Arbitrato - arbitrato irrituale (o libero) - Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 25770 del 27/10/2008

Deduzione sulla non deferibilità della controversia ad arbitri per essere riservata al giudice amministrativo - Natura - Questione di merito (al pari dell'arbitrato rituale) - Conseguenze - Nullità della clausola arbitrale per contrasto con norme imperative - Incidenza sull'efficacia del lodo.

Con riferimento all'arbitrato irrituale, al pari di quello rituale, la deduzione della non deferibilità della controversia agli arbitri, per essere la stessa riservata alla cognizione del giudice amministrativo, costituisce questione di merito, risolvendosi nella deduzione della nullità della clausola arbitrale sotto il profilo del contrasto con le norme imperative di legge, con le relative conseguenze sull'efficacia del lodo.

Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 25770 del 27/10/2008

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati