foroeuropeo.it

Giudizio di cassazione ai fini della condanna – Cass. n.  38528/2021

Print Friendly, PDF & Email

Spese giudiziali civili - "ius superveniens" - responsabilita' aggravata - lite temeraria - Giudizio di cassazione - Lite temeraria ex art. 96, comma 3, c.p.c. - Configurabilità - Ipotesi di sussistenza dell'abuso del diritto.

 

Nel giudizio di cassazione, ai fini della condanna ex art. 96, comma 3, c.p.c. può costituire abuso del diritto all'impugnazione la proposizione di un ricorso basato su motivi manifestamente incoerenti con il contenuto della sentenza impugnata o completamente privo dell'autosufficienza oppure contenente una mera complessiva richiesta di rivalutazione nel merito della controversia ovvero fondato sulla deduzione del vizio di cui all'art. 360, comma , n. 5 c.p.c., ove sia applicabile, "ratione temporis", l'art. 348 ter, comma 5, che ne esclude l'invocabilità.

Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 38528 del 06/12/2021 (Rv. 663164 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Proc_Civ_art_096, Cod_Proc_Civ_art_385, Cod_Proc_Civ_art_360

 

Corte

Cassazione

38528

2021

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile