0002. Maggiore età. Capacità di agire.

Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Codice Civile Libro Primo: delle persone e della famiglia titolo I: delle persone fisiche Art. 2. Maggiore età. Capacità di agire.

articolo vigente

Articolo vigente

Art. 2. Maggiore età. Capacità di agire.

1.La maggiore età è fissata al compimento del diciottesimo anno. Con la maggiore età si acquista la capacità di compiere tutti gli atti per i quali non sia stabilita una età diversa.

2.Sono salve le leggi speciali che stabiliscono un'età inferiore in materia di capacità a prestare il proprio lavoro. In tal caso il minore è abilitato all'esercizio dei diritti e delle azioni che dipendono dal contratto di lavoro.

modifiche - note

COMMENTI

articolo previgente

PRECEDENTE FORMULAZIONE

la giurisprudenza 

___________________________________________________________

Documenti collegati:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo i primo cento documenti di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI  per continuare la visualizzazione di altri documenti).

La visualizzazione dei documenti può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile anche attivare la ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca" il sistema visualizzerà solo i documenti con la parola chiave inserita.

Procedimento civile - capacita' processuale – Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 2460 del 04/02/2020 (Rv. 656726 - 01)Procedimento civile - capacita' processuale – Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 2460 del 04/02/2020 (Rv. 656726 - 01)
Minore - Rappresentanza processuale del genitore - Difetto di autorizzazione - Eccezione della controparte - Infondatezza - Sanatoria ex tunc del vizio di rappresentanza processuale - Presupposti - Produzione, anche tardiva, dell'autorizzazione - Costituzione nel giudizio del figlio divenuto maggiorenne - Fondamento. Nel caso in cui il genitore agisca in giudizio in rappresentanza del figlio minore in difetto di autorizzazione ex art_ 320 c.c., l'eccezione di carenza di legittimazione processuale sollevata dalla controparte è infondata se l'autorizzazione viene prodotta, sia pure...
Procedimento civile - legittimazione - ad processum – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 8821 del 30/04/2015Procedimento civile - legittimazione - ad processum – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 8821 del 30/04/2015
Difetto di legittimazione - Costituzione del legittimato per ratifica in sede di gravame - Rilevanza - Limiti. Il principio per cui il difetto di legittimazione processuale è sanato "ex tunc" dalla costituzione nel successivo grado di giudizio del soggetto legittimato (nella specie, per raggiunta maggior età), il quale manifesti la volontà di ratificare la precedente condotta difensiva, non si applica ove sia intervenuta una pronuncia d'inammissibilità dell'impugnazione, atteso che la semplice volontà di ratifica non è sufficiente a rimuovere gli effetti di tale pronuncia, che, invece, deve...
Fonti del diritto - trattamento dello straniero - Straniero regolarmente soggiornante nel territorio dello Stato - Acquisto di immobile da adibire ad abitazione o sede dell'attività lavorativa - Deroga al principio di reciprocità ex art. 16 delle preleggiFonti del diritto - trattamento dello straniero - Straniero regolarmente soggiornante nel territorio dello Stato - Acquisto di immobile da adibire ad abitazione o sede dell'attività lavorativa - Deroga al principio di reciprocità ex art. 16 delle preleggi
Costituzione della repubblica - straniero (condizione dello) - Straniero regolarmente soggiornante nel territorio dello Stato - Acquisto di immobile da adibire ad abitazione o sede dell'attività lavorativa - Deroga al principio di reciprocità ex art. 16 delle preleggi - Sussistenza - Fondamento. Anche per le relazioni negoziali sottratte, "ratione temporis", all'applicazione del d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 (il cui art. 2, comma 2, prevede che "lo straniero regolarmente soggiornante nel territorio dello Stato gode dei diritti in materia civile attribuiti al cittadino italiano"), lo...
Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali - processo equo - termine ragionevole - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4472 del 21/02/2013Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali - processo equo - termine ragionevole - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4472 del 21/02/2013
Processo civile con parte minorenne rappresentata dai genitori - Determinazione della irragionevole durata - Periodo decorso fino al raggiungimento della maggiore età e periodo ulteriore della medesima fase processuale in cui i genitori siano rimasti in rappresentanza ultrattiva - Computo - Necessità. In tema di equa riparazione, ai sensi dell'art. 2 della legge n. 89 del 2001, ai fini della determinazione della irragionevole durata di un processo civile, cui abbiano partecipato "ab origine" i genitori di un minore (quali suoi rappresentanti legali), occorre tener conto del periodo decorso...
Procedimento civile - capacità processuale - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 19308 del 08/11/2012Procedimento civile - capacità processuale - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 19308 del 08/11/2012
Minore - Rappresentanza processuale del genitore - Raggiungimento della maggiore età nel corso del giudizio di primo grado - Inammissibilità, per difetto di legittimazione del genitore, del gravame proposto da quest'ultimo in nome e per conto del primo - Successivo ricorso per cassazione proposto dal figlio divenuto maggiorenne - Ammissibilità - Sanatoria ex tunc del precedente vizio di rappresentanza processuale - Fondamento. Il difetto di legittimazione processuale del genitore, che agisca in giudizio in rappresentanza del figlio non più soggetto a potestà per essere divenuto maggiorenne...
Procedimento civile - capacità processuale - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 19881 del 29/09/2011Procedimento civile - capacità processuale - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 19881 del 29/09/2011
Minore - Rappresentanza processuale del genitore - Raggiungimento della maggiore età dopo la notificazione dell'atto introduttivo - Difetto di legittimazione del genitore - Successiva costituzione del figlio - Sanatoria "ex tunc" - Ammissibilità - Fondamento - Portata. Il difetto di legittimazione processuale del genitore che agisca in giudizio in rappresentanza del figlio, non più soggetto a potestà per essere divenuto maggiorenne, può essere sanato in qualunque stato e grado del giudizio, con efficacia retroattiva e con riferimento a tutti gli atti processuali già compiuti, per effetto...
Civile - capacità processuale - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 19881 del 29/09/2011Civile - capacità processuale - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 19881 del 29/09/2011
Minore - Rappresentanza processuale del genitore - Raggiungimento della maggiore età dopo la notificazione dell'atto introduttivo - Difetto di legittimazione del genitore - Successiva costituzione del figlio - Sanatoria "ex tunc" - Ammissibilità - Fondamento - Portata. Il difetto di legittimazione processuale del genitore che agisca in giudizio in rappresentanza del figlio, non più soggetto a potestà per essere divenuto maggiorenne, può essere sanato in qualunque stato e grado del giudizio, con efficacia retroattiva e con riferimento a tutti gli atti processuali già compiuti, per effetto...
Sanzioni amministrative - principi comuni - capacità – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 20158 del 18/09/2006Sanzioni amministrative - principi comuni - capacità – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 20158 del 18/09/2006
Violazione del codice della strada commessa da soggetto minorenne - Previsione nel verbale dell'obbligo di presentarsi presso il comando di polizia - Notifica del verbale dopo il compimento del diciottesimo anni d'età - Soggetto gravato dell'obbligo di presentazione - Genitore - Esclusione - Fondamento - Fattispecie in tema di patente di guida. In caso di violazione del codice della strada commessa dal minore di anni diciotto, qualora nel verbale sia riportato, insieme alla violazione (guida senza il prescritto "patentino") l'obbligo di recarsi presso il più vicino comando di polizia...
Mandato - estinzione - in genere - capacità della persona fisica - rappresentanza e assistenza dell'incapace legale - in genere - prescrizione civile - interruzione - atti interruttivi - in genere – Cass. n. 12312/2005Mandato - estinzione - in genere - capacità della persona fisica - rappresentanza e assistenza dell'incapace legale - in genere - prescrizione civile - interruzione - atti interruttivi - in genere – Cass. n. 12312/2005
Incarico conferito ad un legale dai genitori di un minore per la cura degli interessi di questi in relazione ad un infortunio stradale - Natura - Mandato di carattere sostanziale - Configurabilità - Raggiungimento della maggiore età da parte del minore - Estinzione del mandato - Esclusione - Diritto al risarcimento del danno conseguente all'infortunio - Atto interruttivo della prescrizione compiuto per il maggiorenne dal legale sulla base del mandato conferitogli durante la minore età del danneggiato - Efficacia. L'incarico conferito ad un legale dai genitori di un minore per la cura degli...
Contratti agrari - accordi tra le parti - Rinunce e transazioni dell'affittuario senza l'assistenza delle associazioni sindacali – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 1793 del 03/03/1999Contratti agrari - accordi tra le parti - Rinunce e transazioni dell'affittuario senza l'assistenza delle associazioni sindacali – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 1793 del 03/03/1999
Invalidità - Legge 11/2/1971 n. 11, art. 23 - Carattere eccezionale della norma - Contratti aventi ad oggetto la concessione di un fondo per l'esercizio dell'attività di agriturismo - Applicabilità - Esclusione. La disposizione dell'art. 23 della legge 11 febbraio 1971, n. 11 che sancisce l'invalidità delle rinunce e transazioni stipulate dall'affittuario di fondi rustici senza l'assistenza delle associazioni sindacali, integra una deroga ai principi generali che si ricavano dagli artt. 2, 1322, 2083, 2086 cod. civ. e di conseguenza non può applicarsi, ai sensi dell'art. 14 delle preleggi,...
Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - notificazione - dell'atto di impugnazione - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 12610 del 16/12/1998Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - notificazione - dell'atto di impugnazione - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 3, Sentenza n. 12610 del 16/12/1998
Minore divenuto maggiorenne in corso di causa - Notifica dell'atto di impugnazione al rappresentante legale - Conoscenza o colpevole ignoranza dell'intervenuta maggiore età da parte del notificante - Invalidità della notifica - Sussistenza. L'impugnazione notificata al rappresentante legale anziché al minore divenuto maggiorenne in corso di causa è invalida quando dagli atti processuali risulti che il notificante abbia conosciuto, ovvero abbia colpevolmente ignorato l'intervenuta maggiore età e perciò la cessazione della rappresentanza legale. (Nella specie, l'età del minore risultava da...
Vendita - promessa di vendita - Stipulazione di un contratto preliminare da parte di un soggetto capace – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4357 del 29/04/1998Vendita - promessa di vendita - Stipulazione di un contratto preliminare da parte di un soggetto capace – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4357 del 29/04/1998
Sopravvenienza dello stato di incapacità - Conseguente impossibilità dell'adempimento - Esclusione - Stipulazione del contratto definitivo da parte del legale rappresentante - Necessità. Qualora il contratto preliminare di vendita sia stato stipulato da un soggetto capace, il sopravvenire dello stato di incapacità (nella specie interdizione a seguito di condanna penale) non configura una situazione di impossibilità di adempiere, comportando soltanto la necessità che il contratto definitivo venga stipulato dal legale rappresentante. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 4357 del 29/04/...
Lavoro - Lavoro subordinato - Lavoro dei minori di età – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 8704 del 09/08/1991Lavoro - Lavoro subordinato - Lavoro dei minori di età – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 8704 del 09/08/1991
Minore età nel regime anteriore alla legge n. 39 del 1975 - Individuazione - Acquisto della capacità d'origine in materia di lavoro - Irrilevanza. I "minori" in favore dei quali l'art. 37, terzo comma, della costituzione sancisce il diritto alla parità di trattamento retributivo a parità di lavoro rispetto agli altri lavoratori, con la conseguenza della nullità del patto della contrattazione collettiva di categoria che neghi rilevanza al servizio dai medesimi prestato per gli scatti di anzianità, sono coloro che non hanno raggiunto l'età fissata per l'acquisto della piena capacità di agire...
Lavoro - Lavoro subordinato - Lavoro dei minori di età – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 71 del 08/01/1991Lavoro - Lavoro subordinato - Lavoro dei minori di età – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 71 del 08/01/1991
Retribuzioni - Determinazioni - Scatti d'anzianità - Maturazione dal compimento del ventesimo anno di età - Clausola contrattuale relativa - Nullità. Contrasta con il principio costituzionale, posto dall'art. 37, terzo comma, Cost., che garantisce ai lavoratori minorenni a parità di lavoro il diritto alla parità di retribuzione e, comunque, con il principio di non discriminazione, desumibile dall'art. 3 Cost., nonché dall'art. 15 dello Statuto dei lavoratori e da fonti di diritto internazionale e comunitario, la clausola del contratto collettivo che preveda la maturazione degli aumenti...
Lavoro - lavoro subordinato - lavoro dei minori di età - disciplina ex art. 2 cod. Civ. Prima della modifica ex legge n. 39 del 1975 – portata - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 1478 del 23/03/1989  Lavoro - lavoro subordinato - lavoro dei minori di età - disciplina ex art. 2 cod. Civ. Prima della modifica ex legge n. 39 del 1975 – portata - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 1478 del 23/03/1989
Capacità della persona fisica - capacità di agire - lavoro - maggiore età. I minori in favore dei quali l'art. 37, terzo comma, della Costituzione sancisce il diritto alla parità di trattamento retributivo a parità di lavoro rispetto agli altri lavoratori, con la conseguenza della nullità del patto della contrattazione collettiva di categoria che neghi Rilevanza al servizio dai medesimi prestato per gli scatti di anzianità, sono coloro che non hanno raggiunto l'età fissata per l'acquisto della piena capacità di agire: quindi - nel vigore dell'art. 2 cod. civ. prima della modifica introdotta...
Lavoro - lavoro subordinato - lavoro dei minori di età – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 6845 del 08/08/1987Lavoro - lavoro subordinato - lavoro dei minori di età – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 6845 del 08/08/1987
Minori con diritto alla parità di retribuzione ex art. 37, terzo comma, cost. - individuazione - criteri.* I minori in favore dei quali l'art. 37, terzo comma, della Costituzione sancisce il diritto alla parità di trattamento retributivo a parità di lavoro rispetto agli altri lavoratori, con la conseguenza della nullità del patto della contrattazione collettiva di categoria che neghi Rilevanza al servizio dai medesimi prestato per gli scatti di anzianità, sono coloro che non hanno raggiunto l'età fissata per l'acquisto della piena capacità di agire: quindi - nel vigore dell'art. 2 cod. civ...
Lavoro - lavoro subordinato - lavoro dei minori di età – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 2743 del 18/03/1987  Lavoro - lavoro subordinato - lavoro dei minori di età – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 2743 del 18/03/1987
Disciplina anteriore alla legge n. 39 del 1975 - individuazione dei minori ex art. 37, terzo comma, cost. - criteri.* I minori - in favore dei quali l'art. 37, terzo comma, della Costituzione sancisce il diritto alla parità di trattamento retributivo a parità di lavoro rispetto agli altri lavoratori con la conseguenza della nullità del patto della contrattazione collettiva di categoria che neghi Rilevanza al servizio dai medesimi prestato per gli scatti di anzianità - sono coloro che non hanno raggiunto l'età fissata per l'acquisto della piena capacità di agire; quindi - nel vigore dell'art...

___________________________________________________________


Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Codice civile

c.c.

cc

2

maggiore età

capacità agire