foroeuropeo.it

mediazione alpa alfano

Print Friendly, PDF & Email

Mediazione, il presidente Alpa al ministro Alfano: “Ragioni oggettive ostano all’entrata in vigore a marzo”. 13/01/2011 - Oggi il ministro della giustizia ha ricevuto in un incontro informale il presidente del Cnf e una delegazione dei presidenti degli Ordini maggiori e delle Unioni regionali

Mediazione, il presidente Alpa al ministro Alfano: “Ragioni oggettive ostano all’entrata in vigore a marzo”. 13/01/2011 - Oggi il ministro della giustizia ha ricevuto in un incontro informale il presidente del Cnf e una delegazione dei presidenti degli Ordini maggiori e delle Unioni regionali


Roma. Il ministro della giustizia Angelino Alfano ha ricevuto oggi in un incontro informale il presidente e alcuni consiglieri del Consiglio nazionale forense, i presidenti degli Ordini forensi maggiori e delle Unioni regionali, che aveva convocato in via d’urgenza in relazione alle preoccupazioni relative alla imminente entrata in vigore del decreto delegato sulla mediazione (dlgs n. 28/2010).


In particolare, i rappresentanti dell’avvocatura hanno manifestato il timore riguardo il prorompente l’impatto che il nuovo istituto potrebbe provocare nelle sedi maggiori. Il presidente del Cnf Guido Alpa ha illustrato le problematiche attuali ostative all’entrata in vigore del nuovo sistema, derivanti da situazione oggettive quali: la indisponibilità delle aule presso i tribunali, dove dovrebbero collocarsi gli organismi di conciliazione organizzati dagli Ordini forensi secondo le prescrizioni della legge; la carenza di personale e risorse; l’esiguo numero a tutt’oggi di conciliatori; la difficoltà già riscontrata dagli organismi di conciliazione a dotarsi di copertura assicurativa tanto che qualche grande ordini ha dovuto contattare i lloyds di Londra; la ristrettezza dei tempi per organizzare un servizio efficace e utile a tenere testa alla mole di procedimenti attesa.


“Ringraziamo il ministro per l’attenzione con cui ha ascoltato queste problematiche. Alfano ci ha detto che prenderà in esame queste cause oggettive e nei prossimi giorni ci farà conoscere le sue determinazioni”, ha riferito Alpa al termine dell’incontro aggiungendo che il ministro si è reso disponibile a confrontarsi anche sui progetti in fase di elaborazione sullo smaltimento dell’arretrato.

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

amministrativo

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile