Titoli di credito - assegno bancario - protesto - Corte di Cassazione, Sez. 1 - , Sentenza n. 23719 del 24/09/2019 (Rv. 655341 - 01)

Print Friendly, PDF & Email

Mera contraffazione della firma del titolare del conto corrente - Mancato pagamento dell'assegno - Levata del protesto nei confronti del correntista - Legittimità - Fattispecie.

In tema di assegno bancario, solo nel caso di sottoscrizione dell'assegno con un nome chiaramente e totalmente diverso da quello del titolare del conto il protesto va levato a nome di detto traente inesistente, essendo ciò sufficiente nei rapporti fra giratari per la tutela dei rispettivi diritti, mentre nell'ipotesi di semplice contraffazione della firma del titolare del conto il protesto va levato con riferimento a quest'ultimo. (La S.C., nell'enunciare il principio, ha confermato il rigetto della domanda di risarcimento del danno reputazionale del correntista, conseguito al protesto levato a suo nome, ritenendo non decisiva la circostanza che il furto del "carnet" di assegni era stato denunciato dal correntista e da questi portato tempestivamente a conoscenza della banca).

Corte di Cassazione, Sez. 1 - , Sentenza n. 23719 del 24/09/2019 (Rv. 655341 - 01)

Accedi

Online ora

644 visitatori e 10 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile