foroeuropeo.it

Presupposti – Depauperamento – Cass. n. 6827/2021

Print Friendly, PDF & Email

Obbligazioni in genere - nascenti dalla legge - ingiustificato arricchimento (senza causa) - Presupposti - Depauperamento - Configurabilità - Condizioni - Fattispecie.

La sussistenza del requisito del depauperamento, richiesto dall'art. 2041 c.c. come presupposto per l'esercizio dell'azione generale di arricchimento, richiede la dimostrazione che il convenuto non ha alcun titolo per giovarsi di quanto corrisponde alla perdita patrimoniale, subita dall’istante senza la propria volontà e senza un'adeguata esplicita causa giuridica; pertanto, il diritto all'indennizzo non può essere riconosciuto se il depauperamento è giustificato da una ragione giuridica, come quando sia avvenuto per una spesa fatta dall’istante nel proprio esclusivo interesse, sia pure con indiretta utilità altrui. (In applicazione del principio, la S.C. ha confermato la sentenza di appello che, in riforma di quella di primo grado, aveva negato il diritto all’indennizzo preteso da una società per i lavori di adeguamento compiuti su un immobile, requisitole dal Comune, per consentirvi la continuazione dell’attività didattica, avuto riguardo alla circostanza che, pur non risultando formalizzato tra le parti alcun rapporto contrattuale, tuttavia era stata accertata, all'esito di CTU, la congruità del canone di locazione corrisposto dall’ente con riferimento alla nuova destinazione).

Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 6827 del 11/03/2021 (Rv. 660908 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_2041

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile