Azienda - cessione - concorrenza (divieto di) - Cass. n. 18692/2015

Print Friendly, PDF & Email

Domanda di accertamento del comportamento anticoncorrenziale - Ulteriore domanda di risoluzione del contratto di cessione d'azienda - Incompatibilità - Esclusione - Ragioni. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 18692 del 22/09/2015

La domanda di accertamento della violazione del divieto di concorrenza derivante dal contratto di cessione di azienda (o del ramo d'azienda) è volta a far valere l'inadempimento del contratto e non è incompatibile con la domanda di risoluzione contrattuale fondata sul medesimo presupposto, non essendovi neppure contrasto tra gli obiettivi delle due domande, consistenti, da un lato, nella richiesta di risarcimento dei danni cagionati dalla violazione, e, dall'altro, nella richiesta di restituzione delle rate di prezzo pagate e nella dichiarazione di cessazione dell'obbligo di corrispondere quelle non ancora scadute.

Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 18692 del 22/09/2015

corte

cassazione

18692

2015

 

Accedi

Online ora

582 visitatori e 7 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile