foroeuropeo.it

2787. Prelazione del creditore pignoratizio.

Print Friendly, PDF & Email

Codice Civile Libro Sesto: DELLA TUTELA DEI DIRITTI Titolo III: DELLA RESPONSABILITA' PATRIMONIALE, DELLE CAUSE DI PRELAZIONE E DELLA CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE Capo III: DEL PEGNO Sezione I: DISPOSIZIONI GENERALI Sezione II: DEL PEGNO DEI BENI MOBILI Art.2787. Prelazione del creditore pignoratizio.

Art. 2787. Prelazione del creditore pignoratizio.

1. Il creditore ha diritto di farsi pagare con prelazione sulla cosa ricevuta in pegno.

2. La prelazione non si può far valere se la cosa data in pegno non è rimasta in possesso del creditore o presso il terzo designato dalle parti.

3. Quando il credito garantito eccede la somma di € 2,58, la prelazione non ha luogo se il pegno non risulta da scrittura con data certa, la quale contenga sufficiente indicazione del credito e della cosa.

4. Se però il pegno risulta da polizza o da altra scrittura di enti che, debitamente autorizzati, compiono professionalmente operazioni di credito su pegno, la data della scrittura può essere accertata con ogni mezzo di prova.

________________________________________________________

Documenti collegati:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo i primo cento documenti di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI  per continuare la visualizzazione di altri documenti).

La visualizzazione dei documenti può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile anche attivare la ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca" il sistema visualizzerà solo i documenti con la parola chiave inserita.

Prelazione pignoratizia per i crediti bancari – Cass. n. 15421/2019Prelazione pignoratizia per i crediti bancari – Cass. n. 15421/2019
Credito - istituti o enti di credito  Crediti bancari garantiti da pegno - Art. 2787, comma 4, c.c. - Esenzione dall'onere della data certa - Limitazione alle sole operazioni di credito su pegno - Operazioni bancarie garantite da pegno - Esclusione - Fondamento - Fattispecie. In tema di prelazione pignoratizia per i crediti bancari, il comma 4 dell'art. 2787 c.c. stabilisce un regime "agevolato" circa la prova del tempo della costituzione della garanzia (senza incidere sulla disciplina delle altre condizioni richieste dai commi 2 e 3 per l'operare della prelazione) che esenta le banche...
Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - effetti - sugli atti pregiudizievoli ai creditori (rapporti con l'azione revocatoria ordinaria) - azione revocatoria fallimentare - atti a titolo oneroso, pagamenti e garanzie - Cass. n. 16565/2018Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - effetti - sugli atti pregiudizievoli ai creditori (rapporti con l'azione revocatoria ordinaria) - azione revocatoria fallimentare - atti a titolo oneroso, pagamenti e garanzie - Cass. n. 16565/2018
Rimessa in conto corrente - Denaro proveniente dalla vendita di un bene costituito in pegno consolidatosi - Revocabilità - Fondamento. In tema di revocatoria fallimentare, la rimessa in conto corrente bancario effettuata con denaro proveniente dalla vendita di un bene costituito in pegno, ormai consolidatosi in favore della banca, è revocabile, ai sensi dell'art. 67 l. fall., non assumendo alcun rilievo la circostanza che il ricavato della vendita sia destinato a soddisfare un credito privilegiato, in quanto l'"eventus damni" deve considerarsi "in re ipsa", consistendo nella lesione della "...
Responsabilità patrimoniale - cause di prelazione - privilegi - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 7214 del 25/03/2009Responsabilità patrimoniale - cause di prelazione - privilegi - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 7214 del 25/03/2009
Pegno di titoli di credito - Esistenza della prelazione - Condizioni - Previa notificazione al debitore della costituzione del pegno o sua accettazione preventiva - Necessità - Esclusione - Consegna del titolo al creditore e spossessamento del debitore - Sufficienza. L'art 2800 cod. civ., il quale condiziona l'esistenza della prelazione, nel pegno di credito, alla notificazione della costituzione del pegno medesimo al debitore ovvero alla sua accettazione con atto di data certa, non trova applicazione nell'ipotesi del pegno di titoli di credito, tanto regolare quanto irregolare, ove per la...
Contratti bancari - Deposito bancario - Di denaro - A risparmio – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 4542 del 14/04/1992Contratti bancari - Deposito bancario - Di denaro - A risparmio – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 4542 del 14/04/1992
Libretto di deposito a risparmio - Legittimazione del possessore - Libretto al portatore - Dazione in pegno - Creditore pignoratizio - Poteri - Diritto di proprietà del titolo - Configurabilità - Esclusione - Legittimazione ad agire nei confronti dei terzi - Ammissibilità - Azione basata sul rapporto di pegno - Prova del rapporto - Onere del creditore portatore del titolo - Mezzi.  L'assoggettamento del libretto di deposito a risparmio pagabile al portatore alle regole della circolazione dei titoli di credito è limitata, da un lato, dall'opponibilità, nei rapporti fra "tradens e...

________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

amministrativo

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile