Procedimenti speciali - procedimenti in materia di lavoro e di previdenza - Decreto di omologa ex art. 445-bis c.p.c. - Revoca - Ammissibilità - Esclusione - Ragioni - Conseguenze.

 

Il regime espresso di non impugnabilità del decreto di omologa emesso ai sensi dell'art. 445-bis c.p.c. ne impedisce la revoca e ciò sia in applicazione del principio processuale generale di cui all'art. 177, comma 3, c.p.c., che in ragione del suo carattere meramente certificativo dell'accordo delle parti sulle conclusioni formulate dal c.t.u.; deve, pertanto, ritenersi affetto da nullità il provvedimento di revoca del suddetto decreto, con conseguente estensione del vizio al procedimento intrapreso ai sensi dell'art. 445 bis, comma 6, c.p.c. ed alla sentenza emessa a conclusione del medesimo.

Corte di Cassazione, Sez. L - , Sentenza n. 4731 del 14/02/2022 (Rv. 663887 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Proc_Civ_art_445, Cod_Proc_Civ_art_177

 

Corte

Cassazione

4731

2022

♦ MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA: