Indennità di trasferta - giudizio di Cassazione

Print Friendly, PDF & Email

01/04/1995 Indennità di trasferta - giudizio di Cassazione Nel giudizio di Cassazione, in sede di condanna della parte soccombente al rimborso delle spese a favore dell'altra parte, non possono essere ricomprese le spese inerenti alla trasferta del difensore dal suo luogo di residenza a Roma, considerato che, essendo unico, su tutto il territorio nazionale, l'albo speciale degli avvocati che possono assumere il patrocinio davanti alle magistrature superiori, non ricorre l'ipotesi di cui al par. undicesimo della Tariffa civile, Tabella A, e che nella determinazione degli onorari relativi alle cause davanti a dette magistrature si è tenuto conto dei maggiori oneri cui può andare incontro il difensore. Da tale liquidazione vanno esclusi anche i diritti di procuratore, non spettanti per il patrocinio davanti alla Cassazione, mentre va riconosciuto il rimborso forfettario delle spese generali in ragione del dieci per cento sull'importo degli onorari, ai sensi dell'art. 15 della Tariffa professionale. Corte di Cassazione n. 3850 del 1° aprile 1995

Accedi

Online ora

699 visitatori e 40 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile