foroeuropeo.it

0045. Domicilio dei coniugi, del minore e dell'interdetto.

Print Friendly, PDF & Email

Codice Civile Libro Primo: delle persone e della famiglia titolo III: del domicilio e della residenza Art.45. Domicilio dei coniugi, del minore e dell'interdetto.

Art. 45. Domicilio dei coniugi, del minore e dell'interdetto.

1. Ciascuno dei coniugi ha il proprio domicilio nel luogo in cui ha stabilito la sede principale dei propri affari o interessi. (1)

2. Il minore ha il domicilio nel luogo di residenza della famiglia o quello del tutore. Se i genitori sono separati o il loro matrimonio è stato annullato o sciolto o ne sono cessati gli effetti civili o comunque non hanno la stessa residenza, il minore ha il domicilio del genitore con il quale convive.

3. L'interdetto ha il domicilio del tutore.

(1) La Corte Costituzionale con sentenza 14 luglio 1976, n. 171 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente comma nella parte in cui in caso di separazione di fatto dei coniugi ed ai fini della competenza per territorio nel giudizio di separazione prevede che la moglie, la quale abbia fissato altrove la propria residenza, conservi legalmente il domicilio del marito.

________________________________________________

Documenti collegati:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo i primo cento documenti di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI  per continuare la visualizzazione di altri documenti).

La visualizzazione dei documenti può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile anche attivare la ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca" il sistema visualizzerà solo i documenti con la parola chiave inserita.

Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali - Cass. n. 12453/2017Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali - Cass. n. 12453/2017
Condannato in stato di interdizione legale - Competenza del giudice tutelare - Individuazione - Ultima residenza anagrafica anteriore allo stato detentivo - Eccezione - Prova di un domicilio diverso dalla residenza. La competenza del giudice tutelare nei confronti del condannato in stato d'interdizione legale - da individuare al momento del passaggio in giudicato della sentenza di condanna e destinato a non subire mutamenti in coincidenza di trasferimenti restrittivi del reo ex art. 5 c.p.c. - si determina sulla base dell'ultima residenza anagrafica anteriore all'instaurazione dello stato...
Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali - Cass. n. 12453/2017Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali - Cass. n. 12453/2017
Condannato in stato di interdizione legale - Competenza del giudice tutelare - Individuazione - Ultima residenza anagrafica anteriore allo stato detentivo - Eccezione - Prova di un domicilio diverso dalla residenza. La competenza del giudice tutelare nei confronti del condannato in stato d'interdizione legale - da individuare al momento del passaggio in giudicato della sentenza di condanna e destinato a non subire mutamenti in coincidenza di trasferimenti restrittivi del reo ex art. 5 c.p.c. - si determina sulla base dell'ultima residenza anagrafica anteriore all'instaurazione dello stato...
Competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali – Cass. n. 20471/2015Competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali – Cass. n. 20471/2015
Tutela del detenuto interdetto - Giudice competente - Individuazione - Criteri. Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 20471 del 12/10/2015 La competenza per l'apertura della tutela dell'interdetto, ove questi si trovi in stato di detenzione in esecuzione di sentenza definitiva, va attribuita al giudice tutelare del luogo della sua ultima dimora abituale prima dell'inizio dello stato detentivo, non trovando applicazione il criterio legale della sede principale degli affari e degli interessi dell'interdetto, che presuppone l'elemento soggettivo del volontario stabilimento. Corte di...
Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali – Cass. n. 20471/2015Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali – Cass. n. 20471/2015
Tutela del detenuto interdetto - Giudice competente - Individuazione - Criteri. La competenza per l'apertura della tutela dell'interdetto, ove questi si trovi in stato di detenzione in esecuzione di sentenza definitiva, va attribuita al giudice tutelare del luogo della sua ultima dimora abituale prima dell'inizio dello stato detentivo, non trovando applicazione il criterio legale della sede principale degli affari e degli interessi dell'interdetto, che presuppone l'elemento soggettivo del volontario stabilimento. Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 20471 del 12/10/2015...
Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali – Cass. n. 20471/2015Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali – Cass. n. 20471/2015
Tutela del detenuto interdetto - Giudice competente - Individuazione - Criteri. La competenza per l'apertura della tutela dell'interdetto, ove questi si trovi in stato di detenzione in esecuzione di sentenza definitiva, va attribuita al giudice tutelare del luogo della sua ultima dimora abituale prima dell'inizio dello stato detentivo, non trovando applicazione il criterio legale della sede principale degli affari e degli interessi dell'interdetto, che presuppone l'elemento soggettivo del volontario stabilimento. Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 20471 del 12/10/2015...
Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali - Interdizione legale – Cass. n. 10373/2013Competenza civile - competenza per territorio - gestioni tutelari e patrimoniali - Interdizione legale – Cass. n. 10373/2013
Apertura della tutela - Giudice competente - Criterio - Luogo di detenzione al momento della irrevocabilità della sentenza di condanna - Fondamento - Trasferimento ad altra casa circondariale anteriormente alla nomina del tutore - Irrilevanza. Il giudice competente per l'apertura della tutela dell'interdetto legale va individuato in quello del luogo in cui la persona interessata ha la sede principale degli affari od interessi, che coincide, ove l'interessato sia detenuto al momento in cui la sentenza di condanna è divenuta irrevocabile, con quello di abituale dimora nel cui circondario si...
Procedimenti speciali - procedimenti in materia di lavoro e di previdenza - controversie assoggettate - Corte di Cassazione Sez. 3, Ordinanza n. 21418 del 07/08/2008Procedimenti speciali - procedimenti in materia di lavoro e di previdenza - controversie assoggettate - Corte di Cassazione Sez. 3, Ordinanza n. 21418 del 07/08/2008
Art. 3 legge n. 102 del 2006 - Rinvio alle norme processuali relative al rito del lavoro per le cause di risarcimento danni da morte o lesioni derivanti da fatti di circolazione stradale - Applicazione del rito del lavoro nei procedimenti instaurati davanti al giudice di pace - Esclusione - Fondamento - Conseguenze - Applicabilità della suddetta norma solo per le indicate cause appartenenti alla competenza del Tribunale - Sussistenza. Il rinvio alle norme processuali riguardanti il rito del lavoro, stabilito nell'art. 3 della legge n. 102 del 2006 per le cause di risarcimento danni da morte o...
Procedimenti speciali - procedimenti in materia di lavoro e di previdenza - controversie assoggettate - in genere – Corte di Cassazione Sez. 3, Ordinanza n. 21418 del 07/08/2008Procedimenti speciali - procedimenti in materia di lavoro e di previdenza - controversie assoggettate - in genere – Corte di Cassazione Sez. 3, Ordinanza n. 21418 del 07/08/2008
Art. 3 legge n. 102 del 2006 - Rinvio alle norme processuali relative al rito del lavoro per le cause di risarcimento danni da morte o lesioni derivanti da fatti di circolazione stradale - Applicazione del rito del lavoro nei procedimenti instaurati davanti al giudice di pace - Esclusione - Fondamento - Conseguenze - Applicabilità della suddetta norma solo per le indicate cause appartenenti alla competenza del Tribunale - Sussistenza. Il rinvio alle norme processuali riguardanti il rito del lavoro, stabilito nell'art. 3 della legge n. 102 del 2006 per le cause di risarcimento danni da morte...
Famiglia - matrimonio - separazione personale dei coniugi - effetti – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 4460 del 04/07/1983Famiglia - matrimonio - separazione personale dei coniugi - effetti – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 4460 del 04/07/1983
Provvedimenti per i figli - sopravvenienza dell'annullamento del matrimonio nel corso del giudizio di separazione - cessazione della materia del contendere in ordine a quest'ultimo giudizio - provvedimento presidenziale di affidamento della prole - efficacia - persistenza - nuova eventuale istanza di affidamento - competenza - determinazione - criteri.* Qualora nel corso del giudizio di separazione personale sopravvenga l'annullamento del matrimonio, con la conseguente cessazione della materia del contendere in ordine alla domanda di separazione, viene meno la Competenza del giudice della...
Sede della persona - della persona fisica - domicilio – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2223 del 14/04/1982Sede della persona - della persona fisica - domicilio – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2223 del 14/04/1982
Della moglie - residenza di lei dopo la separazione, l'annullamento o il divorzio - nuova disciplina conseguente alla riforma del diritto di famiglia.* A seguito della nuova formulazione dell'art. 45 cod. civ. (art. 1 l. 19 maggio 1975 n. 151) la moglie oltre alla possibilità di avere un domicilio diverso da quello del marito, ha una residenza diversa da quella della famiglia, quando sia separata di fatto o legalmente o quando il matrimonio sia stato annullato o sciolto.* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2223 del 14/04/1982  ...
Locazione - regime vincolistico (proroga e blocco) – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 604 del 02/02/1982Locazione - regime vincolistico (proroga e blocco) – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 604 del 02/02/1982
Decadenza del conduttore dal diritto alla proroga legale - disponibilità di altra abitazione - disciplina ex art. 3 n. 1 della legge n. 253 del 1950 - mutamento per effetto dell'entrata in vigore delle norme sul possibile diverso domicilio dei coniugi previste dal nuovo diritto di famiglia - esclusione - conseguenze in tema di convivenza coniugale in abitazione diversa da quella condotta in locazione da uno dei coniugi. *  La nuova normativa in tema di diritto di famiglia (legge 19 maggio 1975 n. 151) che, conservando l'Obbligo reciproco della coabitazione tra coniugi, ha reso...
Famiglia - matrimonio - scioglimento - divorzio – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 558 del 28/01/1982Famiglia - matrimonio - scioglimento - divorzio – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 558 del 28/01/1982
Obblighi - verso la prole - separazione personale dei coniugi - effetti - provvedimenti per i figli - revisione dell'affidamento dei figli - competenza - tribunale per i minorenni - competenza per territorio - determinazione - criteri - dimora del minore - identificazione.* 082254 418273* In tema di revisione dell'affidamento del figlio minore di genitori separati, o divorziati, od il cui matrimonio sia stato annullato, funzionalmente devoluta alla cognizione del tribunale per i minorenni, l'individuazione del giudice territorialmente competente va effettuata, alla stregua dell'esigenza...
Procedimenti speciali - procedimenti in materia di famiglia e di stato delle persone - separazione personale dei coniugi – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2646 del 30/04/1981Procedimenti speciali - procedimenti in materia di famiglia e di stato delle persone - separazione personale dei coniugi – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2646 del 30/04/1981
Domanda - competenza - territoriale - residenza della moglie - disciplina ex art 45 cod civ - applicabilità - formulazione di detto articolo a seguito della sentenza n 171 del 1976 della corte costituzionale - rilevanza anche in ipotesi di azioni promosse anteriormente a detta sentenza.* Ai fini della Determinazione della Competenza territoriale nella causa di separazione personale si deve tener conto della formulazione assunta dall'art 45 cod civ del 1942 a seguito della sentenza della Corte costituzionale n 171 del 1976, che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della predetta...
Locazione - obbligazioni del conduttore – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 1392 del 11/03/1981Locazione - obbligazioni del conduttore – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 1392 del 11/03/1981
Corrispettivo (canone) - morosità - domanda di risoluzione del contratto - competenza - disciplina applicabile vigente l'art 3 della legge n 841 del 1973.* Proposta domanda di risoluzione del contratto di locazione di immobile urbano per inadempimento del conduttore - consistente nel mancato, incompleto o ritardato pagamento del canone - tale domanda, in presenza della norma dettata dall'art 3 della legge 22 dicembre 1973, n 841 (che conferisce Rilevanza alla morosita, quale causa di risoluzione dei contratti prorogati, quando si protragga per almeno due mesi, ovvero per tre mesi ove le...
Minore età - giudice tutelare - competenza territoriale - camera di consiglio - volontaria giurisdizione - competenza territoriale - domicilio delle parti. Camera di consiglio – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 3322 del 29/12/1960Minore età - giudice tutelare - competenza territoriale - camera di consiglio - volontaria giurisdizione - competenza territoriale - domicilio delle parti. Camera di consiglio – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 3322 del 29/12/1960
Provvedimento di volontaria giurisdizione - presunzione di legittimità - contestazioni - onere della prova - fattispecie. Domicilio, residenza e dimora - residenza - domicilio - differenza. Camera di consiglio - provvedimento di volontaria giurisdizione - revoca o modifica - negozi conclusi dai terzi - rispetto - condizioni - buona fede - estremi. Camera di consiglio - provvedimento di volontaria giurisdizione - terzo - nozione - tutela della buona fede - estremi. Camera di consiglio - provvedimento - incompetenza del giudice - inopponibilità ai terzi. Competente ad autorizzare il genitore...

________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Codice civile

c.c.

cc

45

domicilio

coniugi

minore interdetto

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile