foroeuropeo.it

comunità europea - direttive - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 22280 del 21/10/2014

Print Friendly, PDF & Email

Art. 5, primo e quinto comma, della direttiva CEE 89/331 sulla sicurezza sui luoghi di lavoro - Mancato adeguamento dello Stato Italiano - Responsabilità risarcitoria - Configurabilità - Esclusione - Fondamento. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 22280 del 21/10/2014


In tema di risarcimento dei danni per omesso esercizio da parte dello Stato della funzione legislativa di adeguamento della normativa vigente in Italia a quella di diritto comunitario, l'art. 5, primo e quinto comma, della direttiva 89/391/CEE del 12 giugno 1989 concernente l'attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro, detta norme di carattere generale non sufficientemente specifiche, sicché non può ravvisarsi una inadempienza dello Stato italiano per la mancata loro trasposizione nel diritto nazionale.
Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 22280 del 21/10/2014

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile