Interpretazione dell’articolo 345Cpc, nel testo attualmente vigente - carattere tardivo della produzione documentaleavvenuta in appello - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online logo Interpretazione dell’articolo 345Cpc, nel testo attualmente vigente - carattere tardivo della produzione documentaleavvenuta in appello - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online foro_rivista

665 visitatori e 6 utenti online

Interpretazione dell’articolo 345Cpc, nel testo attualmente vigente - carattere tardivo della produzione documentaleavvenuta in appello - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online cameramen_225 Giugno 2019 h. 13.30/16.30 - Diritto di Famiglia: i tempi di permanenza con il padre dei figli minori  - la dichiarazione giurata dei redditi e del patrimonio nel processo della famiglia - negoziazione assistita  Relatori avv. Marina Petrolo e avv. Giorgio Vaccaro – Convegno in videoconferenza di gruppo accreditato dal C.N.F.  – Due crediti formativi . . . .leggi tutto


5 e 6 Luglio 2019 - Corso di preparazione alla digital innovation in campo legale e giuridico e alla comunicazione dello studio legale:DALLA TARGA ALLA DIMENSIONE DIGITALE. LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER LA "BUONA" COMUNICAZIONE DELLO STUDIO LEGALE (IN TRE MOSSE)” . . . Leggi tutto 

 

Formazione avvocati

Interpretazione dell’articolo 345Cpc, nel testo attualmente vigente - carattere tardivo della produzione documentaleavvenuta in appello

Interpretazione dell’articolo 345Cpc, nel testo attualmente vigente - carattere tardivo della produzione documentaleavvenuta in appello -  nuove prove in appello - rinvio alle Sezioni Unite

Interpretazione dell’articolo 345 Cpc, nel testo attualmente vigente - carattere tardivo della produzione documentale avvenuta in appello -  nuove prove in appello - rinvio alle Sezioni Unite. (Cassazione Sezione prima civile – ordinanza interlocutoria 12 ottobre 2004 - 19 gennaio 2005, n.1081)

Considerato:

a) con citazione notificata il 25 giugno 1996 la società Fascìno P. G. T., Srl., propose opposizione dinanzi al Tribunale di Roma avverso il decreto ingiuntivo col quale era stato intimato al teatro Parioli di pagare al Ministero, dell’interno – Comando provinciale dei VV. FF. di Roma - la somma di lire 202.816.550,
oltre accessori, di cui il Ministero si era dichiarato creditore per l’attività di prevenzione incendi, prestata dal 1992 al 1994 da tre vigili del fuoco presso il detto teatro in Roma;

b) l’opponente addusse di avere regolarmente pagato quanto dovuto per la vigilanza espletata da un solo vigile e di aver sempre  respinto la pretesa che il servizio fosse svolto da tre persone.

Sollevò poi eccezioni sulla legittimazione ad agire del Comando VV. FF. e sulla legittimazione passiva del teatro Parioli, privo di personalità giuridica;

c) il Tribunale adito, con sentenza depositata il 30 settembre 1991, accolse l’opposizione, revocò il decreto ingiuntivo e compensò le spese del processo;

d) il Ministero dell’Interno propose appello e la società appellata si costituì per resistere al gravame, ribadendo in via incidentale subordinata le eccezioni formulate con l’atto di opposizione;

e) la Corte di appello di Roma, con sentenza depositata il 22 ottobre 2001, rigettò l’impugnazione e condannò l’appellante al pagamento delle spese del grado, osservando: che il Ministero aveva dedotto l'erroneita' della decisione impugnata perché il giudice a quo avrebbe ritenuto non provata la domanda di pagamento, non essendo stato documentato che a prestare le mansioni di prevenzione fossero stati tre e non un solo vigile del fuoco; che all’uopo l’appellante aveva prodotto ampia documentazione, dalla quale sarebbe risultata la fondatezza delle prestazioni effettuate; che l’appellata aveva eccepito la inammissibilità della produzione (di cui, peraltro, agli atti non c'era traccia, perché l’avvocato dello Stato aveva omesso di depositare il fascicolo di parte, evidentemente ritirato dopo la precisazione delle conclusioni), sicché della produzione medesima non poteva tenersi conto, stante il divieto dettato dall’articolo 345 Cpc; che, comunque, mancava qualsiasi prova delle giornate lavorative effettuate e dell’effettiva. durata delle prestazioni, non potendosi desumere elementi di convincimento dall’ammissione indiretta della società, secondo cui per un certo periodo presso il teatro sarebbero stati inviati tre vigili anziché uno; che la Pa non aveva adempiuto all’onere della prova, sia per il carattere tardivo della produzione documentale, sia perché i documenti -peraltro ritirati coi fascicolo di parte - non provavano l’entità e il protrarsi delle prestazioni;

f) avverso la suddetta sentenza il Ministero dell’interno, Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Roma, ha proposto ricorso per cassazione, affidato a tre motivi. Col primo mezzo - denunziando violazione e falsa applicazione degli articoli 72, 74, 76, 77 disp. att.Cpc, degli articoli 58, 115, 165, 166, 169 dello stesso codice, nonché vizi di motivazione su punto decisivo - ha lamentato che la Corte di merito, pur avendo avuto consapevolezza dell’avvenuto rituale deposito del fascicolo di parte ad opera dell’appellante, avrebbe arbitrariamente presunto il ritiro del fascicolo stesso pur in assenza di ogni elemento al riguardo, mentre avrebbe dovuto disporne la ricerca e, se del caso, la ricostruzione; coi secondo mezzo ha denunziato violazione e falsa applicazione dell’articolo 345 Cpc, nonché omessa motivazione su punto decisivo, perché la Corte distrettuale, peraltro trascurando di motivare, avrebbe errato nel ritenere tardiva la copiosa produzione documentale effettuata in appello, in quanto l’articolo 345 Cpc non farebbe riferimento alle prove c. d. precostituite, quali sono i documenti, come confermato dalla giurisprudenza anche. per il rito dei lavoro; col terzo mezzo di cassazione ha dedotto violazione e falsa applicazione degli articoli115 e 116 Cpc, degli articoli 2697, 2699, 2729 Cc, nonché ancora vizi di motivazione, perché la Corte territoriale avrebbe errato nel ritenere (immotivatamente) ininfluenti le ammissioni provenienti da controparte, non attribuendo alcun rilievo anche ad atti di pubbliche autorità come la Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo;

g) Fascino P. G. T., Srl, ha resistito con controricorso, ribadendo (tra l’altro) il carattere tardivo della produzione documentale effettuata in secondo grado. Ha poi depositato memoria ai sensi dell’articolo 378 Cpc;

Ritenuto

1 L’esame dei ricorso postula che si consideri con priorità, per ragioni di ordine logico, il secondo motivo del ricorso stesso, perché - qualora dovesse essere riconosciuto il carattere tardivo della produzione documentale avvenuta in appello - la pronunzia sulle restanti censure ne resterebbe senza dubbio influenzata.

2. Il detto motivo si impernia sull’interpretazione dell’articolo 345 Cpc, nel testo attualmente vigente (ed applicabile alla fattispecie, trattandosi di causa promossa in epoca successiva al 30 aprile 1995). In base al terzo comma di tale nonna nel giudizio di appello “non sono ammessi muovi mezzi di prova, salvo che il collegio non li ritenga indispensabili ai fini della decisione della causa ovvero che la parte dimostri di non aver potuto proporli nel giudizio di primo grado per causa ad essa non imputabile. Può sempre deferirsi il giuramento decisorio”.

2. 1. Nell’interpretazione della nonna suddetta questa Corte ha più volte affermato (con riferimento al giudizio di cognizione ordinaria) che il divieto di ammissione di nuove prove, in essa stabilito, si riferisce esclusivamente alle prove costituende e quindi non riguarda i documenti che, in quanto prove precostituite, possono essere prodotti anche in secondo grado (tra le più recenti: Cassazione15646/03;  6756/03; 60/2003, 5463/02, alla stregua della quale però la facoltà di produrre nuovi documenti in appello deve essere esercitata, a pena di decadenza, con la costituzione in giudizio). La citata Cassazione 15646/03 ha aggiunto che alla produzione in secondo grado non è di ostacolo l’eventuale decadenza in cui la parte sia incorsa per il mancato rispetto del termine perentorio di deposito, fissato ai sensi dell’articolo 184 Cpc, perché tale preclusione ha effetto limitatamente al giudizio di primo grado, mirando la nonna soltanto a tutelare la concentrazione endoprocessuale, quindi interna a ciascun grado di giudizio.

2. 2. Nelle controversie soggette al rito del lavoro l’articolo 437, secondo comma, Cpc dispone (tra l’altro) che, in sede di appello, “non sono ammessi nuovi mezzi di prova, tranne il giuramento estimatorio, salvo che il collegio, anche d’ufficio, li ritenga indispensabili ai fini della decisione della causa” (e salva la facoltà delle parti di deferire il giuramento decisorio in qualsiasi momento della causa). Sembra corretto affermare che gli articoli 345 e 437 Cpc, in parte si sono ispirati ad un modello processuale sostanzialmente unitario in ordine alla disciplina dei poteri istruttori esercitabili in grado di appello e, in particolare, al carattere di novità dei mezzi di prova deducibili in sede di gravarne. Coerentemente, nella giurisprudenza di questa Corte è stato di gran lunga prevalente il principio secondo il quale il divieto sancito dall’articolo 437, secondo comma, Cpc (circa l’ammissione in grado di appello di nuovi mezzi di prova nelle controversie soggette al rito del lavoro) riguarda le prove costituende e non i documenti, che sono prove costituite.
Da tale orientamento (cui però si è da tempo contrapposto un indirizzo minoritario che fissa limiti, variamente configurati, all’ammissibilità di produzioni documentali in appello) si è di recente distaccata la sentenza di questa Corte 20 gennaio 2003, n. 775, che, nel quadro di un articolato ragionamento ricostruttivo del tessuto processuale, ha ritenuto che anche i documenti vadano compresi nel novero dei “nuovi mezzi di prova” indicati dal citato articolo 437, escludendo in sostanza la possibilità di differenziare prove precostituite e costituende.

Si è palesato cosi un contrasto la cui soluzione è stata rimessa all’esame delle Sezioni unite di questa Corte. Al riguardo l’Ufficio del massimario e del ruolo ha provveduto a redigere la relazione n. 94 del 28 settembre 2004, alla quale si rinvia per la più precisa esposizione dei termini del contrasto e delle questioni ad esso sottese, anche con riferimento alle posizioni della dottrina. 3. Ancorché mirata alle controversie soggette al rito del lavoro, la soluzione del citato contrasto non può non riflettersi sulla interpretazione dell’articolo 345, terzo comma, concernente il rito ordinario.

Infatti: a) come sopra si è accennato, detta norma sul piano testuale si presenta simile a quella dettata dall’articolo 437, comma secondo, Cpc;

b) le esigenze dì concentrazione e immediatezza, proprie del rito del lavoro, sono presenti anche nel rito ordinario, dopo la riforma introdotta con la legge 353/90 (e successive modificazioni), specialmente - ma non soltanto - nel giudizio dì appello;

c) in particolare, il testo novellato dell’articolo 345 Cpc restringe in modo espresso l’ammissibilità di nuovi mezzi di prova in appello e non distingue più (come invece si esprimeva il dettato precedente) tra la produzione di nuovi documenti e la richiesta di ammissione di nuovi mezzi di prova (l’una e l’altra considerate ammissibili, salve le conseguenze in ordine alle spese se la deduzione poteva essere fatta in primo grado);

d) anche nel rito ordinario l’articolo 184 Cpc, attribuendo natura perentoria ai termini per la produzione di documenti e l’indicazione di nuovi mezzi di prova (qui, invece, la distinzione è mantenuta), introduce una decadenza il cui carattere - ritenuto di esclusiva natura endoprocedimentale e limitata al giudizio di primo grado - merita un approfondimento;

e) la nozione di nuovi mezzi di prova sembra essere simile nel rito ordinano e in quello del lavoro.

In questo quadro il collegio ritiene opportuno che l’interpretazione dell’articolo 345 Cpc, con riguardo all’ammissibilità (ed agli eventuali limiti) dei nuovi mezzi di prova nel giudizio di appello, venga affidata alle Sezioni unite, già investite dell’analoga questione relativa all’articolo 437 Cpc, sia per dirimere il contrasto già palesato, sia per una valutazione coordinata di entrambe le disposizion~ che ne ponga in luce le identità o diversità dei vari profili ermeneutici.

PQM

La Corte dispone la trasmissione degli atti al sig. Primo Presidente per eventuale assegnazione del ricorso alle Sezioni unite

 

Documento pubblicato su ForoEuropeo - il portale del giurista - www.foroeuropeo.it

 


 

Stampa Email

Attualità - News - Commenti

Delitti contro la libertà individuale – violazione di domicilio – concorso apparente di norme – accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 615-ter, c.p.)  – Cassazione Penale, sentenza n. 21987- deposito del 20/05/2019

detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici (art. 615-quater, c.p.) – antefatto non punibile – “il delitto di cui all’art. 615-quater cod. pen., non concorre bensì è assorbito nel più grave reato di cui all’art. 615-ter cod. pen., di cui costituisce un antecedente necessario, sempre che quest’ultimo sia contestato, procedibile e integrato nel medesimo contesto spazio-temporale, in danno della medesima persona fisica”. Cassazione Penale, sentenza n. 21987 ud. 14/01/2019 - deposito del 20/05/2019. Commento a cura dell’Avv. Emanuele Lai.

codice della strada – revoca della patente Tar Marche, ord., 27 maggio 2019, n. 356

Sollevata questione di legittimità costituzionale – automatismo sanzionatorio – revoca della patente in caso di misure di sicurezza personali – irragionevolezza – obbligo del Prefetto – Tar Marche, ord., 27 maggio 2019, n. 356, commento a cura dell’Avv. Silvia Albanese.

Elezione dei componenti dei consigli degli ordini circondariali forensi - limite del doppio mandato. Corte Costituzionale - Comunicato stampa - Legittimo il divieto di terzo mandato consecutivo per i componenti dei consigli forensi 18.9.2019

 Avvocato e procuratore - Elezione dei componenti dei consigli degli ordini circondariali forensi - Limiti all'elettorato passivo - Ineleggibilità degli avvocati che abbiano già espletato due mandati consecutivi - Norma di interpretazione autentica che, ai fini del rispetto del divieto di rielezione, prevede che si tenga conto anche dei mandati espletati, anche solo in parte, prima dell'entrata in vigore dell'art. 3, comma 3, secondo periodo, della legge n. 113 del 2017. documentazione estratta dal sito web della Corte costituzionale

Condominio – delibera assembleare –- installazione dell’ascensore – barriere architettoniche - corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 15021 del 31 maggio 2019

Delibera –ascensore – barriere architettoniche – installazione in cortile comune di uso esclusivo – prevenzione antincendio – violazione - corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 15021 del 31 maggio 2019 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

delibera assembleare avente ad oggetto l’installazione di un ascensore

Condominio – Delibera assembleare – impugnativa – ricorso per cassazione – interesse ad agire – carenza – inammissibilità - corte di cassazione, sez. 2, sentenza n. 13217 del 16 maggio 2019 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

Massime corte di cassazione

Azioni a difesa del possesso - azioni possessorie (nozione, differenza con le azioni di nunciazione, distinzioni) - procedimento possessorio - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6030 del 28/02/2019

Possesso - azioni a difesa del possesso - azioni possessorie (nozione, differenza con le azioni di nunciazione, distinzioni) - procedimento possessorio - fasi del giudizio - Provvedimento del giudice di primo grado di accoglimento dell'istanza di tutela del possesso con omissione della remissione delle parti alla fase di merito - Reclamabilità - Esclusione - Appellabilità - Sussistenza - Esame nel merito da parte del tribunale del reclamo erroneamente proposto - Ricorso per cassazione - Ammissibilità - Poteri della Corte di cassazione.

Patrimoniale e non patrimoniale (danni morali) - Danni subiti da congiunto del danneggiato principale (danno parentale) - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5807 del 28/02/2019

Risarcimento del danno - patrimoniale e non patrimoniale (danni morali) - Danni subiti da congiunto del danneggiato principale (danno parentale) - "danno conseguenza" - Oneri allegatori e probatori - Fattispecie.

Responsabilità aggravata ex art. 96, comma 3, c.p.c. - Abuso del diritto di impugnazione - spese giudiziali civili - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5725 del 27/02/2019

Spese giudiziali civili - di cassazione - in genere - Responsabilità aggravata ex art. 96, comma 3, c.p.c. - Abuso del diritto di impugnazione - spese giudiziali civili - "ius superveniens" - responsabilità aggravata - lite temeraria - In genere.

Cassazione (ricorso per) - giudizio di rinvio - in genere - Riassunzione ad opera di una sola delle parti - Sufficienza -

Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - giudizio di rinvio - in genere - Riassunzione ad opera di una sola delle parti - Sufficienza - Effetti - Contumacia - Valore di rinuncia - Esclusione.

Lavoro subordinato (nozione, differenze dall'appalto e dal rapporto di lavoro autonomo, distinzioni) - estinzione del rapporto -Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 5752 del 27/02/2019

Lavoro - lavoro subordinato (nozione, differenze dall'appalto e dal rapporto di lavoro autonomo, distinzioni) - estinzione del rapporto - diritto alla conservazione del posto - infortuni e malattie - comporto Superamento del periodo di comporto - Oneri datoriali di motivazione - Comporto cd. “secco” e per sommatoria - Art. 2 della l. n. 604 del 1966 novellato - Rilevanza - Fattispecie.

Confessione - in genere - Oggetto della confessione - Fatti obiettivi e non giudizi od opinioni - Necessità - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5725 del 27/02/2019

Prova civile - confessione - in genere - Oggetto della confessione - Fatti obiettivi e non giudizi od opinioni - Necessità - Conseguenze - Fattispecie.

Cose in custodia - incendio - obbligo di custodia - Omessa custodia di un bene destinato ad attività di culto - Responsabilità del proprietario - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5841 del 28/02/2019

Responsabilità civile - cose in custodia - incendio - obbligo di custodia - Omessa custodia di un bene destinato ad attività di culto - Responsabilità del proprietario - Sussistenza - Responsabilità dell'ente territoriale su cui insiste il bene - Condizioni - Fattispecie.

Agenzia (contratto di) - (nozioni, caratteri, distinzioni) -Concluso anteriormente al d.lgs. n. 303 del 1991 - Forma scritta - Necessità - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 6021 del 28/02/2019

Agenzia (contratto di) - in genere (nozioni, caratteri, distinzioni) - Concluso anteriormente al d.lgs. n. 303 del 1991 - Forma scritta - Necessità - Esclusione - Successivi fatti contrari o aggiunti - Prova testimoniale - Ammissibilità.

Accertamento tributario (nozione) - avviso di accertamento – notifica - Notificazione ex art. 60, comma 1, lett. e), del d.P.R. n. 600 del 1973 - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Ordinanza n. 5902 del 28/02/2019

Tributi (in generale) - accertamento tributario (nozione) - avviso di accertamento – notifica - Notificazione ex art. 60, comma 1, lett. e), del d.P.R. n. 600 del 1973 - Legittimità - Condizioni - Modalità.

Responsabilità civile e penale (reati commessi col mezzo della stampa) - Ricostruzione dei fatti, attitudine offensiva delle notizie diffuse, sussistenza dei diritti di cronaca e di critica - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5811 del 28/02/201

Stampa - responsabilità civile e penale (reati commessi col mezzo della stampa) - Ricostruzione dei fatti, attitudine offensiva delle notizie diffuse, sussistenza dei diritti di cronaca e di critica - Apprezzamento del giudice di merito - Censurabilità in cassazione - Limiti - Fattispecie.

Rappresentanza - volontaria (procura) - in genere - Procura generale a donare - Art. 60 l. n. 218 del 1995 - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 6016 del 28/02/2019

Contratti in genere - rappresentanza - volontaria (procura) - in genere - Procura generale a donare - Art. 60 l. n. 218 del 1995 - Operatività - Condizioni - Fondamento - Fattispecie.

Principi comuni - ambito di applicazione - elemento soggettivo - Colpa - Sufficienza - Buona fede - Rilevanza - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6018 del 28/02/2019

Sanzioni amministrative - principi comuni - ambito di applicazione - elemento soggettivo - Colpa - Sufficienza - Buona fede - Rilevanza - Condizioni - Ignoranza incolpevole - Necessità - Fattispecie.

Effetti - usucapione - interruzione e sospensione - in genere - Tassatività degli atti interruttivi - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6029 del 28/02/2019

Possesso - effetti - usucapione - interruzione e sospensione - in genere - Tassatività degli atti interruttivi - Conseguenze - Fattispecie.

Capacità processuale - rappresentanza del procuratore e dell'institore - Legittimazione processuale - Rappresentanza volontaria - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Sentenza n. 5925 del 28/02/2019

Procedimento civile - capacità processuale - rappresentanza del procuratore e dell'institore - Legittimazione processuale - Rappresentanza volontaria - Prova - Necessità - Procura speciale - Produzione in ogni stato e grado del giudizio - Fondamento - Limiti - Fattispecie.

Onorari – privilegi - Spese e spettanze procuratorie - Riferimento alla parcella ed agli importi indicati nella tabella dei parametri forensi - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 5798 del 28/02/2019

Avvocato e procuratore - onorari – privilegi - Spese e spettanze procuratorie - Riferimento alla parcella ed agli importi indicati nella tabella dei parametri forensi - Necessità - Onorari - Determinazione discrezionale entro i limiti dello scaglione di riferimento correttamente individuato - spese giudiziali civili - "ius superveniens" - liquidazione

Azioni a difesa della proprietà - rivendicazione (nozione, differenze dall'azione di regolamento dei confini e distinzioni) - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6007 del 28/02/2019

Proprietà - azioni a difesa della proprietà - rivendicazione (nozione, differenze dall'azione di regolamento dei confini e distinzioni) - in genere - Distruzione o alienazione del bene rivendicato, in epoca anteriore al giudizio - Azione esperibile.

Obbligazioni pecuniarie - interessi - saggio degli interessi - Ritardo di pagamento nelle transazioni commerciali - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 5803 del 28/02/2019

Obbligazioni in genere - obbligazioni pecuniarie - interessi - saggio degli interessi - Ritardo di pagamento nelle transazioni commerciali - Saggio di interesse di cui all'art. 5 del d.lgs. n. 231 del 2002 - Applicabilità ai contratti di affitto - Fondamento - Fattispecie.

Condominio negli edifici (nozione, distinzioni) - contributi e spese condominiali - spese di manutenzione (ripartizione) - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 6010 del 28/02/2019

Comunione dei diritti reali - condominio negli edifici (nozione, distinzioni) - contributi e spese condominiali - spese di manutenzione (ripartizione) - Criterio.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui ad utilizzare questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Uso dei cookie

Foroeuropeo.eu o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di Foroeuropeo.eu.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da Foroeuropeo.eu.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Foroeuropeo.eu userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.


Foroeuropeo.eu, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Foroeuropeo.eu e che che quindi non risponde di questi siti.


Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito:

  • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni
  • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo)  dell’utente –  necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti
  • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi
  • _dc – di sessione – utilizzato per limitare le richieste di remarketing (non presente ad ora su Foroeuropeo.eu.com) che sono state fatte necessario al servizio di terze parti di Google Analytics. Dura 10 minuti
  • PHPSESSID  – di sessione – necessarioda WordPress per identificare la singola sessione di un utente.
  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • frm_form8_0398a1368566c8697942eb6f74ad02a5 – sessione – necessario per i referral del modulo di contatto

Cookie di terze parti:

  • Facebook:
    • act – sessione
    • c_user – persistente
    • csm – persistente
    • datr – persistente
    • fr – persistente
    • i_user – sessione
    • lu – persistente
    • p – sessione
    • presence – sessione
    • s – persistente
    • x-src – persistente
    • xs – persistente
    • datr – persistente
    • lu – persistente
  • Google +
    • AID – persistente
    • APISID – persistente
    • HSID – persistente
    • NID – persistente
    • OGP – persistente
    • OGPC – persistente
    • PREF – persistente
    • SAPISID – persistente
    • SID – persistente
    • SSID – persistente
    • TAID – persistente
    • OTZ – persistente
    • PREF – persistente
    • ACCOUNT_CHOOSER – persistente
    • GAPS – persistente
    • LSID – persistente
    • LSOSID – persistente
    • RMME – persistente
  • Twitter
    • __utma – persistente
    • __utmv – persistente
    • __utmz – persistente
    • auth_token – persistente
    • guest_id – persistente
    • pid – persistente
    • remember_checked – persistente
    • remember_checked_on – persistente
    • secure_session – persistente
    • twll – persistente
    • dnt – persistente
    • eu_cn – persistente
    • external_referer – persistente
  • Mozcast
    • __utma – persistente
    • __utmz – persistente

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù Interpretazione dell’articolo 345Cpc, nel testo attualmente vigente - carattere tardivo della produzione documentaleavvenuta in appello - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online chrome-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù Interpretazione dell’articolo 345Cpc, nel testo attualmente vigente - carattere tardivo della produzione documentaleavvenuta in appello - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online firefox-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Seleziona il pannello Privacy
  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

    1. Eseguire il Browser Safari iOS
    2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.


Come disabilitare i cookie di servizi di terzi


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati