Opere pubbliche (appalto di) - estinzione del contratto - risoluzione - in genere - Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 12321 del 15/06/2015

Print Friendly, PDF & Email

Inadempimento del committente consistente nella mancata verifica del progetto - Risoluzione del contratto - Condizioni. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 12321 del 15/06/2015

In tema di appalto di opera pubblica, l'inadempimento del committente alla prescrizione di cui all'art. 5 del r.d. 25 maggio 1895, n. 350, nel testo applicabile "ratione temporis", che impone alla stazione appaltante una verifica del progetto, in relazione al terreno e ad altre invarianti, giustifica, nel concorso delle condizioni di cui all'art. 1455 cod. civ., la risoluzione del contratto solo se ritenuto prevalente su altre e contrapposte inadempienze e sempreché renda praticamente impossibile l'esecuzione dell'opera da parte dell'appaltatore, dovendosi, invece, escludere che una tale violazione possa essere considerata, in sé e per sé, come causa di sospensione od improseguibilità dell'opera, che potrà verificarsi solo se il giudice del merito accerti o escluda la ricorrenza delle condizioni tecniche per l'eseguibilità del progetto sull'area prescelta.

Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 12321 del 15/06/2015

 

Accedi

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

Menu Offcanvas Mobile