Copia - Omessa indicazione della data - Nullità della notificazione - Condizioni - Conseguenze - Notificazione della sentenza - Impugnazione relativa - Applicazione del termine "lungo" - Necessità.

In materia di procedimento civile, l'omessa indicazione della data dell'eseguita notifica nella copia dell'atto consegnata al destinatario assume rilievo nel caso in cui dalla notificazione decorra un termine perentorio entro il quale il destinatario deve esercitare determinati diritti, in quanto siffatta mancanza concreta una nullità insanabile, venendo ad ostacolare in maniera grave l'esercizio dei diritti stessi. Ne consegue che, ove l'anzidetta omissione riguardi la notificazione della sentenza, ai fini della relativa impugnazione troverà applicazione il termine "lungo" di cui all'art. 327 cod. proc. civ. e non già quello "breve" ex art. 326 cod. proc. civ.

Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 17688 del 29/08/2011

 

♦ MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA: