Raporto di lavoro- Trattamento di fine rapporto - Interessi e rivalutazione - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online logo Raporto di lavoro- Trattamento di fine rapporto - Interessi e rivalutazione - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online foro_rivista

501 visitatori e 6 utenti online

Raporto di lavoro- Trattamento di fine rapporto - Interessi e rivalutazione - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online cameramen_225 Giugno 2019 h. 13.30/16.30 - Diritto di Famiglia: i tempi di permanenza con il padre dei figli minori  - la dichiarazione giurata dei redditi e del patrimonio nel processo della famiglia - negoziazione assistita  Relatori avv. Marina Petrolo e avv. Giorgio Vaccaro – Convegno in videoconferenza di gruppo accreditato dal C.N.F.  – Due crediti formativi . . . .leggi tutto


5 e 6 Luglio 2019 - Corso di preparazione alla digital innovation in campo legale e giuridico e alla comunicazione dello studio legale:DALLA TARGA ALLA DIMENSIONE DIGITALE. LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER LA "BUONA" COMUNICAZIONE DELLO STUDIO LEGALE (IN TRE MOSSE)” . . . Leggi tutto 

 

Formazione avvocati

Raporto di lavoro- Trattamento di fine rapporto - Interessi e rivalutazione

Raporto di lavoro- Trattamento di fine rapporto - Interessi e rivalutazione - pagamento dell' l'Inps inmancanza di versamento da parte dal datore di lavoro

Raporto di lavoro - Trattamento di fine rapporto - Interessi e rivalutazione - pagamento dell' l'Inps in mancanza di versamento da parte dal datore di lavoro (Cassazione - sezioni unite civili - sentenza 27 giugno 2001-26 settembre 2002, n. 13988)

Cassazione - sezioni unite civili - sentenza 27 giugno 2001-26 settembre 2002, n. 13988
Presidente Carbone - relatore Ravagnani Pm Pivetti - conforme - ricorrente Inps - controricorrente Luzzi ed altri

Svolgimento del processo

Il signor Luigi Luzzi ed altri sei litisconsorti, tutti indicati in epigrafe, dipendenti delle imprese Cimot e Planula spa, dichiarate fallite dal tribunale di Pistoia, avevano chiesto all'Inps, quale gestore del fondo di garanzia previsto dall'articolo 2 legge 297/82, il pagamento del trattamento di fine rapporto maturato, nella misura ammessa nello stato passivo della procedura fallimentare, oltre agli accessori di legge.

Poiché l'Inps non aveva eseguito il pagamento degli interessi e della rivalutazione monetaria, i lavoratori adivano il pretore del lavoro di Pistoia, chiedendo ed ottenendo distinti decreti ingiuntivi per il pagamento delle relative somme.

L'istituto proponeva opposizione, contestando la sussistenza del debito sia per gli interessi, sia per la rivalutazione monetaria, siccome non cumulabili, ai sensi dell'articolo 22, comma 36°, legge 724/94.

Il pretore adito rigettava le opposizioni, ritenendo, in particolare, quanto alla rivalutazione, che non trovasse applicazione il dedotto divieto di cumulo, applicabile solo ai lavoratori del pubblico impiego e non anche a quelli del settore privato.

L'Inps interponeva gravame, cui resistevano le controparti.

Il tribunale di Pistoia rigettava l'appello, rilevando che la questione del cumulo di rivalutazione ed interessi era stata ormai superata dall'intervento della Corte costituzionale, che, con sentenze 452/00, aveva dichiarato l'illegittimità del citato articolo 22, comma 36°, limitatamente all'estensione del divieto ai lavoratori privati.

Avverso tale sentenza l'Inps ha proposto ricorso per cassazione, deducendo un unico motivo di censura.

Gli intimati hanno presentato controricorso.

Il primo presidente ha assegnato il ricorso a queste sezioni unite per la composizione del contrasto giurisprudenziale sussistente in materia.

Motivi della decisioneL'istituto ricorrente, deducendo violazione dell'articolo 16, sesto comma, legge 412/91, assume che il tribunale abbia errata nel ritenere che, a seguito della sentenza della Corte costituzionale 459/00, non sia più operante il divieto di cumulo, questo permanendo, invece, in virtù dell'articolo 16 citato, applicabile ai crediti in questione, stante la natura previdenziale delle prestazioni dovute dal fondo di garanzia di cui all'articolo 2 "decreto legislativo 80/1992".

Il ricorso non può essere accolto, ritenendo la corte di dover seguire l'orientamento giurisprudenziale che, a prescindere, ovviamente, dal rilievo che esso è anche quantitativamente prevalente rispetto all'altro, seguito dall'istituto, appare il solo correttamente aderente al dettato normativo in ordine alla fattispecie in esame.

De due diversi orientamenti, l'uno riconosce alle prestazioni erogate dal fondo natura tipicamente previdenziale e ritiene conseguentemente applicabile il divieto di cumulo degli interessi e della rivalutazione sulle relative somme, ai sensi dell'articolo 16, sesto comma, legge 412/91, e, l'altro, invece, attribuisce alle medesime prestazioni la stessa natura ed estensione del debito del datore di lavoro insolvente, e ritiene, pertanto, sussistente nel lavoratore il diritto a ricevere cumulativamente gli interessi e la rivalutazione monetaria, non trovando applicazione il divieto di cui all'indicata disposizione.

All'esame di tali orientamenti è peraltro opportuno premettere, sul piano normativo, che la direttiva della Comunità europea 987/80 impegnò i paesi membri a adottare le misure necessarie affinché appositi organismi di garanzia assicurassero la tutela dei diritti dei lavoratori subordinati nei confronti dei datori di lavoro, sia in caso d'insolvenza di questi ultimi, accertata in sede di procedura concorsuale, sia in caso di semplice inadempimento dei medesimi, dopo l'esperimento negativo dell'esecuzione forzata individuale.

In attuazione della citata direttiva, le legge 297/82, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica, ha previsto all'articolo 2 l'istituzione presso l'Inps del "fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto" con lo scopo di sostituirsi al datore di lavoro in caso di insolvenza nel pagamento del trattamento di fine rapporto, di cui all'articolo 2120 Cc, spettante ai lavoratori o ai loro aventi diritto. Erogata la prestazione, il fondo ha azione di regresso nei confronti del datore di lavoro e subentra per le somme pagate nel privilegio riconosciuto al credito del lavoratore degli articoli 2751bis e 2776 Cc.

Successivamente, il decreto legislativo 80/1992, attuativo, a sua volta, della delega di cui all'articolo 48 legge 428/90, ha previsto l'intervento del medesimo fondo, alimentato finanziariamente mediante aumento dei contributi già corrisposti al fondo per il trattamento di fine rapporto, per i (diversi) crediti di lavoro relativi agli ultimi tre mesi del rapporto, i quali, peraltro, sono garantiti entro un certo massimale, non sono compatibili con redditi alternativi ricevuti dal lavoratore nello stesso periodo, sono prescrittibili entro il breve termine di un anno, e comprendono gli accessori, decorrenti dalla data di presentazione della relativa domanda.

Occorre poi aggiungere che l'estensione ai crediti previdenziali del regime dell'articolo 429 Cpc (relativo alla condanna del datore di lavoro al pagamento dei crediti di lavoro, aumentati degli accessori - interessi e risarcimento del maggior danno - in cumulo tra loro), per effetto della sentenza della Corte costituzionale 156/91, è stata subito dopo esclusa dal legislatore con l'articolo 16, sesto comma, legge 412/91, in considerazione delle esigenze del bilancio pubblico. Infine, l'articolo 22, comma 36°, legge 724/94 ha abolito il cumulo tra interessi e rivalutazione con riguardo a tutti i crediti dei lavoratori pubblici e privati, in relazione ai quali è peraltro intervenuta la Corte costituzionale che, con sentenza 459/00, ha dichiarato l'illegittimità del citato comma dell'articolo 22 limitatamente alla sua applicazione nei confronti dei lavoratori privati.

In ordine a tale quadro normativo, è appena il caso di rilevare che il riferimento fatto dall'Inps ora esclusivamente all'articolo 412/91, dapprima, in sede di merito, soltanto all'articolo 724/94 è processualmente del tutto ininfluente, nessun vincolo derivando al giudicante, e tanto più in sede di legittimità, dal diverso fondamento legislativo posto dalle parti alle proprie tesi difensive nel corso del giudizio.

Tanto premesso, devesi osservare che il primo orientamento qualifica come previdenziale la natura delle prestazioni del fondo, rilevando che l'articolo 2 del decreto legislativo 80/1992, al quinto comma, definisce testualmente come "prestazione" il pagamento effettuato dal fondo di garanzia ai sensi del primo comma (il pagamento, cioè, dei crediti di lavoro diversi da quelli spettanti a titolo di trattamento di fine rapporto) e, altrettanto testualmente, dispone che il diritto a tale prestazione si prescrive in un anno. Fa quindi discendere da tali rilievi la considerazione che la terminologia usata ("prestazione") e la previsione di uno specifico termine di prescrizione, identico nella durata a quello generalmente stabilito per i diritti alle prestazioni previdenziali di carattere temporaneo erogate dall'Inps, esprimerebbero con evidenza la regola che l'obbligazione del fondo ha natura non retributiva ma previdenziale, inserita nell'ambito di un rapporto a struttura assicurativa (alimentato mediante contribuiti del datore di lavoro), e, perciò, autonoma rispetto all'obbligazione retributiva originaria, anche se coincidente con questa quanto all'oggetto, determinato "per relationem" (Cassazione 5489/00 e 5663/01, con riguardo, rispettivamente, all'applicabilità dell'articolo 152 disp. att. Cpc e all'efficacia interruttiva della procedura concorsuale rispetto alla prescrizione del diritto alla prestazione nei confronti del fondo).

Un orientamento sostanzialmente conforme (ma definito anche "intermedio" tra i due in contrasto) è espresso dalla sentenza 2877/01, secondo cui il divieto di cumulo fra interessi e rivalutazione monetaria introdotto per i crediti di lavoro dall'articolo 22, comma 36°, legge 724/94 persiste anche successivamente alla sentenza costituzionale 459/00, atteso che l'intervento abrogativo della corte non interviene sui crediti che, come quello nei confronti del fondo di garanzia, fruiscono di una speciale tutela che, pur mutandone la natura e la funzione, non ne altera tuttavia la genesi lavoristica.

Il secondo orientamento qualifica, invece, come retributiva la natura delle prestazioni del fondo, rilevando che la "sostituzione" del fondo nel pagamento del trattamento di fine rapporto, prevista dall'articolo 2, primo comma, legge 297/82, sta ad indicare non già una garanzia o fideiussione, ma un accollo ex lege a carico del fondo in ordine, dunque, allo stesso debito (retributivo) del datore di lavoro, comprensivo della somma capitale e degli accessori in cumulo tra loro (Cassazione 15995/01; 5658/01; 14761/99; 5043/94; 5036/89). Rileva poi che la posizione creditoria dell'unico ed originario creditore non muterebbe, ove si qualificasse l'obbligazione dell'ente previdenziale in termini di sussidiarietà, in considerazione dell'onere del preventivo esperimento delle azioni esecutive nei confronti del debitore originario. Ed osserva, inoltre, che l'istituzione del fondo di garanzia rende evidente l'attuazione di una forma di assicurazione sociale, in cui l'interesse del lavoratore è conseguito non attraverso l'erogazione di un'autonoma indennità, ma mediante l'assunzione, in caso di insolvenza del datore di lavoro, della responsabilità solidale per l'erogazione del trattamento di fine rapporto - quale retribuzione differita - da parte dell'istituto previdenziale.

L'adesione a quest'ultimo orientamento, con il richiamo che qui si intende fatto alle relative argomentazioni ora riferite, impone peraltro le ulteriori seguenti osservazioni.

Il primo comma dell'articolo 2, legge 297/82, stabilisce che il fondo "si sostituisce" al datore di lavoro nel pagamento della somma dovuta (e non che "garantisce" tale pagamento) e contiene dunque un precetto che induce a ritenere costituito dallo stesso legislatore (in termini più descrittivi che tecnicamente corretti, a fronte della mancanza di un contratto tra debitore e terzo) un accollo cumulativo ex lege e non una fideiussione. Il fondo subentra dunque nella stessa posizione del datore di lavoro ed è tenuto a pagare il medesimo debito (retributivo) di quest'ultimo, comprensivo della somma capitale e, a norma del secondo comma, "dei relativi crediti accessori".

Poiché il credito inerente al trattamento di fine rapporto e agli accessori ha natura retributiva e non sussistono ragioni normative o logico-giuridiche perché tale natura debba venir meno per effetto dell'avvenuto accollo, qualificabili, alla stregua della lettera del citato articolo 2, come cumulativo e non privativo o liberatorio o novativo, si deve pertanto ritenere che, a norma dell'articolo 429, terzo comma, Cpc, il fondo sia tenuto a corrispondere gli interessi nella misura legale ed il risarcimento del maggior danno (senza necessità che il lavoratore assolva l'onere di allegazione e di prova in base all'articolo 1224, secondo comma, Cc) con decorrenza dal giorno della maturazione del diritto e fio al giorno dell'effettivo pagamento (Cassazione 10968/95 citata).

D'altra parte, la prestazione a carico del fondo non si determina in relazione al diritto maturato e riconosciuto nel passivo fallimentare come se il fondo, nel pagamento del trattamento di fine rapporto, si sostituisce al fallimento. Invero, come è espressamente stabilito dal più volte citato articolo 2, primo comma, e come pure si ricava dalla formulazione del quinto comma per il caso che il datore di lavoro non sia stato sottoposto a un procedimento concorsuale, il legislatore ha disposto la sostituzione del fondo al datore di lavoro e non già al fallimento, con la conseguenza che, appunto come si è già detto, il fondo è tenuto a corrispondere il medesimo debito che grava sul datore di lavoro nel suo intero ammontare, comprendente la somma capitale e gli accessori.

Neppure può prestarsi adesione alla tesi secondo la quale l'esonero dell'Inps dal pagamento degli interessi e della rivalutazione monetaria trarrebbe argomento dalla disposizione del comma settimo dell'articolo 2, che dispone che il fondo deve provvedere al pagamento del credito del lavoratore entro lo spatium deliberandi di sessanta giorni dalla domanda dell'interessato. Tale termine, invero, è stato fissato dal legislatore per permettere lo svolgimento delle necessarie indagini sulla richiesta formulata dal lavoratore, ma non può incidere sulla natura sostanziale del credito, non potendo pregiudicare, con riferimento al suo ammontare, il credito del lavoratore, il quale, in forza della disciplina in esame, ha il diritto di ottenere il medesimo bene che dovrebbe essergli corrisposto dal datore di lavoro, salvo l'eventuale maggior danno risarcibile in via autonoma dall'istituto, ai sensi dell'articolo 1224 Cc, per il mancato rispetto del predetto termine (Cassazione 10968/95) argomenti contrari a quanto sinora rilevato non possono, inoltre, trarsi (Cassazione 5663/01 citata) dalle disposizioni di cui all'articolo 2, primo e quinto comma, decreto legislativo 80/1992. Queste stabiliscono che sul medesimo fondo di garanzia grava anche, in caso di apertura di un procedimento concorsuale a carico del datore di lavoro, il pagamento degli emolumenti diversi dal trattamento di fine rapporto e inerenti agli ultimi tre mesi del rapporto di lavoro, con la specifica previsione che gli interessi e la rivalutazione monetaria sono dovuti dalla data di presentazione della domanda che il relativo diritto si prescrive in un anno.

Queste disposizioni, invero, sono state emanate, come si è detto, per dare attuazione, al pari di quelle di cui alla legge 297/82, alla citata direttiva europea 987/80 in materia di tutela dei lavoratori subordinati in caso di insolvenza del datore di lavoro, ma, in relazione alla specifica ipotesi di diritti diversi da quello al trattamento di fine rapporto, hanno stabilito sia l'esonero del pagamento degli interessi e della rivalutazione monetaria limitatamente al tempo antecedente alla domanda proposta dall'interessato, sia un termine breve di prescrizione, così determinando un apposito dettato normativo, avente carattere di eccezione - non influente sulla natura dell'erogazione dovuta dal fondo -, e confermativo della regola generale relativa all'obbligo di pagamento del trattamento di fine rapporto.

Sembra, infine, appena il caso di rilevare che sotto l'articolo 16, sesto comma, legge 412/91, contenente il divieto di cumulo di interessi e rivalutazione, non potrebbe ritenersi sussumibile la fattispecie in esame, posto che vi si fa riferimento agli enti gestori di forme di previdenza obbligatoria, alle prestazioni da questi dovute e alla loro decorrenza dalla scadenza del termine previsto per l'adozione del provvedimento sulla domanda, mentre devesi porre in rilievo che il fondo di garanzia non presenta gli estremi caratteristici di tali enti (anche per quanto attiene alla costituzione del relativo patrimonio, alimentato invia esclusiva dai contributi del solo datore di lavoro), l'espressione "prestazioni" ha valenza non univoca, potendosi riferire sia alle prestazioni previdenziali, sia a quelle retributive, e la decorrenza del diritto al trattamento di fine rapporto (per il quale non occorre alcuna domanda) dalla data di cessazione del rapporto di lavoro non trova alcuna deroga normativa, ferma la rilevata natura retributiva del trattamento indicato. La stessa tesi seguita dall'orientamento cosiddetto intermedio reca in sé un'evidente contraddizione nell'affermazione del mutamento della natura del credito del lavoratore e nel riconoscimento, ad un tempo, della sua origine lavoristica, privilegiando, come se dovesse ritenersi assorbente, la natura del soggetto erogatore (in sostanza l'Inps) rispetto alla natura della prestazione, quale si evince invece dalla lettera della norma come sopra interpretata.

Conformemente alle svolte argomentazioni, può in conclusione affermarsi il seguente principio di diritto:"il credito del lavoratore per il trattamento di fine rapporto e per gli emolumenti relativi agli ultimi tre mesi del rapporto non muta la propria natura retributiva quando, in forza della legge 297/82 e decreto legislativo 80/1992, sia fatto valere nei confronti del fondo di garanzia gestito dall'Inps per l'insolvenza o l'inadempimento del datore di lavoro, ed è quindi comprensivo, come di regola, degli interessi legali e della rivalutazione monetaria, restando inapplicabile il divieto di cumulo di tali accessori stabilito dall'articolo 16, sesto comma, legge 412/91".

Il ricorso deve di conseguenza essere rigettato.

Nulla devesi disporre a carico dell'istituto soccombente in ordine alla spese giudiziali, poiché il controricorso è stato notificato dagli intimati oltre il quarantesimo giorno (7 agosto 2001, non postfestivo) dalla notificazione del ricorso, avvenuta il 27 giugno 2001.

PQM

La corte rigetta il ricorso. Nulla per le spese.

Stampa Email

Attualità - News - Commenti

Delitti contro la libertà individuale – violazione di domicilio – concorso apparente di norme – accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 615-ter, c.p.)  – Cassazione Penale, sentenza n. 21987- deposito del 20/05/2019

detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici (art. 615-quater, c.p.) – antefatto non punibile – “il delitto di cui all’art. 615-quater cod. pen., non concorre bensì è assorbito nel più grave reato di cui all’art. 615-ter cod. pen., di cui costituisce un antecedente necessario, sempre che quest’ultimo sia contestato, procedibile e integrato nel medesimo contesto spazio-temporale, in danno della medesima persona fisica”. Cassazione Penale, sentenza n. 21987 ud. 14/01/2019 - deposito del 20/05/2019. Commento a cura dell’Avv. Emanuele Lai.

codice della strada – revoca della patente Tar Marche, ord., 27 maggio 2019, n. 356

Sollevata questione di legittimità costituzionale – automatismo sanzionatorio – revoca della patente in caso di misure di sicurezza personali – irragionevolezza – obbligo del Prefetto – Tar Marche, ord., 27 maggio 2019, n. 356, commento a cura dell’Avv. Silvia Albanese.

Elezione dei componenti dei consigli degli ordini circondariali forensi - limite del doppio mandato. Corte Costituzionale - Comunicato stampa - Legittimo il divieto di terzo mandato consecutivo per i componenti dei consigli forensi 18.9.2019

 Avvocato e procuratore - Elezione dei componenti dei consigli degli ordini circondariali forensi - Limiti all'elettorato passivo - Ineleggibilità degli avvocati che abbiano già espletato due mandati consecutivi - Norma di interpretazione autentica che, ai fini del rispetto del divieto di rielezione, prevede che si tenga conto anche dei mandati espletati, anche solo in parte, prima dell'entrata in vigore dell'art. 3, comma 3, secondo periodo, della legge n. 113 del 2017. documentazione estratta dal sito web della Corte costituzionale

Condominio – delibera assembleare –- installazione dell’ascensore – barriere architettoniche - corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 15021 del 31 maggio 2019

Delibera –ascensore – barriere architettoniche – installazione in cortile comune di uso esclusivo – prevenzione antincendio – violazione - corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 15021 del 31 maggio 2019 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione di un ascensore

Condominio – Delibera assembleare – impugnativa – ricorso per cassazione – interesse ad agire – carenza – inammissibilità - corte di cassazione, sez. 2, sentenza n. 13217 del 16 maggio 2019 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

Massime corte di cassazione

Azioni a difesa del possesso - azioni possessorie (nozione, differenza con le azioni di nunciazione, distinzioni) - procedimento possessorio - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6030 del 28/02/2019

Possesso - azioni a difesa del possesso - azioni possessorie (nozione, differenza con le azioni di nunciazione, distinzioni) - procedimento possessorio - fasi del giudizio - Provvedimento del giudice di primo grado di accoglimento dell'istanza di tutela del possesso con omissione della remissione delle parti alla fase di merito - Reclamabilità - Esclusione - Appellabilità - Sussistenza - Esame nel merito da parte del tribunale del reclamo erroneamente proposto - Ricorso per cassazione - Ammissibilità - Poteri della Corte di cassazione.

Patrimoniale e non patrimoniale (danni morali) - Danni subiti da congiunto del danneggiato principale (danno parentale) - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5807 del 28/02/2019

Risarcimento del danno - patrimoniale e non patrimoniale (danni morali) - Danni subiti da congiunto del danneggiato principale (danno parentale) - "danno conseguenza" - Oneri allegatori e probatori - Fattispecie.

Responsabilità aggravata ex art. 96, comma 3, c.p.c. - Abuso del diritto di impugnazione - spese giudiziali civili - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5725 del 27/02/2019

Spese giudiziali civili - di cassazione - in genere - Responsabilità aggravata ex art. 96, comma 3, c.p.c. - Abuso del diritto di impugnazione - spese giudiziali civili - "ius superveniens" - responsabilità aggravata - lite temeraria - In genere.

Cassazione (ricorso per) - giudizio di rinvio - in genere - Riassunzione ad opera di una sola delle parti - Sufficienza -

Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - giudizio di rinvio - in genere - Riassunzione ad opera di una sola delle parti - Sufficienza - Effetti - Contumacia - Valore di rinuncia - Esclusione.

Lavoro subordinato (nozione, differenze dall'appalto e dal rapporto di lavoro autonomo, distinzioni) - estinzione del rapporto -Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 5752 del 27/02/2019

Lavoro - lavoro subordinato (nozione, differenze dall'appalto e dal rapporto di lavoro autonomo, distinzioni) - estinzione del rapporto - diritto alla conservazione del posto - infortuni e malattie - comporto Superamento del periodo di comporto - Oneri datoriali di motivazione - Comporto cd. “secco” e per sommatoria - Art. 2 della l. n. 604 del 1966 novellato - Rilevanza - Fattispecie.

Confessione - in genere - Oggetto della confessione - Fatti obiettivi e non giudizi od opinioni - Necessità - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5725 del 27/02/2019

Prova civile - confessione - in genere - Oggetto della confessione - Fatti obiettivi e non giudizi od opinioni - Necessità - Conseguenze - Fattispecie.

Cose in custodia - incendio - obbligo di custodia - Omessa custodia di un bene destinato ad attività di culto - Responsabilità del proprietario - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5841 del 28/02/2019

Responsabilità civile - cose in custodia - incendio - obbligo di custodia - Omessa custodia di un bene destinato ad attività di culto - Responsabilità del proprietario - Sussistenza - Responsabilità dell'ente territoriale su cui insiste il bene - Condizioni - Fattispecie.

Agenzia (contratto di) - (nozioni, caratteri, distinzioni) -Concluso anteriormente al d.lgs. n. 303 del 1991 - Forma scritta - Necessità - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 6021 del 28/02/2019

Agenzia (contratto di) - in genere (nozioni, caratteri, distinzioni) - Concluso anteriormente al d.lgs. n. 303 del 1991 - Forma scritta - Necessità - Esclusione - Successivi fatti contrari o aggiunti - Prova testimoniale - Ammissibilità.

Accertamento tributario (nozione) - avviso di accertamento – notifica - Notificazione ex art. 60, comma 1, lett. e), del d.P.R. n. 600 del 1973 - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Ordinanza n. 5902 del 28/02/2019

Tributi (in generale) - accertamento tributario (nozione) - avviso di accertamento – notifica - Notificazione ex art. 60, comma 1, lett. e), del d.P.R. n. 600 del 1973 - Legittimità - Condizioni - Modalità.

Responsabilità civile e penale (reati commessi col mezzo della stampa) - Ricostruzione dei fatti, attitudine offensiva delle notizie diffuse, sussistenza dei diritti di cronaca e di critica - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5811 del 28/02/201

Stampa - responsabilità civile e penale (reati commessi col mezzo della stampa) - Ricostruzione dei fatti, attitudine offensiva delle notizie diffuse, sussistenza dei diritti di cronaca e di critica - Apprezzamento del giudice di merito - Censurabilità in cassazione - Limiti - Fattispecie.

Rappresentanza - volontaria (procura) - in genere - Procura generale a donare - Art. 60 l. n. 218 del 1995 - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 6016 del 28/02/2019

Contratti in genere - rappresentanza - volontaria (procura) - in genere - Procura generale a donare - Art. 60 l. n. 218 del 1995 - Operatività - Condizioni - Fondamento - Fattispecie.

Principi comuni - ambito di applicazione - elemento soggettivo - Colpa - Sufficienza - Buona fede - Rilevanza - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6018 del 28/02/2019

Sanzioni amministrative - principi comuni - ambito di applicazione - elemento soggettivo - Colpa - Sufficienza - Buona fede - Rilevanza - Condizioni - Ignoranza incolpevole - Necessità - Fattispecie.

Effetti - usucapione - interruzione e sospensione - in genere - Tassatività degli atti interruttivi - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6029 del 28/02/2019

Possesso - effetti - usucapione - interruzione e sospensione - in genere - Tassatività degli atti interruttivi - Conseguenze - Fattispecie.

Capacità processuale - rappresentanza del procuratore e dell'institore - Legittimazione processuale - Rappresentanza volontaria - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Sentenza n. 5925 del 28/02/2019

Procedimento civile - capacità processuale - rappresentanza del procuratore e dell'institore - Legittimazione processuale - Rappresentanza volontaria - Prova - Necessità - Procura speciale - Produzione in ogni stato e grado del giudizio - Fondamento - Limiti - Fattispecie.

Onorari – privilegi - Spese e spettanze procuratorie - Riferimento alla parcella ed agli importi indicati nella tabella dei parametri forensi - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5798 del 28/02/2019

Avvocato e procuratore - onorari – privilegi - Spese e spettanze procuratorie - Riferimento alla parcella ed agli importi indicati nella tabella dei parametri forensi - Necessità - Onorari - Determinazione discrezionale entro i limiti dello scaglione di riferimento correttamente individuato - spese giudiziali civili - "ius superveniens" - liquidazione

Azioni a difesa della proprietà - rivendicazione (nozione, differenze dall'azione di regolamento dei confini e distinzioni) - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6007 del 28/02/2019

Proprietà - azioni a difesa della proprietà - rivendicazione (nozione, differenze dall'azione di regolamento dei confini e distinzioni) - in genere - Distruzione o alienazione del bene rivendicato, in epoca anteriore al giudizio - Azione esperibile.

Obbligazioni pecuniarie - interessi - saggio degli interessi - Ritardo di pagamento nelle transazioni commerciali - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 5803 del 28/02/2019

Obbligazioni in genere - obbligazioni pecuniarie - interessi - saggio degli interessi - Ritardo di pagamento nelle transazioni commerciali - Saggio di interesse di cui all'art. 5 del d.lgs. n. 231 del 2002 - Applicabilità ai contratti di affitto - Fondamento - Fattispecie.

Condominio negli edifici (nozione, distinzioni) - contributi e spese condominiali - spese di manutenzione (ripartizione) - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6010 del 28/02/2019

Comunione dei diritti reali - condominio negli edifici (nozione, distinzioni) - contributi e spese condominiali - spese di manutenzione (ripartizione) - Criterio.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui ad utilizzare questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Uso dei cookie

Foroeuropeo.eu o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di Foroeuropeo.eu.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da Foroeuropeo.eu.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Foroeuropeo.eu userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.


Foroeuropeo.eu, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Foroeuropeo.eu e che che quindi non risponde di questi siti.


Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito:

  • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni
  • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo)  dell’utente –  necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti
  • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi
  • _dc – di sessione – utilizzato per limitare le richieste di remarketing (non presente ad ora su Foroeuropeo.eu.com) che sono state fatte necessario al servizio di terze parti di Google Analytics. Dura 10 minuti
  • PHPSESSID  – di sessione – necessarioda WordPress per identificare la singola sessione di un utente.
  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • frm_form8_0398a1368566c8697942eb6f74ad02a5 – sessione – necessario per i referral del modulo di contatto

Cookie di terze parti:

  • Facebook:
    • act – sessione
    • c_user – persistente
    • csm – persistente
    • datr – persistente
    • fr – persistente
    • i_user – sessione
    • lu – persistente
    • p – sessione
    • presence – sessione
    • s – persistente
    • x-src – persistente
    • xs – persistente
    • datr – persistente
    • lu – persistente
  • Google +
    • AID – persistente
    • APISID – persistente
    • HSID – persistente
    • NID – persistente
    • OGP – persistente
    • OGPC – persistente
    • PREF – persistente
    • SAPISID – persistente
    • SID – persistente
    • SSID – persistente
    • TAID – persistente
    • OTZ – persistente
    • PREF – persistente
    • ACCOUNT_CHOOSER – persistente
    • GAPS – persistente
    • LSID – persistente
    • LSOSID – persistente
    • RMME – persistente
  • Twitter
    • __utma – persistente
    • __utmv – persistente
    • __utmz – persistente
    • auth_token – persistente
    • guest_id – persistente
    • pid – persistente
    • remember_checked – persistente
    • remember_checked_on – persistente
    • secure_session – persistente
    • twll – persistente
    • dnt – persistente
    • eu_cn – persistente
    • external_referer – persistente
  • Mozcast
    • __utma – persistente
    • __utmz – persistente

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù Raporto di lavoro- Trattamento di fine rapporto - Interessi e rivalutazione - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online chrome-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù Raporto di lavoro- Trattamento di fine rapporto - Interessi e rivalutazione - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online firefox-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Seleziona il pannello Privacy
  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

    1. Eseguire il Browser Safari iOS
    2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.


Come disabilitare i cookie di servizi di terzi


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati