assistenza e beneficenza pubblica - prestazioni assistenziali - Corte di Cassazione Sez. 6 - L, Ordinanza n. 11198 del 21/05/2014

Print Friendly, PDF & Email

Pensione e assegno di invalidità civile ex artt. 12 e 13 legge n. 118 del 1971 - Inabilità perfezionatasi successivamente al sessantacinquesimo anno di età - Diritto al trattamento relativo - Insussistenza - Mantenimento dei medesimi benefici dopo il compimento di tale età - Esclusione - Fondamento. Corte di Cassazione Sez. 6 - L, Ordinanza n. 11198 del 21/05/2014

La pensione e l'assegno di inabilità civile, di cui agli artt. 12 e 13 della legge 30 marzo 1971, n. 118, non possono essere riconosciuti a favore dei soggetti il cui stato di invalidità si sia perfezionato con decorrenza successiva al compimento dei sessantacinque anni (o che, comunque, ne abbiano fatto domanda dopo il raggiungimento di tale età), come si evince dal complessivo sistema normativo, che, per gli ultrasessantacinquenni, prevede l'alternativo beneficio della pensione sociale, anche in sostituzione delle provvidenze per inabilità già in godimento, e come è stato espressamente confermato dall'art. 8 del d.lgs. 23 novembre 1988, n. 509.

Corte di Cassazione Sez. 6 - L, Ordinanza n. 11198 del 21/05/2014

Accedi

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

Menu Offcanvas Mobile