L’azione contro il cliente (previa rinuncia al mandato) per il pagamento del compenso professionale - Cassazione Civile, sentenza del 29 gennaio 1993, n. 1152, sez. U

Print Friendly, PDF & Email

L’azione contro il cliente (previa rinuncia al mandato) per il pagamento del compenso professionale - Cassazione Civile, sentenza del 29 gennaio 1993, n. 1152, sez. U

Ai sensi dell’art. 38 del R.D.L. 27 novembre 1933 n. 1578, l’esercizio dell’azione giudiziale, da parte dell’avvocato o procuratore, per il soddisfacimento dei crediti per prestazioni professionali, deve essere contenuto in limiti tali da non comportare per il debitore aggravi sproporzionati, né deve essere compiuto con modalità vessatorie o persecutorie, costituendo, in difetto, comportamento passibile di sanzione disciplinare, come nel caso in cui l’azione medesima venga intrapresa senza preventiva rinuncia al mandato alle liti.

Cassazione Civile, sentenza del 29 gennaio 1993, n. 1152, sez. U

Accedi

Online ora

890 visitatori e 2 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile