiva al d.lgs. n. 5 del 2006 - Giudicato endofallimentare ex art. 96 l.fall. - Applicabilità - Conseguenze in tema di omessa contestazione della legittimazione attiva. Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 19960 del 06/10/2015 In tema di opposizione allo stato passivo dell'amministrazione straordinaria, anche nella disciplina successiva al d.lgs. n. 5 del 2006 è pienamente efficace la regola del giudicato endofallimentare ex art. 96 l.fall., sicché, ove il...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - effetti del giudicato (preclusioni) – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 18160 del 16/09/2015
Sentenza di accertamento del difetto di interesse ad agire - Natura - Effetti - Giudicato formale su questioni di rito - Esclusività - Fattispecie. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 18160 del 16/09/2015 La sentenza che dichiari insussistente l'interesse ad agire è una decisione di rito, sicché è inidonea a spiegare efficacia di giudicato al di fuori del processo nel quale è pronunciata. (Nella specie, relativa alla realizzazione della pretesa creditoria accertata in un risalente giudizio...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - limiti del giudicato - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 17706 del 07/09/2015
Giudicato sulla subordinazione nel rapporto di lavoro - Ulteriore domanda di riconoscimento di un compenso per lavoro autonomo - Ammissibilità - Fondamento - Fattispecie. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 17706 del 07/09/2015 Il giudicato formatosi in relazione ad una domanda di pagamento di retribuzioni presuppone l'accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro ex art. 2094 c.c., ma non preclude la proposizione di una ulteriore domanda, relativa al medesimo rapporto che...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - limiti del giudicato - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 17707 del 07/09/2015
Giudicato sulla nullità della clausola di part-time - Ulteriore domanda di riconoscimento di maggiore retribuzione per la discrezionalità dell'articolazione oraria - Ammissibilità - Fondamento. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 17707 del 07/09/2015 La domanda di maggior trattamento retributivo per lo svolgimento di una prestazione lavorativa a tempo parziale, unilateralmente e discrezionalmente variata nella sua articolazione dalla società datrice di lavoro, non è preclusa dal giudicato...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Società - di persone fisiche - società semplice - rapporti con i terzi - della società – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 17004 del 20/08/2015
Appello proposto da tutti i soci - Formazione del giudicato verso la società - Esclusione - Ragioni. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 17004 del 20/08/2015 Impugnazioni civili - appello - Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 17004 del 20/08/2015 L'appello proposto da tutti i soci di una società personale (nella specie, una società semplice) investe la stessa posizione di quest'ultima, che è priva di una soggettività distinta da quella dei primi e si identifica con la compagine...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - giudizio di rinvio - in genere – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 16171 del 30/07/2015
Rilevabilità del giudicato - Limiti - Efficacia preclusiva della sentenza di cassazione con rinvio - Portata - Conseguenze. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 16171 del 30/07/2015 In tema di giudizio di rinvio, il principio della rilevabilità del giudicato (sia interno che esterno) in ogni stato e grado del giudizio deve essere coordinato con i principi che disciplinano il giudizio di rinvio e, segnatamente, con la prospettata efficacia preclusiva della sentenza di cassazione con rinvio,...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato sulla giurisdizione – Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 15208 del 21/07/2015
Pronuncia del giudice ordinario di merito o del giudice amministrativo limitata alla sola giurisdizione - Efficacia di giudicato esterno al processo - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 15208 del 21/07/2015 Le sentenze dei giudici ordinari di merito, o dei giudici amministrativi, che statuiscano sulla sola giurisdizione - diversamente da quelle delle sezioni unite della Suprema Corte, alla quale, per la funzione istituzionale di organo regolatore della giurisdizione, spetta il...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni in generale - cause scindibili e inscindibili – Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 15292 del 21/07/2015
Impugnazione incidentale tardiva - Estensione soggettiva del giudizio - Parti diverse dagli impugnanti principali - Ammissibilità - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 15292 del 21/07/2015 Nelle cause scindibili o indipendenti, l'appello incidentale tardivo, pur potendo investire capi diversi da quelli impugnati in via principale, non può determinare un'estensione soggettiva del giudizio e non può, pertanto, essere proposto contro parti diverse da quelle che hanno proposto l'...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile‭ ‬-‭ ‬interpretazione del giudicato‭ ‬-‭ ‬giudicato esterno‭ ‬-‭ ‬Corte di Cassazione,‭ ‬Sez.‭ ‬1,‭ ‬Sentenza n.‭ ‬24749‭ ‬del‭ ‬20/11/2014
Giudicato esterno‭ ‬-‭ ‬Portata‭ ‬-‭ ‬Delimitazione da parte del giudice‭ ‬-‭ ‬Modalità‭ ‬-‭ ‬Ricorso alla domanda di parte in via interpretativa‭ ‬-‭ ‬Limiti e condizioni.‭ ‬Corte di Cassazione,‭ ‬Sez.‭ ‬1,‭ ‬Sentenza n.‭ ‬24749‭ ‬del‭ ‬20/11/2014 La portata del giudicato esterno va definita dal giudice del merito sulla base di quanto stabilito nel dispositivo della sentenza e,‭ ‬eventualmente,‭ ‬nella motivazione che la sorregge,‭ ‬potendosi far riferimento,‭ ‬in funzione interpretativa,‭ ‬...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile‭ ‬-‭ ‬eccezione di giudicato‭ ‬-‭ ‬Corte di Cassazione,‭ ‬Sez.‭ ‬1,‭ ‬Sentenza n.‭ ‬24749‭ ‬del‭ ‬20/11/2014
Giudicato esterno‭ ‬-‭ ‬Presumibilità‭ ‬-‭ ‬Esclusione‭ ‬-‭ ‬Riscontro diretto ed effettivo nei documenti allegati‭ ‬-‭ ‬Necessità‭ ‬-‭ ‬Incertezza sull'esito dell'esame‭ ‬-‭ ‬Conseguenze‭ ‬-‭ ‬Rigetto della relativa eccezione.‭ ‬Corte di Cassazione,‭ ‬Sez.‭ ‬1,‭ ‬Sentenza n.‭ ‬24749‭ ‬del‭ ‬20/11/2014 L'esistenza del giudicato esterno non può presumersi,‭ ‬dovendo essa trovare effettivo riscontro nei documenti versati in atti‭; ‬ne consegue che,‭ ‬qualora all'esito dell'esame della sentenza...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10acquiescenza - tacita – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 12606 del 18/06/2015
Appello - Omessa critica alla motivazione della sentenza impugnata nella parte idonea a sorreggere la decisione - Conseguenze - Fattispecie. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 12606 del 18/06/2015 In materia di appello, quando il giudizio di primo grado venga definito sulla base di una motivazione idonea a sorreggere la decisione, l'appellante, che postuli l'erroneità in fatto e in diritto della decisione, senza però farsi carico di criticare la motivazione nella parte idonea a reggere il...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Comunità europea - giudice nazionale - rimessione degli atti - in genere – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 12317 del 15/06/2015
Rinvio pregiudiziale - Obbligo del giudice di merito di conformarsi - Contrasto con una pronuncia della S.C. a sezioni unite in materia di giurisdizione - Irrilevanza. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 12317 del 15/06/2015 La pronuncia emesse dalla Corte di giustizia in sede di rinvio pregiudiziale ex art. 267 del Trattato di funzionamento dell'Unione europea vincola il giudice di merito, il quale ha l'obbligo di conformarsi alla stessa anche ove sia in contrasto con una pronuncia della...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - eccezione di giudicato – Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Sentenza n. 11365 del 01/06/2015
Giudicato esterno - Rilevabilità d'ufficio anche in sede di legittimità - Giudicato formatosi dopo la notifica del ricorso per cassazione - Produzione dei relativi documenti - Termine - Documenti prodotti dal resistente costituitosi irritualmente - Conseguenze in ordine alla loro utilizzabilità. Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Sentenza n. 11365 del 01/06/2015 L'esistenza di un giudicato esterno è rilevabile di ufficio anche in sede di legittimità, e, qualora esso si sia formato dopo la notifica...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10tributi (in generale) - condono fiscale – Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 272 del 09/01/2014
Definizione delle liti fiscali pendenti ex art. 39, comma 12, del d.l. n. 98 del 2011, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 111 del 2011 - Ambito applicativo - Presupposto - Controversie definite con decisione ancora impugnabile con i mezzi ordinari - Configurabilità - Astratta esperibilità della revocazione straordinaria o mera proposizione della relativa domanda - Insufficienza - Ragioni. Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 272 del 09/01/2014 In tema di condono fiscale, l'...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - ammissibilità del ricorso – Corte di Cassazione Sez. Sez. 2, Sentenza n. 10172 del 18/05/2015
Deduzione del vizio di ultrapetizione inficiante la sentenza di appello confermativa di quella di primo grado - Mancata deduzione del vizio come motivo di appello - Inammissibilità "in parte qua" del ricorso - Sussistenza. Corte di Cassazione Sez. Sez. 2, Sentenza n. 10172 del 18/05/2015 Provvedimenti del giudice civile - sentenza - ultra ed extra petita - Corte di Cassazione Sez. Sez. 2, Sentenza n. 10172 del 18/05/2015 In materia di ricorso per cassazione, il motivo con cui il ricorrente...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10impugnazioni civili - appello - preclusione dell'appello improcedibile od inammissibile - Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 10722 del 15/05/2014
Declaratoria di inammissibilità dell'appello ex art. 348 ter cod. proc. civ. - Ricorso per cassazione avverso la sentenza di primo grado - Requisiti di contenuto e forma del ricorso - Indicazione dei motivi d'appello e della motivazione dell'ordinanza di inammissibilità - Necessità Fondamento. Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 10722 del 15/05/2014 Nel ricorso per cassazione avverso la sentenza di primo grado, proponibile ai sensi dell'art. 348 ter, terzo comma, cod. proc. civ., l'...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10provvedimenti del giudice civile - sentenza - nullità della sentenza - inesistenza – Corte di Cassazione Sez. 6 - L, Ordinanza n. 6162 del 17/03/2014
Motivazione e dispositivo della sentenza concernenti soggetti doversi da quelli in causa - Sentenza inesistente - Configurabilità - Rinnovazione dell'atto - Necessità. Corte di Cassazione Sez. 6 - L, Ordinanza n. 6162 del 17/03/2014 L'inesistenza giuridica, o nullità radicale, di un provvedimento giurisdizionale avente contenuto decisorio emesso nei confronti delle parti del giudizio, ma con motivazione e dispositivo relativi a diversa causa concernente altri soggetti, comporta, per l'...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10cosa giudicata civile - eccezione di giudicato – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 6102 del 17/03/2014 bis
Giudicato esterno - Rilevabilità d'ufficio in sede di legittimità - Sussistenza - Presupposti - Allegazione delle parti - Necessità - Esclusione - Condizioni. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 6102 del 17/03/2014 In materia di cosa giudicata costituisce "ius receptum" che i principi costituzionali del giusto processo e della sua ragionevole durata impongono al giudice di rilevare d'ufficio, anche in sede di legittimità, il giudicato esterno, sia che questo risulti dagli atti del giudizio...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10cosa giudicata civile - eccezione di giudicato - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 6102 del 17/03/2014
Attività di interpretazione e valutazione del giudicato (esterno) - Portata - Passaggio in giudicato (interno) - Configurabilità. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 6102 del 17/03/2014 Il giudicato esterno è soggetto a valutazione ed interpretazione da parte del giudice e tale attività è suscettibile di essere, a sua volta, coperta dal giudicato (interno) secondo le regole generali proprie delle impugnazioni. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 6102 del 17/03/2014  ...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato formale – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 9127 del 06/05/2015
Principio di intangibilità del giudicato nel diritto della UE - Contrasto tra diritto interno e della UE - Disapplicazione delle norme interne sul giudicato - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 9127 del 06/05/2015 Comunità europea - giudice nazionale - Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 9127 del 06/05/2015 Il principio di intangibilità del giudicato riveste una tale importanza, sia nell'ordinamento giuridico dell'Unione Europea che in quelli nazionali, che la Corte di...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10cosa giudicata civile - limiti del giudicato - soggettivi (limiti rispetto a terzi) – Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 2137 del 31/01/2014
Efficacia riflessa - Configurabilità - Presupposti - Situazione giuridica dipendente da quella incisa dal giudicato - Fondamento - Conseguenze - Accertamento verso il datore di lavoro dell'illegittimità del collocamento in cassa integrazione - Invocabilità da parte dell'INPS - Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 2137 del 31/01/2014 In tema di effetti del giudicato, la sentenza che sia passata in giudicato, oltre ad avere un'efficacia diretta tra le parti, i loro eredi ed aventi causa...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Procedimento civile - intervento in causa di terzi - estromissione dal giudizio - in genere - Corte Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 8693 del 29/04/2015
Sentenza di primo grado - Estromissione di uno dei convenuti per difetto legittimazione passiva - Portata - Statuizione di rigetto - Mancata impugnazione della pronuncia di estromissione - Conseguenze - Notifica del gravame alla parte estromessa solo ex art. 332 cod. proc. civ. - Costituzione in appello di quest'ultima - Inammissibilità - Fondamento. La decisione con cui il giudice di primo grado estrometta dal processo uno dei convenuti, ritenendolo privo di legittimazione passiva, configura...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Intervento in causa di terzi - estromissione dal giudizio – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 8693 del 29/04/2015
Sentenza di primo grado - Estromissione di uno dei convenuti per difetto legittimazione passiva - Portata - Statuizione di rigetto - Mancata impugnazione della pronuncia di estromissione - Conseguenze - Notifica del gravame alla parte estromessa solo ex art. 332 cod. proc. civ. - Costituzione in appello di quest'ultima - Inammissibilità - Fondamento. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 8693 del 29/04/2015 La decisione con cui il giudice di primo grado estrometta dal processo uno dei...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Previdenza (assicurazioni sociali) - contributi assicurativi - riscossione - Cartella esattoriale - Opposizione - Esame nel merito - Necessità – Corte di Cassazione, Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 774 del 19/01/2014
Ricorso per cassazione - Sentenza d'appello censurata per soli vizi formali della cartella - Giudicato interno sul merito della pretesa - Conseguenze. Corte di Cassazione, Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 774 del 19/01/2014 Nell'opposizione a cartella esattoriale per crediti contributivi, il giudice deve esaminare nel merito il contenuto della domanda di pagamento dell'istituto previdenziale, sicché i vizi formali della cartella comportano soltanto l'impossibilità di avvalersene quale...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10 Provvedimenti del giudice civile - ordinanza - Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n.27229 del 22/12/2014
Per l'ulteriore istruzione della causa ex art. art. 279 n. 4 cod. proc. civ. - Impugnazione unitamente alla sentenza successiva alla prosecuzione istruttoria - Necessità - Attitudine al giudicato - Esclusione. I provvedimenti pronunciati dal collegio per l'ulteriore istruzione della causa a norma dell'art. 279 cod. proc. civ., sono revocabili, non hanno contenuto decisorio (ancorché la loro motivazione sia contenuta nella sentenza non definitiva) e non sono sindacabili con ricorso per...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10 Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - termini - termine annuale dalla pubblicazione della sentenza – Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n.26402 del 16/12/2014
Decorrenza - Dal deposito della sentenza in cancelleria - Comunicazione dell'avvenuto deposito - Irrilevanza - Fondamento. L'art. 327 cod. proc. civ. opera un non irragionevole bilanciamento tra l'indispensabile esigenza di tutela della certezza delle situazioni giuridiche e il diritto di difesa, poiché l'ampiezza del termine (nella specie annuale, secondo la formulazione della norma vigente "ratione temporis") consente al soccombente di informarsi tempestivamente della decisione che lo...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10impugnazioni civili - impugnazioni in generale - termini - termine annuale dalla pubblicazione della sentenza – Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 26402 del 16/12/2014
Decorrenza - Dal deposito della sentenza in cancelleria - Comunicazione dell'avvenuto deposito - Irrilevanza - Fondamento. Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n. 26402 del 16/12/2014 L'art. 327 cod. proc. civ. opera un non irragionevole bilanciamento tra l'indispensabile esigenza di tutela della certezza delle situazioni giuridiche e il diritto di difesa, poiché l'ampiezza del termine (nella specie annuale, secondo la formulazione della norma vigente "ratione temporis") consente al soccombente...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato sulla giurisdizione – Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 22745 del 27/10/2014
Pronuncia di merito del giudice ordinario od amministrativo - Giudicato implicito sulla giurisdizione - Sussistenza - Successive controversie tra le stesse parti aventi titolo nel medesimo rapporto davanti ad un giudice diverso - Contestazione della giurisdizione - Esclusione - Fondamento.  Il passaggio in giudicato di una pronuncia del giudice ordinario o del giudice amministrativo recante statuizioni sul merito di una pretesa riferita ad un determinato rapporto estende i suoi effetti al...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - termini - termini brevi – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 19743 del 19/09/2014
Sentenza ex art. 281 sexies cod. proc. civ. - Decorrenza del termine breve - Dalla lettura della pronuncia in udienza - Esclusione - Dalla notificazione della sentenza - Necessità. Il termine breve d'impugnazione, previsto dall'art. 325 cod. proc. civ., decorre dalla notificazione della pronuncia anche per le sentenze emesse ex art. 281 sexies cod. proc. civ., non potendosi ritenere equipollente alla notificazione, in quanto atto ad istanza di parte, la lettura del dispositivo e della...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - giudizio di rinvio - giudice di rinvio - poteri - in genere – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 13358 del 12/06/2014
Principio di diritto - Portata - Valutazione delle risultanze istruttorie acquisite nelle fasi di merito - Indicazioni ricavabili dalla stessa sentenza di annullamento - Possibilità - Esclusione - Fattispecie in tema di responsabilità per attività medico-chirurgica. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 13358 del 12/06/2014 Il giudice del rinvio, al quale sia stata demandata una valutazione da compiere sulla base delle risultanze istruttorie acquisite nelle fasi di merito, non può trarre...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - giudizio di rinvio - giudice di rinvio - poteri – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 13358 del 12/06/2014
Principio di diritto - Portata - Valutazione delle risultanze istruttorie acquisite nelle fasi di merito - Indicazioni ricavabili dalla stessa sentenza di annullamento - Possibilità - Esclusione - Fattispecie in tema di responsabilità per attività medico-chirurgica. Il giudice del rinvio, al quale sia stata demandata una valutazione da compiere sulla base delle risultanze istruttorie acquisite nelle fasi di merito, non può trarre indicazioni - al riguardo - dalla stessa sentenza di annullamento...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10condominio negli edifici - in genere (nozione, distinzioni) cosa giudicata civile - Cassazione Civile Sez. 2, Sentenza n. 10053 del 24/04/2013 integrale
Qualificazione giuridica del rapporto - Formazione del giudicato - Condizioni - Fattispecie in tema di qualificazione di un contesto proprietario come comunione e non come condominio.Fattispecie in tema di qualificazione di un contesto proprietario come comunione e non come condominio. Cassazione Civile Sez. 2, Sentenza n. 10053 del 24/04/2013 {tab massima|green}Cassazione Civile Sez. 2, Sentenza n. 10053 del 24/04/2013 Il giudicato può formarsi anche sulla qualificazione giuridica di un...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - appello - preclusione dell'appello improcedibile od inammissibile - Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 10723 del 15/05/2014
Ordinanza che dichiari l'inammissibilità dell'appello ex art. 348 ter cod. proc. civ. - Ricorso per cassazione avverso la sentenza di primo grado - Termine ordinario di proposizione - Decorrenza - Dalla comunicazione dell'ordinanza suddetta - Dedotta violazione degli artt. 24 e 111 Cost. - Esclusione - Ragioni. Nel caso in cui l'appello venga dichiarato inammissibile per carenza di ragionevole probabilità di accoglimento ai sensi dell'art. 348 bis cod. proc. civ., il ricorso per cassazione...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Impugnazioni civili - appello - preclusione dell'appello improcedibile od inammissibile - Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 8942 del 17/04/2014
Declaratoria di inammissibilità dell'appello ex art. 348 ter cod. proc. civ. - Ricorso per cassazione avverso la sentenza di primo grado - Requisiti di contenuto forma - Applicazione dell'art. 366 cod. proc. civ. - Necessità - Requisito dell'esposizione dei fatti di causa - Portata - Fatti sostanziali e processuali relativi a entrambi i gradi di giudizio - Riferimento all'oggetto devoluto al giudice dell'appello - Necessità. Il ricorso per cassazione contro la sentenza di primo grado ai sensi...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - interpretazione del giudicato - Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 27113 del 04/12/2013
Accertamento della autenticità della sottoscrizione di una scrittura privata - Sentenza passata in giudicato - Effetti. L'accertamento giudiziale, con sentenza passata in giudicato, dell'autenticità della sottoscrizione di una scrittura privata assorbe e toglie rilevanza autonoma ad ogni elemento che abbia determinato o concorso a determinare il convincimento del giudice, sia esso rappresentato dalla posizione assunta dal convenuto, dall'esito di una consulenza grafologica ovvero da una prova...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Contratti in genere - scioglimento del contratto - risoluzione del contratto - per inadempimento - clausola risolutiva espressa – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 25743 del 15/11/2013
Pronuncia dichiarativa - Art. 282 cod. proc. civ. - Applicazione - Esclusione - Conseguenze rispetto al contratto di locazione - Obbligo del conduttore di corrispondere il canone fino al passaggio in giudicato della sentenza - Necessità. L'azione di accertamento dell'avvenuta risoluzione del contratto per effetto d'una clausola risolutiva espressa, ex art. 1456 cod. civ., tende ad una pronuncia dichiarativa, perché implica l'accertamento dell'inadempienza, con la conseguenza che non ha l'...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Obbligazioni in genere - estinzione dell'obbligazione - compensazione - giudiziale – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 23573 del 17/10/2013
Credito da accertarsi in un separato giudizio, ancora - Compensazione - Ammissibilità - Conseguenze - Pendenza dei giudizi innanzi allo stesso ufficio giudiziario - Riunione di cause - Pendenza innanzi a giudici diversi - Pronuncia di condanna con riserva e sospensione del giudizio - Sussistenza. La circostanza che l'accertamento di un credito risulti "sub iudice" non è di ostacolo alla possibilità che il titolare lo opponga in compensazione al credito fatto valere in un diverso giudizio dal...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10cosa giudicata civile - effetti del giudicato (preclusioni) – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 23235 del 14/10/2013
Domanda di rendiconto - Accoglimento - Validità del contratto - Accertamento implicito - Conseguenze. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 23235 del 14/10/2013 Il rilievo d'ufficio della nullità del contratto è precluso al giudice quando sulla validità del rapporto si sia formato il giudicato, anche implicito, come allorché il giudice di primo grado, accogliendo una domanda, abbia dimostrato di ritenere valido il contratto, e le parti, in sede di appello, non abbiano mosso alcuna censura...
Foroeuropeo - Foroeuropeo freccia_27_10Cosa giudicata civile - giudicato implicito – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 22097 del 26/09/2013
Eccezione di difetto di giurisdizione sollevata in sede di legittimità - Inammissibilità - Condizioni - Fattispecie. Edilizia popolare ed economica - competenza e giurisdizione È inammissibile l'eccezione di difetto di giurisdizione sollevata per la prima volta in sede di legittimità, stante il giudicato implicito formatosi sulla pronuncia di merito, ove la questione non sia stata sollevata nei gradi anteriori di giudizio. (Nella specie, la Suprema Corte ha osservato che comunque, in...

______________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice di procedura civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

eBook - manuali

Foroeuropeo - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Foroeuropeo - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati