Separazione giudiziale - Addebitabilita' della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religios

Separazione giudiziale - Addebitabilita' della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religiosa

Separazione giudiziale - Addebitabilità della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religiosa (Cassazione – Sezione prima civile – sentenza 2 febbraio-6 agosto 2004, n. 15241)

Svolgimento del processo

Con ricorso depositato il 9 dicembre 1994, Milena Cxxxxxx chiedeva al Tribunale di Padova di pronunciare la separazione personale dal marito, Giuseppe Cwwww, addebitando la separazione stessa a quest’ultimo ed impartendo le conseguenziali statuizioni.

Si costituiva il convenuto, contestando le affermazioni della ricorrente e, segnatamente, l’avversa domanda di addebito.

Il giudice adito, con sentenza del 12-30 novembre 1998, pronunciando la separazione dei coniugi, affidava le due figlie minori alla madre e disponeva che il padre contribuisse al mantenimento di queste ultime versando alla moglie l’assegno mensile di lire 2.000.000, da rivalutarsi secondo gli indici Istat dal 1° marzo 1996.

Avverso la decisione, proponeva appello il Cwwww, chiedendo che il suddetto assegno fosse ridotto a lire 1.500.000, tenuto conto  comparativamente, dei redditi dei coniugi e dell’obbligo anche della madre di contribuire al mantenimento delle figlie in proporzione al proprio, nonché, in subordine, che venisse fissata la decorrenza dell’assegno e la sua rivalutazione dalla data della sentenza.

Resisteva nel grado l’appellata, instando per il rigetto dell’avverso gravame sul rilievo che la disparità tra i rispettivi redditi dei genitori e le crescenti, obiettive necessità delle figlie stesse imponessero l’operata quantificazione del contributo in oggetto, nonché spiegando a sua volta appello incidentale con il quale chiedeva che venisse pronunciata l’addebitabilità della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religiosa.

La Corte di appello di Venezia, con sentenza del 30 luglio-6 settembre 2000, rigettava il gravame incidentale, accoglieva quello principale ed, in parziale riforma della pronuncia impugnata, determinava in lire 1 .500.000 l’assegno dovuto dal Cwwww a titolo di contributo per il mantenimento delle figlie, assumendo:

a) che non sussistessero valide ragioni per addebitare la separazione al Cwwww, il quale, nella scelta di appartenenza ad una confessione religiosa e nella conseguente rinuncia alla convivenza, aveva esercitato un diritto avere posto in essere atti di per sé lesivi dei doveri coniugali e paterni, stanti le negative conclusioni in proposito della svolta consulenza tecnica d’Ufficio;

b) che fosse contraddittoria l’affermazione del Tribunale relativa alla necessità di un adeguamento del contributo in questione, il quale era già stato congruamente determinato, in sede di adozione dei provvedimenti p residenziali temporanei ed urgenti, in lire 1.500.000 mensili, onde tale contributo doveva essere confermato nella misura stabilita in quella sede, là dove cioè le necessità delle figlie erano già state valutate, senza che l’esame comparato dei redditi e della complessiva situazione economica delle parti consentisse di superare la suindicata quantificazione.

Avverso detta sentenza, ricorre per cassazione la Cxxxxxx, deducendo tre motivi di gravarne ai quali resiste il Cwwww con controricorso.

Motivi della decisione

Debbono, innanzi tutto, essere disattese le eccezioni di inammissibilità del ricorso sollevate dal controricorrente in relazione al duplice profilo dell’erroneo richiamo dell’articolo impugnato (l’articolo 156 Cc, cioè, laddove alla Cxxxxxx è stato riconosciuto l’assegno di cui all’articolo 155, secondo comma, Cc) e della censura, ad opera della ricorrente, della mancata considerazione, da parte della Corte territoriale, di elementi di fatto la cui valutazione compete al giudice di merito restando preclusa al giudice di legittimità.

Premesso, infatti, come le riferite eccezioni attengano esclusivamente al primo dei tre motivi posti a base del ricorso, si osserva:

a) per un verso, che l’indicazione, ai sensi dell’articolo 366, n. 4 Cpc, delle norme che si assumono violate non si pone come requisito autonomo ed imprescindibile ai fini dell’ammissibilità del ricorso per cassazione, ma come elemento richiesto allo scopo di chiarire il contenuto delle censure formulate e di identificare i limiti dell’impugnazione, sicché la mancata od erronea indicazione delle disposizioni di legge non comporta l’inammissibilità del gravame là dove, come nella specie, gli argomenti addotti dal ricorrente, valutati nel loro complesso, consentano di individuare le norme o i principi di diritto che si assumono violati e rendano possibile la delimitazione del quid disputandum (Cassazione 11202/03);

b) per altro verso, che le doglianze di cui al motivo sopra indicato, secondo quanto traspare dalla stessa rubrica, ineriscono altresì alla lamentata omissione o insufficienza della motivazione su un punto decisivo prospettato dalla parte, ovvero esattamente a quei profili sotto i quali è pur sempre consentita, ex articolo360, primo comma, n. 5, Cpc, la censura in sede di legittimità degli apprezzamenti di fatto del giudice di merito.

Con il primo motivo di impugnazione, dunque, lamenta la ricorrente violazione e falsa applicazione dell’articolo 156 Cc, nonché omessa o insufficiente motivazione su un punto decisivo prospettato dalla parte, deducendo:

a) che la Corte territoriale, riformando la pronuncia del Tribunale, ha ridotto a lire 1.500.000 l’importo del contributo dovuto dal Cwwww per il mantenimento delle figlie, già fissato in. lire 2.000.000 dal giudice di primo grado;

b) che nessuna esplicitazione è dato trovare nella motivazione della sentenza gravata riguardo all’asserita “contraddittorietà” dell’affermazione della necessità di un adeguamento del contributo in oggetto, come pure riguardo al pensiero dei giudici veneziani in ordine alla “congruità” della misura del contributo medesimo, quale determinata nei provvedimenti provvisori;

c) che, nella specie, neppure può parlarsi di motivazione per relationem, atteso che, nei provvedimenti provvisori anzidetti, sia del presidente sia del giudice istruttore, alcuna motivazione è data in ordine all’adeguatezza del contributo, che viene solo apoditticamente affermata;

d) che il giudice di secondo grado ha del tutto pretermesso l’indicazione degli elementi dai quali ha tratto il proprio convincimento ed il ragionamento logico-giuridico posto a base della decisione, essendosi limitato ad affermare che la determinazione del medesimo contributo, fatta in sede di provvedimenti provvisori, appariva congrua e che le necessità delle figlie erano già state valutate al momento della pronuncia presidenziale.

Il motivo è fondato.

Vale premettere come la Corte territoriale abbia al riguardo affermato:

a) che ha errato il Tribunale nel determinare il contributo paterno a favore delle figlie conviventi con la madre nella somma di lire 2.000.000 mensili;

b) che è contraddittoria l’affermazione della necessità di un adeguamento del contributo stesso, contenuta nella sentenza di primo grado, laddove tale contributo già era stato congruamente determinato, in fase di provvedimenti provvisori, in lire 1.500.000 mensili;

c) che l’esame comparato dei redditi e della complessiva situazione economica delle parti non consente di superare l’anzidetta quantificazione del contributo al mantenimento delle figlie, le cui necessità sono già state valutate al momento della pronuncia presidenziale.

Tanto premesso, si osserva come nessuno degli argomenti addotti dalla Corte territoriale a fondamento della decisione di ridurre da lire 2.000.000 a lire 1.500.000 mensili la misura del contributo in argomentò rechi l’indicazione di ragioni che siano obiettivamente sufficienti ed adeguate, sul piano logico, a suffragare il convincimento espresso sul punto da detto giudice, onde il riconoscimento della sussistenza del vizio di motivazione denunziato dalla ricorrente.

Giova, infatti, considerare al riguardo:

1) che non è affatto contraddittoria l’affermazione, contenuta nella sentenza di primo grado, della necessità di un adeguamento del suindicato contributo rispetto a quello determinato (nella misura di lire 1.500.000 mensili) “in fase di provvedimenti provvisori”, atteso che, anzi, proprio il lasso di tempo intercorso tra l’epoca dei riferiti provvedimenti presidenziali (14 febbraio 1995) e l’epoca della decisione del Tribunale (12-30 novembre 1998), lungi dall’escluderlo, postulava semmai il riesame, sulla base della situazione “attuale”, vuoi delle condizioni economiche delle parti vuoi delle necessità delle figlie;

2) che a nulla rileva, quindi, secondo quanto ritenuto invece dalla Corte territoriale, né il fatto che tali necessità fossero “già state valutate al momento della pronuncia presidenziale”, né la considerazione, in termini assoluti, delle anzidette condizioni, occorrendo, piuttosto, a quest’ultimo riguardo, che il giudice di appello, al fine di dare adeguato fondamento alla decisione, avesse apprezzato le variazioni sopravvenute a far tempo dall’epoca degli indicati provvedimenti provvisori, così da accertare sia eventuali diminuzioni delle capacità economiche del marito sia eventuali incrementi di quelle della moglie.

Con il secondo e con il terzo motivo di impugnazione, del cui esame congiunto si palesa l’opportunità involgendo ambedue l’esame di questioni strettamente connesse,, la ricorrente lamenta rispettivamente:

a) violazione e falsa applicazione degli articoli 19 della Costituzione e 143-147 Cc, nonché omessa, errata e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia, deducendo che la Corte territoriale ha ritenuto l’insussistenza di valide ragioni per porre l’addebito della separazione a carico del Cwwww sul rilievo che questo, nella scelta di appartenenza ad una confessione religiosa e nella conseguente rinuncia alla convivenza, ha, esercitato un diritto costituzionalmente garantito, mentre, invece, il comportamento dello stesso Cwwww costituisce palese violazione dei doveri coniugali imposti dall’articolo 143 Cc;

b) violazione e falsa applicazione dell’articolo 116 Cpc, nonché contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia, deducendo che la Corte territoriale, nel rigettare l’appello incidentale proposto dalla Cxxxxxx, ha affermato che il Cwwww non risulta avere posto in essere atti di per sé lesivi dei doveri coniugali e patemi, stanti le negative conclusioni in proposito della svolta Ctu, laddove, in corso di causa, non è stata espletata alcuna consulenza di ufficio risultando la presenza in atti di una mera perizia di parte prodotta dal medesimo Cwwww, onde l’impugnata sentenza, oltre ad essere fondata sull’erroneo presupposto che sia stata disposta una simile consulenza, non è sufficientemente motivata dal momento che la stessa Corte ha ritenuto insussistenti i motivi di addebito indicati dalla moglie aderendo acriticamente alle conclusioni del consulente di parte e senza specificare le ragioni di tale adesione, laddove nella motivazione della sentenza sopra indicata non è fatto alcun cenno alle risultanze probatorie ed, in particolare, alle testimonianze assunte nel corso del giudizio, dalle quali emerge in tutta evidenza il comportamento contrario ai doveri di coniuge e di padre tenuto dal Cwwww.

I due motivi sono fondati.

Premesso, infatti, come non possano di per sé trovare ingresso le censure da ultimo illustrate difettando queste del necessario requisito dell’autosufficienza e non essendo stati, in particolare, riportati analiticamente nel ricorso gli elementi istruttori sopra accennati, si osserva tuttavia:

a) che la Corte territoriale, sulla base dell’incensurato apprezzamento di fatto secondo cui la “scelta di appartenenza ad una confessione religiosa” ha determinato (“conseguente”) “rinuncia alla convivenza” (onde, comunque, risulta intervenuta una simile “rinuncia”), è incorsa in violazione di legge là dove ha ritenuto di poter argomentare da ciò che «non sussistono ... valide ragioni per porre l’addebito della separazione a carico del Cwwww», avendo quest’ultimo, in tal modo, “esercitato un diritto costituzionalmente garantito”, dal momento che il comportamento di un coniuge, consistente nel mutamento di fede religiosa e nella partecipazione alle pratiche collettive del nuovo culto, si connette all’esercizio dei diritti garantiti dall’articolo 19 della Costituzione e, nonostante la sua inevitabile incidenza sull’armonia della coppia, non può essere considerato come ragione di addebito della separazione “se ed in quanto” non superi i limiti di compatibilità con i concorrenti doveri di coniuge e di genitore fissati dagli articoli 143 e 147 Cc e non determini,quindi, con la violazione di tali doveri (come appunto quello della coabitazione di cui al secondo comma del richiamato articolo 143), una situazione di improseguibilità della convivenza o di grave pregiudizio per la prole (Cassazione 4498/85; 5397/89);

b) che la medesima Corte è altresì incorsa nel denunziato vizio di motivazione, là dove ha preteso di ricavare la conclusione circa il fatto che il Cwwww «non risulta avere posto in essere atti di per sé lesivi dei doveri coniugali e paterni» argomentando dalle “negative conclusioni in proposito della svolta Ctu” ovvero sulla base di un elemento (la “svolta Ctu” appunto) non altrimenti esplicitato quanto al suo reale contenuto e, comunque, specificatamente censurato dalla ricorrente quanto alla sua stessa raccolta in corso di causa.

Il ricorso, pertanto, merita accoglimento, onde la sentenza impugnata va cassata in relazione ai motivi accolti, con rinvio, anche ai fini delle spese del giudizio di cassazione, ad altra sezione della Corte di appello di Venezia, affinché detto giudice provveda a statuire sul gravame rimesso alla sua cognizione facendo applicazione, in punto di diritto, dei principi sopra enunciati ed esprimendo, in punto di fatto, apprezzamenti fondati sopra adeguata motivazione.

Da ultimo, vale notare come il controricorso del Cwwww, ritualmente e tempestivamente notificato e depositato, rechi delle specifiche “conclusioni subordinate” con le quali si chiede che questa Corte, “in caso di accoglimento del ricorso e di rinvio” voglia addivenire alla cassazione parziale della pronuncia del giudice di appello stabilendo che la somma dovuta a titolo di mantenimento, se meramente adeguata, sia dovuta dalla sentenza e soggetta a rivalutazione, priva di effetto retroattivo, a partire da una data successiva alla sentenza medesima.

Appare, quindi, palese come, da parte del Cwwww stesso, sia stato in realtà proposto, assieme al controricorso, un ricorso incidentale condizionato, il quale, ancorché non risulti formalmente iscritto a ruolo, deve essere ugualmente esaminato, stante l’accoglimento del ricorso della Cxxxxxx, cui va evidentemente riconosciuta natura sostanziale di ricorso principale, dichiarandosene peraltro l’assorbimento, dal momento che involge una questione, come sopra illustrata, la quale dipende da quella che forma oggetto del primo motivo del ricorso della medesima Cxxxxxx e dalle relative statuizioni che, sul punto, riterrà di adottare il giudice del rinvio, cui, pertanto, siffatta questione potrà essere nuovamente sottoposta.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvia, anche ai fini delle spese del giudizio di cassazione, ad altra sezione della Corte di appello di Venezia

Stampa Email

Concorsi - Offerte di lavoro

Concorso pubblico, per esami, a sessanta posti di Coadiutore parlamentare

SENATO DELLA REPUBBLICACONCORSO (scad. 8 novembre 2019) Concorso pubblico, per esami, a sessanta posti di Coadiutore parlamentare. (GU n.80 del 08-10-2019)

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/concorsi/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2019-10-08&atto.codiceRedazionale=19E11982 

-----

Attualità - News - Commenti

Liquidazione degli onorari e delle spese dovute all’Avvocato Corte di Cassazione Civile Sent. Sez. 2 Num. 24069 del 26/09/2019

opposizione ex art. 645 cod. proc. civ. avverso l'ingiunzione chiesta ed ottenuta dall'avvocato, ai sensi del combinato disposto degli artt. 28 della legge n. 794/1942, 633 cod. proc. civ. e 14 del dec. Igs. n. 150/2011, con atto di citazione, anziché con ricorso

Consultazione dei documenti condominiali tra diritti e doveri dell’amministratore

Consultazione dei documenti condominiali tra diritti e doveri dell’amministratore (avv. Adriana Nicoletti del Foro di Roma)

Immobile locato dall’usufruttuario in seguito deceduto l’usufruttuario Corte di Cassazione, sez. III, sentenza n. 24222 del 30 settembre 2019

Locazione – Immobile locato dall’usufruttuario poi deceduto – Debiti nei confronti del Condominio sorti prima della morte del locatore – Posizione dell’ex nudo proprietario e degli eredi dell’usufruttuario  – Imputabilità a questi ultimi - – Rispondono gli eredi del defunto e non l’usufruttuario Corte di Cassazione, sez. III, sentenza n. 24222 del 30 settembre 2019, Commento a cura di Riccardo Redivo, già presidente di sezione della Corte d’Appello di Roma.

Incendio nell’appartamento locato causato da cattivo funzionamento di una macchina da caffè –

Responsabilità per danni dello stesso –Applicabilità degli artt. 2051 e/o 1588 c.c. – Immobile locato danneggiato da incendio determinato da occupazione del bene concessa dal conduttore – Applicabilità art. 1588 c.c. - Corte di Cassazione, sez. III, ordinanza n. 25779 del 14 ottobre 2019.

-Scuola forense foroeuropeo - menu

VII corso intensivo A DISTANZA esame avvocato 2019

VII CORSO INTENSIVO A DISTANZA ESAME AVVOCATO 2019 INTERATTIVO NELLA VIRTUAL CLASSROOM - 13 Settembre/ 3 Dicembre 2019 con gli stessi docenti e lo stesso programma del corso frontale di Roma - (Ottobre - Novembre - nuovi iscritti sconto 40%)

Foro/Domicilio di appartenenza dei corsisti Corsi esame avvocati 2019

Separazione giudiziale - Addebitabilita' della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religios - Foroeuropeo corsisti_foroForo di appartenenza dei corsisti del VII Corso esame avvocato 2019 della scuola forense foroeuropeo

Criteri per le prove orali per l’esame di stato per l’abilitazione alla professione di avvocato.

La Commissione Centrale per l’esame di Stato del Ministero della Giustizia ha definito i criteri per lo svolgimento e la valutazione delle prove orali per l’esame di abilitazione alla professione forense.

Convegni, Seminari, Corsi, Eventi, ..

12 Novembre 2019 H.13.30/16.30 - L'avvocato esperto in gestione e controllo della crisi d'impresa e dell'insolvenza

12 Novembre 2019 H.13.30/16.30 - L'avvocato esperto in gestione e controllo della crisi d'impresa e dell'insolvenza. L'Albo nazionale dei gestori e controllori della crisi d'impresa e dell'insolvenza (Curatore, Commissario Giudiziale, Commissario liquidatore, ..)  Relatori avv. Domenico Condello, Avv. Prof. Antonella Marandola - Ordinario diritto processuale penale, Avv. Prof. Vincenzo Ricciuto - Ordinario diritto civile -  Consiglio ordine Avvocati Roma : due crediti formativi - 1 ordinario e 1 deontologia - SEDE - AULA FORMAZIONE FOROEUROPEO Roma, Via Cardinal de Luca 1 (300 metri da Piazzale Flaminio).

Massime corte di cassazione

Provvedimenti di irrogazione di sanzioni pecuniarie in materia valutaria - Cass. Sent. 15702/2019

Commercio con l'estero - cambio (o scambi) - valuta o divisa estera - infrazioni valutarie (esportazione di capitali) -Provvedimento di irrogazione di sanzioni pecuniarie in materia valutaria- Impugnazione- Giurisdizione del giudice ordinario - Fondamento.

Tutela giuridica delle persone residenti nel territorio della comunità economica europea  - Cass. Sent. 15748/2019

Comunità europea - Controversia volta a stabilire il compenso non quantificato al momento del conferimento dell'incarico - Determinazione del giudice competente - Applicazione dell'art. 5, n. 1, della Convenzione di Bruxelles firmata il 27 settembre 1968 - Luogo ove l'obbligazione è stata o deve essere adempiuta - Individuazione di tale luogo - mandato - obbligazioni del mandante - spese e compenso del mandatario

Polizia di sicurezza - limitazioni di polizia stranieri- Cass. Sent. 15750/2019

Ordine e sicurezza pubblica - Minore straniero soggiornante in Italia - Autorizzazione all’ingresso o alla permanenza in Italia del familiare - Art. 31del d.lgs. n. 286 del 1998 – Condanna per reati ostativi o condotte del familiare incompatibili con il suo soggiorno nel territorio italiano - Bilanciamento tra le esigenze di tutela dell’ordine pubblico e l’interesse del minore - Necessità.

Giurisdizione ordinaria e amministrativa - autorizzazioni e concessioni - Cass. Sent. 15749/2019

Giurisdizione civile - Servizio di tesoreria comunale – Credito per somme erogate a titolo di anticipazione – Controversia relativa all'ammissione al passivo della Commissione straordinaria di liquidazione del Comune - Devoluzione alla giurisdizione ordinaria

Corte dei conti - pensioni a carico dello stato e altri enti – Cass. Sent 15746/2019

Corte dei conti - Domanda dell’INPS, nei confronti della P.A. ex datrice di lavoro, di restituzione degli interessi corrisposti su prestazioni pensionistiche pagate in ritardo a causa di tardiva trasmissione della documentazione – Giurisdizione del giudice ordinario – Sussistenza – Fondamento.

Tribunale superiore delle acque pubbliche - competenza in grado d'appello - Cass. Sent 15745/2019

Acque -Procedimento in grado di appello davanti al TSAP - Art. 342 c.p.c., nel testo formulato dal d.l. n. 83 del 2012, conv. in l. n. 134 del 2012 - Applicabilità - Fondamento.

Operazioni bancarie in conto corrente - Cass. Sent 15895/2019

Contratti bancari - Contratto di conto corrente assistito da apertura di credito – Azione di ripetizione dell’indebito del correntista – Eccezione di prescrizione estintiva della banca – Contenuto – Necessità di indicare le specifiche rimesse solutorie ritenute prescritte - Esclusione.

Responsabilità disciplinare del magistrato per espressioni sconvenienti Cass. Sent. 15897/2019

Ordinamento giudiziario – responsabilità disciplinare del magistrato per espressioni sconvenienti Espressioni sconvenienti, “in incertam personam”, rese in una trasmissione televisiva - Illecito ex art. 4, lett. d), del d.lgs. n. 109 del 2006 - Inconfigurabilità

Ripetizione dell'indebito oggettivo – Cass. Sent 15895/2019

Obbligazioni in genere ripetizione di indebito oggettivo - Interessi - Decorrenza - Dal giorno della "domanda" - Riferimento alla domanda giudiziale ed anche agli atti stragiudiziali di costituzione in mora - Sussistenza.

Al Sindaco il potere di revoca degli amministratori delle società partecipate dal Comune – Cass. Sent 16335/2019

Società - di capitali - società per azioni - organi sociali – amministratori - revoca e sostituzione Art. 50, commi 8 e 9, d.lgs. n. 267 del 2000 - Natura di giusta causa di revoca - Configurabilità - Fondamento.

ELENCO Convegni in Videoconferenza accreditati CNF

convegni in videoconferenza di gruppo accreditati dal consiglio nazionale forense

Separazione giudiziale - Addebitabilita' della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religios - Foroeuropeo cameramen_2CONVEGNI IN VIDEOCONFERENZA DI GRUPPO ACCREDITATI DAL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

Struttura del pacchetto:

  • Durata: 12 mesi dall'acquisto del pacchetto
  • Partecipanti: da tre a 20 avvocati/praticanti dalla stessa sede
  • Eventi minimo programmati: due al mese (escluso agosto)
  • Crediti formativi: minimo 40 (Ordinari e deontologici)
  • Costo intero pacchetto € 150 + Iva - 12 mesi, per tutto il gruppo (da tre a 20) che segue la videoconferenza dallo stesso studio 

L'aggiornamento professionale direttamente sul monitor del pc o su smart tv dello studio legale accreditato con i convegni in videoconferenza di gruppo di foroeuropeo. I prossimi convegni in videoconferenza, il costo, . . leggi tutto 

 

15 Ottobre 2019 Convegno in videoconferenza di gruppo

15 Ottobre 2019 H.13.30/16.30 – Cassa Forense: opportunità, innovazione e strategie, riflessioni sull’ente di previdenza e novità in materia assistenziale e previdenziale - Relatori: Avv. Giulio Nevi - Avvocato del Foro di Latina - Consigliere di amministrazione alla Cassa Forense - Avv. Giancarlo Renzetti, Delegato alla Cassa Forense .Avv. Domenico Condello - Già Delegato alla Cassa Forense  – Convegno in videoconferenza di gruppo accreditato dal C.N.F. – due crediti formativi obbligatori - deontologia

29 Ottobre 2019 Convegno in videoconferenza di gruppo

29 Ottobre 2019 H.13.30/16.30 -Processo tributario telematico  - Relatori Avv. Domenico Condello Docente di Informatica Giuridica Direttore Scientifico della rivista giuridica Foroeuropeo e della Direttore Scientifico della Scuola Forense Foroeuropeo - Avv. Gianni Di Matteo Tributarista - Vice presidente Unione Nazionale Avvocati Tributaristi Docente Università E Campus - Avv. Arturo Pardi Avvocato del Foro di Pesaro, Consigliere Nazionale Forense - Avv. Salvatore Famiani Avvocato del Foro di Roma – Convegno in videoconferenza di gruppo accreditato dal C.N.F. – due crediti formativi

5 Novembre 2019 Convegno in videoconferenza di gruppo

5 Novembre 2019 H.13.30/16.30 - L’amministrazione dei beni sequestrati e confiscati ed il ruolo dell’Amministratore giudiziario 

RELATORE Avv. Luca D’Amore - Avvocato del Foro di Roma Ricercatore della Fondazione per la commissione amministrazione giudiziaria per il CNDCEC  Convegno in videoconferenza di gruppo in fase di accreditamento dal C.N.F. – due crediti formativi

12 Novembre 2019 Convegno in videoconferenza di gruppo

12 Novembre 2019 H.13.30/16.30 - L'avvocato esperto in gestione e controllo della crisi d'impresa e dell'insolvenza. L'Albo nazionale dei gestori e controllori della crisi d'impresa e dell'insolvenza (Curatore, Commissario Giudiziale, Commissario liquidatore, ..)  Relatori avv. Domenico Condello, Avv. Prof. Antonella Marandola - Ordinario diritto processuale penale, Avv. Prof. Vincenzo Ricciuto - Ordinario diritto civile– Convegno in Videoconferenza in fase di accreditamento dal C.N.F.  -  richiesti due crediti formativi

22 Novembre 2019 Convegno in videoconferenza di gruppo

22 Novembre 2019 H.13.30/16.30 - Il compenso all’avvocato con i parametri o con i contratti d’opera professionali. Relatori avv. Mauro Mazzoni, Vice Presidente Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma – avv. Domenico Condello già Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma - Focus sulle novità legislative e giurisprudenziali – convegno in Videoconferenza in fase di accreditamento dal C.N.F.  - due crediti formativi

26 Novembre 2019 Convegno in videoconferenza di gruppo

26 Novembre 2019 H.13.30/16.30 - La responsabilità degli enti (D.Lgs. 231/2001): natura giuridica e aspetti processuali. Introduce Avv. Domenico Condello - Relatori:  Dott. Valerio de Gioia (Giudice della I Sezione Penale del Tribunale di Roma) - Avv. Valeria Raimondo (Avvocato del Foro di Roma) – convegno in Videoconferenza in fase di accreditamento dal C.N.F.  - richiesti due crediti formativi

Amministratori condominio

Corso di aggiornamento online Amministratore condominio b

Corso di aggiornamento ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività professionale ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014. Agli avvocati  viene, inoltre, rilasciato un certificato con i crediti formativi riconosciuti dal Consiglio Nazionale Forense.

Corso abilitante online Amministratore condominio

Corso abilitante ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività professionale ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014

Avvocati C.N.F. Decisioni pareri circolari - Osservatorio forense

Favor rei: il nuovo codice deontologico si applica retroattivamente, se più favorevole all’incolpato

Favor rei: il nuovo codice deontologico si applica retroattivamente, se più favorevole all’incolpato. Corte di Cassazione (pres. Tirelli, rel. Scarano), SS.UU, sentenza n. 22714 del 11 settembre 2019

Il CNF è Giudice speciale che esercita funzioni giurisdizionali in conformità a Costituzione

Il CNF è Giudice speciale che esercita funzioni giurisdizionali in conformità a Costituzione - Corte di Cassazione (pres. Tirelli, rel. Scarano), SS.UU, sentenza n. 22714 del 11 settembre 2019

anticipazione del semestre di tirocinio forense nel corso degli studi universitari

Il COA di Isernia formula un quesito relativo alla possibilità di disporre l’anticipazione del semestre di tirocinio nel corso degli studi universitari, ove residui allo studente – prima della laurea – un periodo inferiore a sei mesi. Consiglio nazionale forense, parere del 12 luglio 2019, n. 28

il domicilio professionale di un avvocato non può essere unaa casella o una cassetta postale.

La Procura della Repubblica di Caltagirone – Sezione di polizia giudiziaria – Aliquota Carabinieri formula un quesito relativo alla corretta interpretazione dell’espressione “domicilio professionale”, in relazione al caso di avvocati stabiliti che – all’atto della domanda di iscrizione nell’Albo – abbiano indicato come domicilio professionale una casella o una cassetta postale.

eBook - manuali

Separazione giudiziale - Addebitabilita' della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religios - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Separazione giudiziale - Addebitabilita' della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religios - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui ad utilizzare questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Uso dei cookie

Foroeuropeo.eu o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di Foroeuropeo.eu.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da Foroeuropeo.eu.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Foroeuropeo.eu userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.


Foroeuropeo.eu, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Foroeuropeo.eu e che che quindi non risponde di questi siti.


Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito:

  • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni
  • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo)  dell’utente –  necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti
  • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi
  • _dc – di sessione – utilizzato per limitare le richieste di remarketing (non presente ad ora su Foroeuropeo.eu.com) che sono state fatte necessario al servizio di terze parti di Google Analytics. Dura 10 minuti
  • PHPSESSID  – di sessione – necessarioda WordPress per identificare la singola sessione di un utente.
  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • frm_form8_0398a1368566c8697942eb6f74ad02a5 – sessione – necessario per i referral del modulo di contatto

Cookie di terze parti:

  • Facebook:
    • act – sessione
    • c_user – persistente
    • csm – persistente
    • datr – persistente
    • fr – persistente
    • i_user – sessione
    • lu – persistente
    • p – sessione
    • presence – sessione
    • s – persistente
    • x-src – persistente
    • xs – persistente
    • datr – persistente
    • lu – persistente
  • Google +
    • AID – persistente
    • APISID – persistente
    • HSID – persistente
    • NID – persistente
    • OGP – persistente
    • OGPC – persistente
    • PREF – persistente
    • SAPISID – persistente
    • SID – persistente
    • SSID – persistente
    • TAID – persistente
    • OTZ – persistente
    • PREF – persistente
    • ACCOUNT_CHOOSER – persistente
    • GAPS – persistente
    • LSID – persistente
    • LSOSID – persistente
    • RMME – persistente
  • Twitter
    • __utma – persistente
    • __utmv – persistente
    • __utmz – persistente
    • auth_token – persistente
    • guest_id – persistente
    • pid – persistente
    • remember_checked – persistente
    • remember_checked_on – persistente
    • secure_session – persistente
    • twll – persistente
    • dnt – persistente
    • eu_cn – persistente
    • external_referer – persistente
  • Mozcast
    • __utma – persistente
    • __utmz – persistente

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù Separazione giudiziale - Addebitabilita' della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religios - Foroeuropeo chrome-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù Separazione giudiziale - Addebitabilita' della separazione al marito, affiliatosi ad una setta religiosa ed allontanatosi dalla casa familiare in preda ad una vera e propria esaltazione religios - Foroeuropeo firefox-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Seleziona il pannello Privacy
  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

    1. Eseguire il Browser Safari iOS
    2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.


Come disabilitare i cookie di servizi di terzi


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati