• Avvocati
  • Imposta relativa alla registrazione di una sentenza in tema di successione ereditaria, liquidata dall’Agenzia delle Entrate – - Corte di Cassazione, sez. V, ordinanza n. 10257 del 29 maggio 2020.  

Imposta relativa alla registrazione di una sentenza in tema di successione ereditaria, liquidata dall’Agenzia delle Entrate – - Corte di Cassazione, sez. V, ordinanza n. 10257 del 29 maggio 2020.  

Impugnazione dalla contribuente  dell’avviso di pagamento, non essendo l’imposta dovuta, poiché era stata cancellata la trascrizione della domanda giudiziale con accordo transattivo tra le parti che prestavano acquiescenza agli effetti civili della sentenza (da considerarsi inesistenti per loro volontà) – La Commissione tributaria regionale (C.T.R.), in riforma della sentenza di primo grado, respingeva il ricorso della contribuente - Corte di Cassazione, sez. V, ordinanza n. 10257 del 29 maggio 2020.  

Imposta di registro di provvedimento giudiziale liquidata dall’Agenzia delle Entrate – Rigetto dell’impugnativa dell’avviso di pagamento da parte della contribuente e ricorso per cassazione della stessa – Corte di  Cassazione, sez. V, ordinanza  n. 10257 del 29 maggio 2020 a cura di Riccardo Redivo, già presidente di sezione della Corte d’Appello di Roma.

Fatto. Una contribuente impugnava dinanzi alla Commissione Tributaria di primo grado l’avviso di pagamento dell’imposta di registro, emesso dall’Agenzia delle Entrate, in quanto dovuta su di una sentenza resa in una controversia di successione ereditaria nella quale essa ricorrente era stata parte. Assumeva che l’imposta non era dovuta poiché, a seguito di un accordo transattivo raggiunto, le parti avevano cancellato la trascrizione della domanda giudiziale, escludendo, in particolare, l’efficacia degli effetti civili della sentenza nei loro confronti.

La  domanda veniva accolta dalla Commissione di primo grado, mentre la Commissione Tributaria regionale d’appello rigettava il ricorso dalla stessa proposto.

Avverso quest’ultima decisione la  contribuente ha proposto ricorso per cassazione sulla base dei seguenti motivi: in rito, per la mancata notifica e partecipazione di tutti i soggetti partecipanti al procedimento concluso con la sentenza oggetto di imposizione, obbligati solidali e, come tali, litisconsorti necessari; nel merito, per l’illegittimità dell’avviso, in quanto  fondato sul valore dell’immobile ceduto (mentre la controversia aveva ad oggetto solo la reintegra della quota di legittima e non anche il legato concesso dal “de cuius” alla contribuente) e per il fatto che la sentenza aveva disposto la mera reintegra della quota di legittima e non anche un trasferimento immobiliare, presupposto dell’imposta contestata.

Decisione. La Suprema Corte, ha respinto il ricorso per essere infondati o inammissibili i motivi dedotti.

Il primo motivo è infondato, in quanto, pur essendo solidalmente obbligati tutte le parti del giudizio al pagamento dell’imposta di registro, “sul piano processuale il rapporto di solidarietà passiva si risolve in un litisconsorzio meramente facoltativo, per cui il giudizio è da ritenersi validamente instaurato(per scelta della stessa contribuente) con la citazione  in giudizio del solo ufficio impositore”; il secondo motivo è inammissibile in quanto “trattasi di un motivo nuovo, il cui esame è precluso in sede di legittimità, non essendo stato dedotto dinanzi ai giudici del merito, né rilevabile d’ufficio”; il terzo motivo, infine, è infondato, “poiché l’imposta oggetto dell’avviso di liquidazione impugnato concerne un atto giudiziario e non  un atto di trasferimento immobiliare, per cui ai sensi dell’art. 37 del d.p.r. n. 131/1986, il presupposto del tributo deve individuarsi, come  correttamente avvenuto nella specie, nell’esistenza di un titolo giudiziale soggetto a registrazione”.

  

 

Stampa Email

Avvocati: Osservatorio forense

(DECISIONI, PARERI, CIRCOLARI,. .C.N.F. )

Sanzioni ad avvocati che speculano sul dolore" “Forte condanna per iscritti che violano principi etici dell’avvocatura

Coronavirus, CNF: "Sanzioni ad avvocati che speculano sul dolore" “Forte condanna per iscritti che violano principi etici dell’avvocatura”

Avvocati - delibera C.N.F. riduzione obblighi formativi - Tirocinio forense richiesta deroga al Ministro della Giustizia rilascio certificato di compiuto tirocinio

Avvocati: Obblighi formativi anno 2020 ridotti a cinque  - Praticanti Avvocati : Tirocinio forense, semestre dal 1° gennaio al 30 giugno 2020, richiesta al Ministro della Giustizia, in deroga al disposto dei cui all'articolo 8 comma 4 del DM 17 marzo 2016 n. 70, di consentire il rilascio del certificato di compiuto tirocinio anche qualora il tirocinante non abbia assistito a venti udienze nel semestre dal 1° gennaio al 30 giugno 2020 - Delibera del C.N.F. del 20 Marzo 2020

..... segue tutte le massime del Consiglio Nazionale Forense in archivio Foroeuropeo

..

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati