Skip to main content

Giurisdizione civile - giurisdizione ordinaria e amministrativa - impiego pubblico - Lavoro contrattualizzato - Conferimento di incarico dirigenziale - Impugnazione degli atti della procedura di selezione - Giurisdizione del G.O. - Sussistenza - Contestuale impugnazione dell’atto di macro-organizzazione presupposto - Principio della concentrazione delle tutele - Applicabilità - Esclusione - Giurisdizione dell'A.G.A. sulla sola controversia relativa - Sussistenza - Fondamento - Fattispecie.

In tema di riparto di giurisdizione nelle controversie relative ai rapporti di lavoro pubblico privatizzato, va devoluta alla cognizione del giudice ordinario, in funzione di giudice del lavoro, la cognizione sull'impugnazione di una procedura d'interpello per il conferimento nazionale di incarichi dirigenziali che, sebbene aperta a soggetti esterni e caratterizzata da una pluralità articolata di fasi, abbia natura sostanzialmente non concorsuale; il principio di concentrazione delle tutele non consente, tuttavia, di sottrarre alla giurisdizione generale di legittimità del giudice amministrativo l'impugnazione dell'atto di macro organizzazione, presupposto della procedura selettiva, con cui, contestando una scelta organizzativa conseguente all'esercizio del potere autoritativo da parte dell'amministrazione, si lamenti la lesione di una posizione di interesse legittimo. (Nella specie, la S.C. ha dichiarato la giurisdizione del g.a. in ordine all'impugnazione del d.m. istitutivo del Parco archeologico del Colosseo, e quella del g.o. sulla parte di domanda relativa agli atti della procedura selettiva di nomina del direttore del Parco suddetto).

Corte di Cassazione, Sez. U, Ordinanza n. 6040 del 28/02/2019