Procedimento civile - ausiliari del giudice - liquidazione del compenso - Cass. n. 20375/2019

Print Friendly, PDF & Email

Commissario giudiziale ex artt. 15 e 45, comma 3, del d.lgs. n. 231 del 2001 - Determinazione del compenso - Equiparazione generalizzata dell'attività del commissario a quella di altri ausiliari - Esclusione - Fondamento - Criterio di liquidazione.

In tema di liquidazione del compenso spettante al commissario giudiziale ex artt. 15 e 45, comma 3, del d.lgs. n. 231 del 2001, per la relativa determinazione non è possibile alcuna equiparazione in via generalizzata, anche ai fini dell'applicazione analogica delle norme sui compensi, dell'attività del commissario giudiziale a quella di altri ausiliari, attesa la natura flessibile dei suoi compiti, cui possono essere demandate le più diverse attribuzioni nell'ambito dell'attività dell'ente. Ne consegue che, in mancanza di specifica tabella professionale, compete direttamente al magistrato che liquida il compenso al commissario giudiziale applicare, caso per caso, gli artt. 49 e 50 del d.P.R. n. 115 del 2002, liquidando il compenso con riferimento alle tariffe professionali esistenti, eventualmente concernenti materie analoghe, contemperate con la natura pubblicistica dell'incarico.

Corte Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 20375 del 26/07/2019 (Rv. 654886 - 01)

corte

cassazione

20375

2019

Accedi

Online ora

686 visitatori e 12 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile