foroeuropeo.it

Proprietà - limitazioni legali della proprietà - rapporti di vicinato - norme di edilizia - violazione - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10499 del 21/05/2015

Print Friendly, PDF & Email

Azione diretta al rispetto delle distanze legali - Effetti della sentenza nei confronti dell'acquirente a titolo particolare della costruzione chiamato in giudizio - Sussistenza - Mancata trascrizione della domanda - Rilevanza - Esclusione - Fondamento. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10499 del 21/05/2015

Trascrizione - atti relativi a beni immobili - effetti della trascrizione - domande giudiziarie - in genere - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10499 del 21/05/2015

La sentenza pronunziata sulla domanda di "actio negatoria servitutis ", diretta a denunziare la violazione delle distanze legali ad opera del proprietario del fondo vicino e ad ottenere l'arretramento della sua costruzione, ha effetto anche nei confronti dell'acquirente a titolo particolare della costruzione, che sia stato parimenti convenuto nel giudizio instaurato contro il suo dante causa, così assumendo la qualità di parte del processo, senza che la mancata trascrizione della domanda giudiziale a norma dell'art. 2653, n.1 o n. 5, cod. civ. conferisca al medesimo acquirente il diritto di mantenere la distanza inferiore a quella legale.

Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10499 del 21/05/2015

 

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile