espropriazione per pubblico interesse (o utilità) - responsabilità per danni conseguenti all'esecuzione di opere di pubblica utilità - Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 15223 del 03/07/2014

Print Friendly, PDF & Email

Indennità ex art. 46 legge n. 2359 del 1865 - Requisito della permanenza del danno - Nozione - Criteri di valutazione. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 15223 del 03/07/2014

Ai fini del diritto alla corresponsione dell'indennità prevista dall'art. 46 della legge 25 giugno 1865, n. 2359 ("ratione temporis"applicabile, ora sostituito dall'art. 44 del d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327), il requisito della "permanenza" del danno, valutato con riguardo al momento dell'apprezzamento delle cause lesive in base ad un giudizio prognostico ispirato ad un criterio di normalità causale, sussiste non solo se lo stesso appaia definitivo, ma anche qualora non vi siano elementi per ritenere che la "deminutio" del diritto sia temporanea.

Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 15223 del 03/07/2014

Accedi

Online ora

587 visitatori e 25 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile