Poste e radiotelecomunicazioni pubbliche - servizi di telecomunicazione - impianti e concessioni - emittenti private – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 20891 del 31/07/2008

Print Friendly, PDF & Email

Emittente privata che trasmette programmi esteri - Pagamento del canone nella stessa misura dell'emittente nazionale - Violazione del principio di uguaglianza - Questione di legittimità costituzionale - Infondatezza.

L'art. 38 della legge n. 223 del 1990 - nella parte in cui equipara, attraverso il richiamo all'art. 38 della legge n. 103 del 1975, l'emittente estera all'emittente nazionale, anche in ordine al pagamento del canone per l'irradiazione di trasmissioni - non è in contrasto con l'art. 3 Cost., perché non è irrazionale che l'emittente che si limiti a ripetere programmi realizzati da altri, pur non potendo fare affidamento sugli introiti pubblicitari, sia assoggettata al medesimo canone di chi realizza in modo autonomo i programmi trasmessi, coprendo i propri costi con gli introiti della pubblicità.

Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 20891 del 31/07/2008

Accedi

Online ora

457 visitatori e 10 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile