foroeuropeo.it

Opposizioni - agli atti esecutivi - provvedimenti del giudice dell'esecuzione - Ordinanza di assegnazione di un credito - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 5489 del 26/02/2019

Print Friendly, PDF & Email

Esecuzione forzata - opposizioni - agli atti esecutivi - provvedimenti del giudice dell'esecuzione - Ordinanza di assegnazione di un credito - Natura di atto esecutivo - Sussistenza - Conseguenze - Impugnazione con l'opposizione agli atti esecutivi o con l'appello - Condizioni e limiti.

L'ordinanza di assegnazione di un credito, costituendo l'atto conclusivo del procedimento di esecuzione forzata per espropriazione di crediti, ha natura di atto esecutivo. Pertanto, essa va impugnata con il rimedio dell'opposizione agli atti esecutivi tutte le volte in cui si facciano valere vizi, ancorché sostanziali, attinenti all'ordinanza di assegnazione oppure ai singoli atti esecutivi che l'hanno preceduta, mentre va impugnata con l'appello qualora il contenuto di tale ordinanza, esulando da quello ad essa proprio, decida questioni che integrano l'oggetto tipico di un procedimento di cognizione.

Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 5489 del 26/02/2019

Cod_Proc_Civ_art_543, Cod_Proc_Civ_art_553, Cod_Proc_Civ_art_617, Cod_Proc_Civ_art_339

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile