Copie rilasciate dai notai - Deposito - Obbligatorietà - Esclusione - Presupposti.

Il principio di cui all'art_ 2715 c.c., secondo il quale le copie delle scritture private hanno la stessa efficacia probatoria dell'originale, a condizione che siano spedite da un pubblico ufficiale e che l'originale sia depositato presso di lui, non esclude che la suddetta efficacia probatoria possa essere determinata in modo diverso - e, specificamente, prescindendo dal requisito del deposito - da leggi speciali. Ciò si verifica in materia di copie rilasciate dai notai, poiché l'art_ 1 del r.d.l. n. 1666 del 1937 (convertito dalla l. n 2358 del 1937) concede al notaio la facolta di rilasciare copie ed estratti di documenti a lui esibiti (salvo il potere dell'autorità presso la quale se ne fa uso di chiedere l'esibizione degli originali) e non necessariamente depositati.

Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 3694 del 13/02/2020 (Rv. 656900 - 02)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_2715, Cod_Civ_art_2717

PROVA CIVILE

PROVA DOCUMENTALE

COPIE DEGLI ATTI

 

♦ MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA: