Giurisdizione civile - giurisdizione ordinaria e amministrativa - Contratto di "collar swap" concluso dalla P.A. - Dichiarazione di nullità in sede di autotutela - Controversia in ordine all'efficacia del contratto ed alla legittimità della declaratoria di nullità - Giurisdizione ordinaria - Sussistenza - Fondamento.

 

Appartiene alla giurisdizione ordinaria la controversia relativa alla efficacia e vincolatività di un contratto di "collar swap" concluso dalla P.A. con una banca, a causa della illegittimità della delibera con cui la stessa P.A. ne abbia successivamente dichiarato d’ufficio la nullità in sede di autotutela, in quanto, vertendo la controversia sulla posizione di diritto soggettivo acquisita dall'altro contraente, tale declaratoria non rappresenta l'esercizio di poteri autoritativi sicché resta affidata al giudice ordinario la possibilità di conoscere ed interpretare incidentalmente l’atto amministrativo, ai sensi dell'art. 5 della l. n. 2248 del 1865, nonché di disapplicarlo ove non sia conforme a legge.

Corte di Cassazione, Sez. U - , Ordinanza n. 17245 del 27/05/2022 (Rv. 664911 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Proc_Civ_art_041, Cod_Proc_Civ_art_382

 

Corte

Cassazione

17245

2022

♦ MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA: