Arbitrato - arbitri - compenso – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 13174 del 26/11/1999

Print Friendly, PDF & Email

Arbitrato rituale - Accettazione dell'incarico da parte degli arbitri - Contratto di diritto privato - Riconducibilità al contratto d'opera intellettuale - Effetti - Compenso per l'opera prestata - Obbligo di corresponsione - Solidarietà tra i contendenti - Configurabilità.

Qualunque sia la natura, privatistica o pubblicistica, dell'arbitrato rituale, tra i contendenti e gli arbitri si perfeziona, con l'accettazione dell'incarico da parte di questi, un contratto di diritto privato, riconducibile al contratto d'opera intellettuale, dal quale deriva l'obbligo in via solidale dei contendenti di corrispondere il compenso per l'opera prestata, rimanendo ininfluente, a tali effetti, il carattere unilaterale della devoluzione effettiva della controversia agli arbitri.

Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 13174 del 26/11/1999

Accedi

Online ora

929 visitatori e 27 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile