foroeuropeo.it

Corte dei conti - attribuzioni - giurisdizionali - contenzioso contabile -giudizi di responsabilita' – Cass. n. 415/2020

Print Friendly, PDF & Email

Dipendente della P.A. - Corrispettivi percepiti nello svolgimento di incarico non autorizzato in epoca precedente all'introduzione del comma 7 bis nell'art. 53 del d.lgs. n. 165 del 2001 - Azione promossa dal procuratore della Corte dei conti ex art. 53, comma 7, del medesimo decreto legislativo - Giurisdizione della Corte dei conti -Sussistenza - Fondamento - Successiva azione della P.A. diretta a far valere l'inadempimento degli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro - Preclusione - Fondamento.

CORTE DEI CONTI

ATTRIBUZIONI GIURISDIZIONALI

CONTENZIOSO CONTABILE

L'azione ex art. 53, comma 7, del d.lgs. n. 165 del 2001, esercitata dal Procuratore della Corte dei conti nei confronti di dipendente della P.A. che abbia omesso di versare alla propria Amministrazione i corrispettivi percepiti nello svolgimento di un incarico non autorizzato, rimane attratta alla giurisdizione del giudice contabile, anche se la percezione dei compensi si è avuta in epoca precedente all'introduzione del comma 7 bis del medesimo art. 53, giacché tale norma non ha portata innovativa, vertendosi in ipotesi di responsabilità erariale, che il legislatore ha tipizzato non solo nella condotta, ma annettendo, altresì, valenza sanzionatoria alla predeterminazione legale del danno, al fine di tutelare la compatibilità dell'incarico extraistituzionale in termini di conflitto di interesse e il proficuo svolgimento di quello principale in termini di adeguata destinazione di energie lavorative verso il rapporto pubblico; una volta che il procuratore contabile abbia promosso l'azione di responsabilità in relazione alla tipizzata fattispecie legale, è precluso alla P.A. l'esercizio di quella volta a far valere l'inadempimento degli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro, dovendosi escludere - stante il divieto del "bis in idem" - una duplicità di azioni attivate contestualmente che, seppure con la specificità propria di ciascuna di esse, siano volte a conseguire, dinanzi al giudice munito di giurisdizione, lo stesso identico "petitum" in danno del medesimo soggetto obbligato in base ad un'unica fonte legale.

Corte di Cassazione, Sez. U, Ordinanza n. 415 del 14/01/2020 (Rv. 656660 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Proc_Civ_art_041

corte

cassazione

415

2020

Accedi

Cerca in Foroeuropeo

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile