Arbitrato - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2216 del 01/02/2007

Print Friendly, PDF & Email

Lodo - Successivo giudizio - Interpretazione del contenuto e dei limiti del lodo - Accertamento del giudice di merito - Sindacabilità in cassazione - Limiti - Fattispecie.

L'accertamento del giudice di merito in ordine al contenuto ed ai limiti del lodo reso fra le stesse parti in un pregresso procedimento arbitrale riguardante un rapporto connesso non è sindacabile in cassazione se non sotto il profilo dei vizi di motivazione, costituendo il lodo arbitrale un atto negoziale proveniente da soggetti privati che non muta tale sua natura per l'attribuzione ad esso, dopo la sua formazione, degli effetti della sentenza. (Nella specie, la S.C. ha respinto il ricorso con cui si lamentava che il giudice di merito non avesse riconosciuto l'effetto preclusivo di "giudicato" a precedente lodo non deducendo vizi di motivazione ma proponendo una diversa interpretazione del lodo).

Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2216 del 01/02/2007

 

Accedi

Online ora

468 visitatori e 2 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile