foroeuropeo.it

Azioni a difesa della proprietà - negatoria – Cass. 12630/2019

Print Friendly, PDF & Email

Esercizio abusivo di servitù di veduta - Danno "in re ipsa" - Sussistenza - Liquidazione equitativa - Criterio.

Risarcimento del danno - valutazione e liquidazione - criteri equitativi .

Servitù - prediali - esercizio.

La lesione del diritto di proprietà, conseguente all'esercizio abusivo di una servitù di veduta, è di per sé produttiva di un danno, il cui accertamento non richiede, pertanto, una specifica attività probatoria e per il risarcimento del quale il giudice deve procedere ai sensi dell'art. 1226 c.c., adottando eventualmente, quale parametro di liquidazione equitativa, una percentuale del valore reddituale dell'immobile, la cui fruibilità sia stata temporaneamente ridotta.

Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 12630 del 13/05/2019 (Rv. 653643 - 01)

Riferimenti normativi: 

Cod. Civ. art. 0905 – Distanza per l’apertura di vedute dirette e balconi

Cod. Civ. art. 1226 – Valutazione equitativa del danno

Cod. Civ. art. 2043 – Risarcimento per fatto illecito

Cod. Civ. art. 2697 – Onere della prova

Cod. Civ. art. 2056 – Valutazione dei danni

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

amministrativo

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile