Espropriazione per pubblico interesse (o utilità) - procedimento - liquidazione dell'indennità – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 19082 del 25/09/2015

Print Friendly, PDF & Email

Indennità provvisoria ex art. 23, comma 2, l. n. 1 del 1978 e riscossione dell'acconto - Mancato completamento della procedura ablativa - Azione risarcitoria per occupazione appropriativa - Esperimento - Ammissibilità. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 19082 del 25/09/2015

In caso di mancato tempestivo completamento della procedura espropriativa, tramite cessione volontaria o decreto ablativo, la riscossione dell'indennità provvisoria ex art. 23, comma 2, della l. n. 1 del 1978 (applicabile "ratione temporis") non osta all'esperimento, da parte del privato, della ordinaria azione risarcitoria derivante dalla illecita occupazione acquisitiva del fondo, connessa alla irreversibile trasformazione di esso.

Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 19082 del 25/09/2015

 

Accedi

Online ora

400 visitatori e 2 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile