procedimenti sommari - d'ingiunzione - condizioni di ammissibilità - in genere (liquidità del credito) - Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 16767 del 23/07/2014

Print Friendly, PDF & Email

Decreto ingiuntivo - Opposizione - Carenza dei requisiti per la legittima emissione del provvedimento monitorio - Rilevanza solo sul regolamento delle spese processuali - Conseguenze in tema di impugnazione. Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 16767 del 23/07/2014

L'opposizione a decreto ingiuntivo dà luogo ad un ordinario giudizio di cognizione, teso ad accertare il fondamento della pretesa fatta valere e non se l'ingiunzione sia stata legittimamente emessa in relazione alle condizioni previste dalla legge. Pertanto l'eventuale carenza dei requisiti probatori per la concessione del provvedimento monitorio può rilevare solo ai fini del regolamento delle spese processuali e la sentenza non può essere impugnata solo per accertare la sussistenza o meno delle originarie condizioni di emissione del decreto, se non sia accompagnata da una censura in tema di spese processuali.

Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 16767 del 23/07/2014

 

Accedi

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

Menu Offcanvas Mobile