foroeuropeo.it

Mancata applicazione del ragionamento presuntivo – Cass. n. 34248/2021

Print Friendly, PDF & Email

Prova civile - prove indiziarie - presunzioni (nozione) - semplici - sindacato del giudice di merito - Censurabilità in sede di legittimità - Mancata applicazione del ragionamento presuntivo - Vizio di omesso esame di un fatto secondario - Sindacabilità - Fattispecie.

 

In tema di presunzioni, viola l'art. 2729 c.c. il giudice tributario che pretenda di desumere in via inferenziale dai fatti noti (nella specie, la concessione in locazione dell'immobile di proprietà della contribuente da parte del marito ad un terzo, ed il pagamento dei canoni dal terzo al marito della contribuente) un fatto ignoto (nella specie, la percezione dei canoni e, quindi, un reddito non dichiarato, da parte della contribuente, separata dal marito) in totale assenza di coerenza, concordanza e connessione tra le premesse e la conclusione del ragionamento presuntivo.

Corte di Cassazione, Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 34248 del 15/11/2021 (Rv. 663153 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_2727, Cod_Civ_art_2729, Cod_Proc_Civ_art_360

 

Corte

Cassazione

34248

2021

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile