Valore indeterminato/indeterminabile Corte di Cassazione, Sez. II, n. 1036 del 22 aprile 1966

Print Friendly, PDF & Email

 Il valore della causa o del ricorso o dell'affare è indeterminabile, ai fini dell'applicazione delle tariffe forensi, quando l'oggetto non è suscettibile di valutazione economica precisa, cioè di una delle valutazioni economiche previste, in ordine alle varie materie, dal codice di rito civile. Corte di Cassazione, Sez. II, n. 1036 del 22 aprile 1966

Accedi

Online ora

969 visitatori e 9 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile