Revocazione - Errore di fatto - Nozione - Fattispecie.

L'errore di fatto previsto dall'art. 395, n. 4, c.p.c., idoneo a costituire motivo di revocazione, consiste in una falsa percezione della realtà o in una svista materiale che abbia portato ad affermare o supporre l'esistenza di un fatto decisivo incontestabilmente escluso oppure l'inesistenza di un fatto positivamente accertato dagli atti o documenti di causa, purché non cada su un punto controverso e non attenga a un'errata valutazione delle risultanze processuali. (Nella specie, la S.C. ha escluso che costituisca vizio revocatorio l'errata lettura del contenuto di fonti convenzionali regolatrici del rapporto tributario, con le quali siano riconosciuti al contribuente benefici ed esenzioni, in quanto oggetto di controversia e implicanti la valutazione del giudice).

Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Sentenza n. 26890 del 22/10/2019 (Rv. 655451 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Proc_Civ_art_395

♦ MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA: