Avvocatura dello stato - rappresentanza e difesa in giudizio dello stato e delle regioni - Cass. n. 31241/2019

Print Friendly, PDF & Email

Rappresentanza e difesa in giudizio - Agenzia delle Entrate e Riscossione - Ricorso a propri dipendenti delegati - Possibilità di avvalersi dell'Avvocatura dello Stato - Contenuto della Convenzione - Rilevanza - Eccezioni - Ricorso ad avvocati del libero foro - Possibilità - Condizioni - Necessità di previa delibera - Esclusione - Criteri di scelta.

Per la difesa e la rappresentanza in giudizio, l'Agenzia delle Entrate e della Riscossione, impregiudicata la generale facoltà di farsi rappresentare anche da propri dipendenti delegati davanti al tribunale ed al giudice di pace, si avvale dell'Avvocatura dello Stato nei casi previsti dalla convenzione intervenuta con la stessa come ad essa riservati, potendo evitarla soltanto nelle ipotesi di conflitto oppure alle condizioni di cui art. 43, comma 4, r.d. n. 1611 del 1933 (cioè con apposita, motivata delibera da sottoporre agli organi di vigilanza) oppure in caso di indisponibilità dell'Avvocatura erariale; quando, invece, la convenzione non riservi all'Avvocatura erariale la difesa e la rappresentanza in giudizio, non è richiesta l'adozione di apposita delibera

Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Sentenza n. 31241 del 29/11/2019 (Rv. 655943 - 01)

corte

cassazione

31241

2019

Accedi

Online ora

456 visitatori e 31 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile