Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda divisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 22906 del 25/10/2006Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda divisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 22906 del 25/10/2006
Criteri di attribuzione fissati dall'art. 720 cod. civ. - Obbligo di osservanza da parte del giudice - Fattispecie. In caso di scioglimento della comunione ereditaria od ordinaria, fine primario della divisione è la conversione del diritto di ciascun condividente alla quota ideale in diritto di proprietà esclusiva di beni individuali, sicché quando in presenza di un immobile indivisibile o non comodamente divisibile vi è una pluralità di richieste di assegnazione benché è possibile l'assegnazione anche ai titolari di quota minore, laddove ciò corrisponda all'interesse comune delle parti. (...
Divisione - divisione erria - in genere - Comunione erria – Relativa ad unico bene immobile – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 9522 del 06/05/2005Divisione - divisione erria - in genere - Comunione erria – Relativa ad unico bene immobile – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 9522 del 06/05/2005
Alienazione di alcune quote ad estranei - Trasformazione in comunione ordinaria - Esclusione - Scioglimento - Condizioni - Conseguenze. La comunione erria non si trasforma in comunione ordinaria per il fatto che essa comprenda un unico bene immobile, nè per la circostanza che alcuni dei coeredi abbiano ceduto ad estranei le rispettive quote, con la conseguenza che, anche in tale ipotesi, la divisione deve aver luogo in conformità alle norme sulla divisione erria. Solamente quando siano state compiute le operazioni divisionali, dirette ad eliminare la maggior parte delle varie componenti...
Divisione - divisione erria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda divisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1245 del 29/01/2001Divisione - divisione erria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda divisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1245 del 29/01/2001
Attribuzione ad un condividente con obbligo di corresponsione di equivalente in danaro ad altro coerede - Debito di valore - Conseguenze - Obbligo di valutare il bene al momento della decisione - Sussistenza - Criterio utilizzabile - Maggiorazione, secondo gli indici ISTAT, del prezzo stimato dal consulente d'ufficio, con decorrenza dalla data dell'accertamento alla sentenza - Esclusione - Ragioni. In tema di divisione, il conguaglio che il condividente, a cui sia attribuito per intero l'immobile, deve corrispondere ad altro coerede, costituisce debito di valore, esprimendo l'equivalente...
Servitù - prediali - costituzione del diritto - delle servitù volontarie - costituzione non negoziale - per destinazione del padre di famiglia – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 12950 del 29/09/2000Servitù - prediali - costituzione del diritto - delle servitù volontarie - costituzione non negoziale - per destinazione del padre di famiglia – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 12950 del 29/09/2000
Divisione giudiziale con imposizione di servitù tra le singole quote - Servitù - Costituzione - Natura. La divisione immobiliare effettuata dal giudice, il quale a tal fine può anche imporre la formazione di servitù non eccessivamente gravose tra le singole quote, non opera come provvedimento costitutivo delle eventuali servitù, bensì come fatto giuridico che, in correlazione con la situazione obbiettiva dei luoghi, determina il sorgere della servitù secondo lo schema della costituzione per destinazione del padre di famiglia. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 12950 del 29/09/2000 &...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda divisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2170 del 11/03/1997Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda divisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2170 del 11/03/1997
Accertamento - Verificata infrazionabilità del bene in rapporto alle quote e in relazione all' originaria funzione di esso - Necessità della concorrente verifica dell'entità della spesa di frazionamento e dell'eventuale deprezzamento del bene - Esclusione. L'impossibilità materiale di frazionare un bene immobile in parti di esso corrispondenti alle quote degli aventi diritto, suscettive di autonomo e libero godimento, in relazione alla funzione originaria del bene, rende superfluo l'esame dell'entità della spesa da affrontare per il frazionamento e del deprezzamento che ne potrebbe derivare...
Divisione - divisione erria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 5947 del 27/06/1996Divisione - divisione erria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 5947 del 27/06/1996
Comoda divisibilità di un bene immobile - Condizioni. L'accertamento della comoda divisibilità del bene, ai fini dello scioglimento della comunione, va operato a norma dell'art. 720 cod. civ., tenendo conto dell'aspetto economico, funzionale e materiale e non alla stregua della norma processuale dell'art. 577 cod. proc. civ. che attiene alla semplice divisibilità di beni immobili, costituenti un'astratta e non ancora definita unità colturale e contiene, perciò, un "minus" rispetto alla comoda divisibilità prevista dalla norma sostantiva (art. 846 cod. civ.). Corte di Cassazione Sez. 2,...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 5947 del 27/06/1996Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 5947 del 27/06/1996
Comoda divisibilità di un bene immobile - Condizioni. L'accertamento della comoda divisibilità del bene, ai fini dello scioglimento della comunione, va operato a norma dell'art. 720 cod. civ., tenendo conto dell'aspetto economico, funzionale e materiale e non alla stregua della norma processuale dell'art. 577 cod. proc. civ. che attiene alla semplice divisibilità di beni immobili, costituenti un'astratta e non ancora definita unità colturale e contiene, perciò, un "minus" rispetto alla comoda divisibilità prevista dalla norma sostantiva (art. 846 cod. civ.). Corte di Cassazione, Sez. 2,...
Comunione dei diritti reali - comproprietà indivisa - scioglimento - divisione in natura – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2117 del 24/02/1995Comunione dei diritti reali - comproprietà indivisa - scioglimento - divisione in natura – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2117 del 24/02/1995
Destinazione economica unitaria del bene comune - Comoda divisibilità - Sussistenza - Condizioni. L'unitaria destinazione economica del ben comune non ne esclude la comoda divisibilità, ai sensi dell'art. 720 cod. proc. civ., nel giudizio di divisione regolato dagli artt. 784 e ss. cod. proc. civ., se il bene può essere materialmente ripartito, senza pregiudizio dell'originario valore economico, in parti vantaggiosamente utilizzabili dai singoli condividenti. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2117 del 24/02/1995  ...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda divisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1260 del 02/02/1995Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda divisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1260 del 02/02/1995
Requisito sotto l'aspetto economico-finanziario - Accertamento del giudice di merito - Insindacabilità - In Cassazione - Limiti. In tema di scioglimento di comunione avente ad oggetto un immobile, il requisito della comoda divisibilità del bene, ai sensi degli artt. 720 e 1114 cod. civ. postula, sotto l'aspetto economico-finanziario, che la divisione non incida sull'originaria destinazione del bene e non comporti un sensibile deprezzamento del valore delle singole porzioni rispetto al valore dell'intero. Peraltro l'accertamento del giudice del merito circa la concreta riscontrabilità del...
Divisione - divisione erria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1158 del 01/02/1995Divisione - divisione erria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1158 del 01/02/1995
Porzione di beni qualitativamente omogenea all'intero - Diritto di ciascun condividente - Limiti. Il diritto di ciascun condividente ad una porzione di beni qualitativamente omogenea all'intero non è assoluto e inderogabile, ma trova un limite, oltre che nella indivisibilità del bene imposta dalla legge nell'interesse della produzione nazionale, nel pregiudizio che il frazionamento arrecherebbe alle ragioni della pubblica economia e dell'igiene e nella non comoda divisibilità degli immobili, la quale può dipendere sia dalla eccessiva onerosità delle opere di divisione o dei pesi, limiti e...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1158 del 01/02/1995Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1158 del 01/02/1995
Porzione di beni qualitativamente omogenea all'intero - Diritto di ciascun condividente - Limiti. Il diritto di ciascun condividente ad una porzione di beni qualitativamente omogenea all'intero non è assoluto e inderogabile, ma trova un limite, oltre che nella indivisibilità del bene imposta dalla legge nell'interesse della produzione nazionale, nel pregiudizio che il frazionamento arrecherebbe alle ragioni della pubblica economia e dell'igiene e nella non comoda divisibilità degli immobili, la quale può dipendere sia dalla eccessiva onerosità delle opere di divisione o dei pesi, limiti e...
Divisione - Divisione ereditaria - Operazioni divisionali - Formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 8743 del 16/08/1993Divisione - Divisione ereditaria - Operazioni divisionali - Formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 8743 del 16/08/1993
Immobili non divisibili - In genere - Attribuzione unitaria o vendita ex art. 720 cod. proc. civ. - Esigenze della programmazione del territorio - Irrilevanza. In tema di scioglimento delle comunioni e formazione delle porzioni dei condividenti, non assumono rilievo, ai fini dell'accertamento della indivisibilità del fondo, le esigenze della programmazione del territorio in ragione del possibile contrasto del frazionamento del fondo con i futuri programmi edilizi, non essendo l'amministrazione vincolata o condizionata dalle situazione di dominio dei suoli. Corte di Cassazione Sez. 2,...
Divisione - Divisione ereditaria - Operazioni divisionali - Formazione dello stato attivo dell'eredità - Immobili non divisibili - Non comoda divisibilità - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1299 del 07/02/1991Divisione - Divisione ereditaria - Operazioni divisionali - Formazione dello stato attivo dell'eredità - Immobili non divisibili - Non comoda divisibilità - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1299 del 07/02/1991
Pagamento di debito contratto per la comunione da parte di un coerede - Espropriazione della quota - Richiesta di attribuzione dell'immobile non comodamente divisibile - Valutazione dell'immobile - Momento rilevante. Anche nel caso in cui con riguardo alla divisione relativa ad una comunione ereditaria uno dei coeredi abbia provveduto al pagamento di un debito solidale contratto per la comunione, senza ottenerne il rimborso "pro quota" da parte degli altri coeredi, con la conseguente espansione della sua quota a norma del terzo comma dell'art. 1115 cod. civ., per stabilire quale sia il...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1104 del 15/02/1990Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1104 del 15/02/1990
Immobili non divisibili - non comoda divisibilità - nozione.   In tema di scioglimento di comunione avente ad oggetto un immobile, il requisito della comoda divisibilità del bene, ai sensi degli artt. 720 e 1114 cod. civ., postula sotto l'aspetto strumentale che il frazionamento sia attuabile mediante la Determinazione in concreto di porzioni suscettibili di autonomo e libero godimento, non gravate, almeno di norma, da pesi, servitù e limitazioni eccessive, e che possono formarsi senza la necessità di fronteggiare problemi tecnici troppo costosi e particolarmente complessi e,...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2662 del 30/03/1988Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2662 del 30/03/1988
Diritto ai beni in natura - divisione di immobili in comunione non ereditaria - irrilevanza - condizioni.* Le Disposizioni degli artt. 720 e 722 cod. civ. concernenti gli immobili indivisibili o non comodamente divisibili - in relazione ai quali soltanto è derogabile la regola del diritto del coerede ad avere in natura la propria porzione dei beni erri - trovano applicazione, in virtù del rinvio operato dall'art. 1116 cod. civ., anche in tema di divisione di immobili in comunione non ereditaria, con la conseguenza che in tal caso il diritto del comunista alla divisione in natura (art. 1114...
Comunione dei diritti reali - comproprietà indivisa - scioglimento – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2806 del 21/03/1987Comunione dei diritti reali - comproprietà indivisa - scioglimento – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2806 del 21/03/1987
Divisione in natura - immobili non divisibili - attribuzione unitaria o vendita, ex art. 720 cod. Civ. - esigenze della programmazione del territorio - irrilevanza.   In tema di scioglimento delle comunioni e formazione delle porzioni dei condividenti con riguardo all'indivisibilità di un fondo (ai fini della sua attribuzione unitaria o della vendita ex art. 720 cod. civ.) non assumono rilievo le esigenze della programmazione del territorio in ragione del possibile contrasto del frazionamento del fondo con futuri programmi edilizi, atteso che l'amministrazione non è in alcun modo...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2474 del 10/03/1987Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2474 del 10/03/1987
Immobili non divisibili - non comoda divisibilità - stima - conguagli in denaro - more del procedimento - sopravvenuta svalutazione monetaria - rilevanza - condizioni - adeguamento dei conguagli - funzione.* Qualora un immobile non comodamente divisibile venga assegnato, in Sede di divisione giudiziale, ad uno dei condividenti. Ai sensi dell'art. 720 cod. civ. con attribuzione agli altri di somme di denaro corrispondenti al valore delle rispettive quote, il giudice d'appello, anche d'ufficio, può aggiornare l'ammontare di quelle somme in relazione al diminuito potere di acquisto della...
Agricoltura - minima unità culturale - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1421 del 10/02/1987Agricoltura - minima unità culturale - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1421 del 10/02/1987
Divieto di frazionamento di terreni stabilito in relazione al rispetto della minima unità culturale - disciplina ex art. 846 cod. Civ. - inapplicabilità. Anche con riguardo alla comoda divisibilità (o meno) di un fondo in comunione non trova applicazione l'art. 846 cod. civ., che vieta il frazionamento di terreni destinati a coltura o suscettibili di coltura che non rispettino la minima unità colturale, non essendo mai stato attuato il successivo art. 847, che demanda all'autorità amministrativa la Determinazione (zona per zona) della estensione della minima unità colturale. Peraltro al...
Agricoltura - minima unità culturale - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1421 del 10/02/1987Agricoltura - minima unità culturale - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1421 del 10/02/1987
Divieto di frazionamento di terreni stabilito in relazione al rispetto della minima unità culturale - disciplina ex art. 846 cod. Civ. - inapplicabilità.* Anche con riguardo alla comoda divisibilità (o meno) di un fondo in comunione non trova applicazione l'art. 846 cod. civ., che vieta il frazionamento di terreni destinati a coltura o suscettibili di coltura che non rispettino la minima unità colturale, non essendo mai stato attuato il successivo art. 847, che demanda all'autorità amministrativa la Determinazione (zona per zona) della estensione della minima unità colturale. Peraltro al...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 3732 del 21/06/1985Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 3732 del 21/06/1985
Pagamento di debiti ereditari - vendita dei beni per il pagamento dei debiti - presupposti - indivisibilità di un immobile - inidoneità - limiti.* Ai sensi dell'art. 719 cod. civ. (vendita dei beni per il pagamento dei debiti erri) e nell'ipotesi di Mancanza o insufficienza di beni mobili, l'indivisibilità di un immobile non è di per sè sufficiente per giustificarne la vendita, qualora del compendio ereditario faccia parte un immobile di valore minore ma pur sempre atto ad estinguere le passività errie.* Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 3732 del 21/06/1985  ...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - stima – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1529 del 21/02/1985Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - stima – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1529 del 21/02/1985
Conguagli in denaro - debito di valore - configurabilità - rivalutazione a seguito del diminuito valore della moneta - ammissibilità.* In tema di divisione giudiziale di un immobile, l'attribuzione di somme di denaro a titolo di conguaglio costituisce un debito di valore che il giudice, anche d'appello, deve rivalutare, pur in assenza di una istanza di parte, per aggiornarlo al diminuito potere di acquisto della moneta verificatosi nel corso del procedimento, se e nei limiti in cui tale svalutazione si sia tradotta in una normale lievitazione del prezzo di mercato del bene. Detto...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1804 del 16/03/1984Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1804 del 16/03/1984
Immobili non divisibili - non comoda divisibilità - conguaglio in favore del condividente con porzione del bene di minore valore - adeguamento alla stregua della lievitazione del prezzo di mercato del bene - necessità.* In tema di divisione di beni non comodamente divisibili, il conguaglio riconosciuto ad uno dei condividenti esprime l'equivalente economico di una porzione del bene di maggiore valore attribuito all'altro condividente. Pertanto, tale conguaglio, costituendo un debito di valore, deve essere adeguato anche di ufficio ed in grado di appello, alla stregua della lievitazione del...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 6504 del 04/11/1983Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - formazione dello stato attivo dell'eredità – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 6504 del 04/11/1983
Immobili non divisibili - non comoda divisibilità - sussistenza - accertamento del giudice del merito - incensurabilità in cassazione - fabbricati - dichiarazione di inagibilità - irrilevanza - fondi rustici - violazione della minima unità culturale - irrilevanza - limiti. L'accertamento della comoda divisibilità di un bene ai sensi dello art. 720 cod. civ. implica un apprezzamento di fatto incensurabile in Cassazione, quando il giudice abbia correttamente valutato la concreta possibilità di frazionamento sia nel suo aspetto economico, escludendo l'eventuale deprezzamento del bene, sia...
Divisione - divisione ereditaria - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 3788 del 22/06/1982Divisione - divisione ereditaria - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 3788 del 22/06/1982
Comunione ereditaria - relativa ad un unico immobile - alienazione di alcune quote ad estranei - trasformazione in comunione ordinaria - esclusione - divisione - disciplina.* Successioni mortis causa - coeredità (comunione erria).* La comunione ereditaria non si trasforma in comunione ordinaria per il fatto che essa comprenda un unico bene immobile, ne' per la circostanza che alcuni dei coeredi abbiano ceduto ad estranei le rispettive quote, con la conseguenza che, anche in tale ipotesi, la divisione deve aver luogo in conformità alle norme sulla divisione ereditiaria. ( Conf 604/70).*...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 320 del 18/01/1982Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 320 del 18/01/1982
Formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - in genere - assegnazione ad uno dei condividenti - valore del relictum - determinazione - momento rilevante.* Nella divisione ereditaria, ai fini dell'assegnazione di immobile non divisibile ad uno dei condividenti, ai sensi dell'art. 720 cod. civ., con attribuzione agli altri di somme di danaro a soddisfazione delle rispettive quote, il valore del relictum va determinato con riferimento all'epoca di apertura della successione al fine della Determinazione delle singole quote, ma deve essere considerato nell'entità...
Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 4938 del 18/08/1981Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 4938 del 18/08/1981
 formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - non comoda, divisibilità - per antieconomicità della divisione - configurabilità.* Il diritto di ciascun condividente ad una porzione di beni immobili qualitativamente omogenea all'intera non è assoluto ne' inderogabile, ma trova un limite nell'indivisibilità per legge del bene, dettata nell'interesse della produzione nazionale (art. 720 cod. civ.), nel pregiudizio che il frazionamento recherebbe alle ragioni della pubblica economia e dell'igiene, e nella non comoda divisibilità degli immobili (art. 720 cod. civ...
Divisione - divisione ereditaris - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1517 del 06/03/1980Divisione - divisione ereditaris - operazioni divisionali – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1517 del 06/03/1980
Formazione dello stato attivo dell'eredità - immobili non divisibili - indivisibilità di diritto pubblico - non comoda divisibilità - nozione.* 071069 405076* Il diritto di ciascun condividente a una porzione di beni immobili qualitativamente omogenea all'intero non e assoluto e inderogabile, ma trova un limite oltre che nella indivisibilità per legge del bene dettata nell'interesse della produzione nazionale (art 722 cod civ), nel pregiudizio che il frazionamento recherebbe alle ragioni della pubblica economia e dell'igiene e nella non comoda divisibilità degli immobili (art 720 cod civ)...
Divisione - divisibilità e indivisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2813 del 09/10/1971Divisione - divisibilità e indivisibilità – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 2813 del 09/10/1971
Immobile non comodamente divisibile - deroga al diritto all'uguaglianza qualitativa.* Il diritto dei condividenti all'uguaglianza qualitativa e derogabile in dipendenza della non comoda divisibilità degli immobili, la quale presenta un aspetto strutturale (quando la divisione richieda accorgimenti ed operazioni troppo costosi o complessi, ovvero la imposizione di pesi, limiti e servitù per il godimento delle singole porzioni ereditarie) ed altro funzionale (quando la divisione comporti un pregiudizio al valore economico delle quote rispetto all'intero, ovvero una deviazione dalla normale...