foroeuropeo.it

successioni "mortis causa" - successione testamentaria - forma dei testamenti - testamento per atto notarile - pubblico - sottoscrizioni - mancanza - Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 8346 del 09/04/2014

Print Friendly, PDF & Email

Dichiarazione del testatore di non poter firmare perché cieco - Rilevanza - Limiti - Fondamento. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 8346 del 09/04/2014

Ai sensi degli artt. 2 e 4 della legge 3 febbraio 1975, n. 18, i non vedenti hanno, in linea di principio, la capacità di sottoscrivere gli atti che li riguardano, sicché, ai fini della validità del testamento pubblico, la dichiarazione del testatore di non poter firmare perché cieco, seppur trasfusa nell'atto dal notaio rogante, è insufficiente, occorrendo anche che essa sia veridica, in quanto, altrimenti, il testamento è nullo per difetto di sottoscrizione.

Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 8346 del 09/04/2014

 

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile