Espropriazione per pubblico interesse (o utilità) - occupazione temporanea e d'urgenza - indennità – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 11322 del 27/05/2005

Print Friendly, PDF & Email

Relativa domanda - Proposizione in primo grado al Tribunale unitamente a domanda di risarcimento per occupazione appropriativa - Statuizione del giudice di primo grado su entrambe le domande - Dichiarazione di incompetenza sulla domanda di indennità di occupazione legittima - Riproposizione in appello di autonoma domanda - Ammissibilità - Appello incidentale - Necessità - Esclusione.

Proposte contestualmente, davanti al tribunale, domande di risarcimento del danno da occupazione appropriativa e di determinazione dell'indennità d'occupazione legittima, e dichiarata la seconda inammissibile, per configurarsi riguardo ad essa la competenza della corte d'appello (in unico grado), ben può, davanti a quest'ultima, resistendo all'appello da altri proposto avverso la statuizione concernente il risarcimento, contestualmente riproporsi domanda per la determinazione dell'indennità, per la quale, non essendo richiesta la forma dell'appello incidentale, è sufficiente il generico richiamo alle conclusioni in primo grado.

Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 11322 del 27/05/2005

 

Accedi

Online ora

500 visitatori e 7 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile