Acque - acque pubbliche - derivazioni e utilizzazioni (utenze) - canoni - sovracanoni - Corte di Cassazione, Sez. U - , Sentenza n. 17185 del 28/06/2018

Print Friendly, PDF & Email

Sovracanoni da impianti di pompaggio – Enti locali beneficiari ex art. 28, comma 9, lett. b), l. n. 388 del 2000 - Comuni aventi la qualifica di rivieraschi - Spettanza - Comuni in cui sono ubicati gli impianti - Esclusione - Fondamento.

In tema di concessioni di derivazione di acque pubbliche, i sovracanoni provenienti dagli impianti di produzione per pompaggio competono, ex art. 28, comma 9, lett. b), della l. n. 388 del 2000, ai soli Comuni che abbiano la qualifica di "rivieraschi" e non anche a quelli privi di tale qualifica, nonostante l'ubicazione in essi degli impianti medesimi giacché, accedendo il sovracanone in questione a quelli di cui all'art. 53 del r.d. n. 1775 del 1933, non è illogico che il legislatore abbia considerato non tanto il sito degli impianti, quanto la finalità di distribuire la ricchezza da questi prodotta sui Comuni, essenzialmente quelli rivieraschi, che subiscono un pregiudizio per il depauperamento del corso d'acqua.

Corte di Cassazione, Sez. U - , Sentenza n. 17185 del 28/06/2018

Accedi

Online ora

572 visitatori e 2 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile